Settembre 24, 2020

AFV

Libera la tua mente

Lula e Fernandez: la pandemia ha mostrato che il capitalismo non è una soluzione. Il libero mercato non salverà nessuno

Sharing is caring!

Durante un dialogo virtuale “Pensare l’America Latina dopo la pandemia di Covid-19”, svoltasi ieri sera tra l’ex presidente brasiliano Lula da Silva e l’attuale presidente argentino, Alberto Fernández, si è discusso della riscossa della regione nel dopo coronavirus e si è convenuto che è evidente che il capitalismo e il suo concetto di “mercato” non sono più una soluzione per il mondo.

“Penso che ciò che salverà l’America Latina dopo la pandemia è una parola chiamata democrazia. Ma una democrazia statale forte che si prenda cura del popolo. Perché ciò che questa crisi ha dimostrato è che il mercato non salverà la vita di nessuno”, ha sottolineato Lula.

L’ex presidente brasiliano, ha inoltre fatto appello a trasformare il mondo in un posto più umano e migliore in cui vivere. “Trasformare il mondo è una questione di necessità”, ha detto, sottolineando che durante il suo mandato ha coinciso con le idee e le gesta di altri leader progressisti come Hugo Chávez, Rafael Correa, Evo Morales e Néstor Kirchner, le cui idee e azioni comuni hanno reso realtà il sogno di un’America unita, ricca e forte.

“Mi manca molto il rapporto con Chávez, mi manca il rapporto con Kirchner, mi manca il sogno di dover creare un’America Latina forte e sovrana”, ha detto, e ha riconosciuto quella situazione come il momento più importante della storia dello sviluppo sociale nella regione.

Riferendosi all’attuale contesto globale, ha sottolineato che, per quanto profonde siano le crisi, possono essere invertite se la politica viene utilizzata come strumento per trasformare i sogni in realtà. “O ritorneremo alla politica nel suo senso storico più alto o torneremo alla barbarie”, ha sottolineato.

L’ex capo di stato brasiliano ha affermato che il mercato non è in grado di fornire risposte ai problemi che il mondo sta attualmente vivendo ed è lo Stato che si assume le responsabilità di salvare la vita a livello globale.

“L’economia deve essere al servizio degli esseri umani e non viceversa”, ha detto Lula, riconoscendo che l’unica ragione per cui un presidente è degno e un essere umano è decente, è l’essere in grado di prendersi cura delle persone e non degli interessi commerciali.

Ha sostenuto che solo la democrazia statale consentirà alle persone di essere in grado di discutere il modello politico che le guida, che il bilancio è allocato in base ai problemi delle persone in modo che lo Stato sia il vero motore dell’economia e allo stesso tempo riesca a proteggere il vite umane.

L’ex presidente ha riflettuto sulla realtà del Brasile, dell’Argentina e del mondo nel mezzo della crisi sanitaria.

“Quando vedo quante vite sono state salvate in Argentina, mi fa molto male vedere il mio paese fuori controllo, con ministri che non possono agire per proteggere il nostro popolo e un presidente della Repubblica (Bolsonaro) che si fa beffa della tragedia”, ha detto.

La pandemia ha messo in crisi il mondo

Il presidente dell’Argentina, Alberto Fernández, da parte sua ha affermato che “la pandemia ha trasformato il mondo, ha messo il mondo in crisi”.

“La politica è un’azione etica. Non puoi chiederti se la vita sia o meno la cosa più importante. È un falso dubbio chiedersi di scegliere tra vita ed economia”, ha aggiunto, aggiungendo che la politica deve garantire che l’uomo diventi un essere migliore.

Fernández ha riconosciuto che ci sono quelli che credono che la cosa più importante siano loro stessi, in allusione ai governi capitalisti che con una cattiva gestione hanno lasciato in condizione di abbandono la vita di milioni di persone.

Ha anche fatto riferimento alle azioni della destra in America Latina, che sotto la regia di Washington, agisce per distruggere i leader della sinistra, con persecuzioni e processi giudiziari assolutamente inventati, per costruire immagini criminali che sono state divulgate dai media.

“Una Repubblica non nasce per perseguitare l’altra parte politica, ma per rispettare i diritti”, ha affermato, avvertendo che la pandemia ha messo in luce le disuguaglianze sociali in America Latina e ha dimostrato che il capitalismo non può continuare ad esistere come è stato finora.

Al contrario, ha indicato la pandemia come una grande opportunità per raggiungere più uguaglianza. “La pandemia è una grande opportunità per avere più uguaglianza, uguaglianza di genere, un’opportunità per rispettare le differenze, in modo che nessuno soffra per essere come ha deciso di essere. In Argentina dipende da noi”, ha detto Fernández.

Lo scambio virtuale organizzato dalla Facoltà di Scienze Sociali dell’Università di Buenos Aires e trasmesso in diretta su varie piattaforme Internet, ha visto la partecipazione sia di leader latinoamericani, sia di personalità, ricercatori delle Scienze sociali della regione e del Premio Nobel, Adolfo Pérez Esquivel.

Rete solidarietà rivoluzione bolivariana

Nel primo link il video della trasmissione completa.
Lula parla al punto 1:40:00 del video.

https://www.vtv.gob.ve/lula-fernandez-dialogo-virtual-pandemia-capitalismo/