Luglio 6, 2020

AFV

Libera la tua mente

Bruxelles, abbiamo un problema! 30 anni dopo il crollo del comunismo, l’Europa orientale sta perdendo la sua fiducia nella democrazia liberale

Sharing is caring!

Di Robert Bridge*


Tre decenni dopo aver tracciato un nuovo corso politico radicale, gli europei centro-orientali stanno ora esprimendo scetticismo nei confronti delle élite al potere, dei media e della democrazia liberale. Questi stati torneranno a un governo più autoritario?

In seguito al crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, gli ex paesi del Patto di Varsavia si sono attaccati alla stella della democrazia liberale nella speranza di raccogliere tutte le libertà e le libertà che il comunismo non poteva permettersi. E per non commettere errori, molte persone hanno beneficiato proficuamente dei nuovi accordi politici. Tuttavia, per molti cittadini dell’Europa centrale e orientale, che hanno avuto l’esperienza unica di vivere sotto due sistemi di governo completamente diversi, i problemi inerenti alla democrazia liberale sono forse più facili da identificare.

Un sondaggio di opinione condotto da GLOBSEC ha monitorato gli atteggiamenti pubblici dei 10 paesi CEE (Stati baltici, Austria, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Slovacchia, Bulgaria e Romania) in merito alle loro percezioni dello stato di democrazia liberale nella loro le rispettive nazioni. I risultati sono stati meno che brillanti.

Democrazia liberale e suoi scontenti

Consideriamo la percezione pubblica delle istituzioni democratiche. Mentre la maggioranza ha affermato di essere a favore di un sistema democratico liberale completo con elezioni e un sistema multipartitico, solo il 40% ha dichiarato di essere soddisfatto del funzionamento della democrazia nei singoli paesi. Il popolo austriaco (l’unico paese nel sondaggio senza un passato comunista) ha riportato il più alto livello di soddisfazione all’86 percento, mentre all’altra estremità dello spettro, solo il 18 percento dei bulgari ha riferito lo stesso. Per i restanti otto paesi, meno del 50 percento della popolazione ha dichiarato soddisfazione. 

È interessante notare che l’indagine ha rivelato una forte connessione tra le opinioni degli intervistati sulla democrazia liberale e il loro livello di felicità personale. In media, anche l’83 percento di coloro che sostengono la democrazia liberale è soddisfatto della propria vita. Ciò può indicare che per quegli individui che hanno raccolto tutti i vantaggi materiali di un sistema democratico liberale, ancorato com’è al capitalismo, possono facilmente perdonare o non vedere mai le carenze del sistema in cui vivono. 

Sulla questione della fiducia nei partiti politici, tuttavia, il quadro non diventa molto più luminoso. In media, il 72 percento ha espresso sfiducia nei confronti di queste entità e questo sentimento è coerente con il calo dell’entusiasmo degli elettori per i partiti tradizionali in gran parte dell’Unione Europea. Le ragioni di tali atteggiamenti sono assolutamente uniche per ogni singolo stato e possono riflettere faide di lunga data con Bruxelles.

Il Partito dell’Ordine e della Legge della Polonia, ad esempio, ha recentemente attirato l’ira della Corte di giustizia dell’UE dopo che Varsavia ha assegnato alla Corte suprema polacca “poteri straordinari” per perseguire i giudici che si oppongono al governo. Bruxelles ha affermato che la mossa non era in linea con i principi democratici; Varsavia essenzialmente ha detto “fatti gli affari tuoi”.

Un altro esempio di Bruxelles che flette i suoi muscoli è arrivato quando il Parlamento europeo ha sanzionato l’Ungheria, presumibilmente per la repressione nei confronti delle ONG e dei media. Il governo del primo ministro ungherese Victor Orban, il leader di destra del partito nazionalista Fidesz, ha definito la mossa di Bruxelles “piccola vendetta” per gli sforzi di Orban per impedire ai migranti illegali di attraversare il territorio del suo paese sulla strada per l’Europa occidentale .

Questo tipo di schermaglie regolari lavorano per infiammare le tensioni tra i campi pro-UE ed euro-scettici, mentre fanno mettere in dubbio gli stati dell’UE il loro impegno per il progetto democratico dell’UE, che appare meno democratico ogni giorno che passa. In effetti, furono proprio quei tipi di percezioni negative che portarono molti britannici a sostenere la Brexit. 

Manipolazione dei media


Non sorprende che anche il campo del giornalismo abbia avuto un ruolo nel sondaggio. Dei paesi interpellatii, solo la Lettonia ha registrato la maggioranza degli intervistati che hanno affermato di fidarsi dei media mainstream. Gli altri intervistati hanno indicato attori statali e oligarchici che lavorano dietro le quinte per manipolare notizie e informazioni. Nel loro insieme, la mancanza di fiducia nei media stava costringendo molte persone a cercare “fonti alternative” per le loro notizie e informazioni, persino dilettandosi nelle cosiddette “teorie della cospirazione” per spiegare gli eventi.

Da quando il sondaggio è stato condotto in mezzo alla pandemia di Covid-19, ciò potrebbe spiegare ancora un’altra scoperta inquietante, che ha dimostrato che oltre il 50% degli intervistati ha dichiarato che sarebbe disposto a “scambiare parte delle proprie libertà in nome della sicurezza”. Questa è una tendenza preoccupante poiché il segno distintivo della democrazia liberale è sempre stato il suo amore per la libertà e l’espressione personale. Oggi, tuttavia, con così tante persone preoccupate per la loro sicurezza personale, molti sembrano arrivare alla conclusione che la democrazia liberale lì sta fallendo.

I governi occidentali hanno buone ragioni per preoccuparsi dell’umore prevalente nell’Europa centrale e orientale. Dopotutto, anche la maggior parte delle capitali occidentali soffre di problemi gravi. Dalla mossa di Londra per districarsi dall’UE, a Washington nel tentativo di reprimere le tensioni razziali, si potrebbe essere tentati di concludere che l’Occidente si è trasformato in un violento incendio nel cassonetto.

Tali percezioni danneggiano naturalmente il marchio politico noto come “democrazia liberale” e potrebbero costringere alcuni governi occidentali a sperimentare forme di governo meno democratiche nel tentativo di risolvere i loro problemi. Considerate, ad esempio, le attuali proteste negli Stati Uniti, dove alcune città si stanno effettivamente muovendo per respingere le loro forze di polizia. Inevitabilmente, un simile esperimento senza precedenti alla fine deve fallire, e questo porterà il governo a cavalcare in soccorso, possibilmente con l’uso della forza militare e della legge marziale. Per quei cittadini che soffrono in una società senza legge, come è attualmente il caso in una sezione di sei blocchi di Seattle, Washington, la gente accoglierà tali soluzioni a braccia aperte – qualsiasi cosa possa dare loro un senso di pace e sicurezza. 

Proprio questo mese, l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Russia, Michael McFaul, ha scritto sul Washington Post che la Cina, il principale nemico ideologico del mondo occidentale, sta difendendo il loro sistema di “sviluppo autocratico guidato dallo stato come alternativa alla democrazia liberale”. Date le difficili sfide che ora affrontano gran parte del mondo occidentale, sembrerebbe che alcuni paesi siano maturi per una transizione così radicale, nonostante i loro migliori sforzi per evitare tale destino. 

In conclusione, i cittadini dell’UE devono essere sicuri della convinzione che la democrazia liberale funzioni davvero per il miglior interesse della sua gente, e non per quelli conosciuti come élite. Sempre più, tuttavia, l’impressione è che il sistema serva solo coloro che siedono a cavallo della piramide sociale. Chi beneficia di un sistema politico in cui il controllo è sempre più confiscato al signore supremo e fuori dal mondo noto come Bruxelles? Chi beneficia di un media manipolati? A meno che non vengano fatti più di semplici cambiamenti estetici a quelle istituzioni occidentali che ora governano le democrazie liberali, i risultati saranno dimostrati non da indagini, ma da massicce proteste per le strade.  


*Scrittore e giornalista americano. È l’autore del libro  ‘Midnight in the American Empire,’ How Corporations and Their Political Servants are Destroying the American Dream. Account Twitter @Robert_Bridge

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-bruxelles_abbiamo_un_problema_30_anni_dopo_il_crollo_del_comunismo_leuropa_orientale_sta_perdendo_la_sua_fiducia_nella_democrazia_liberale/5871_35838/