Agosto 10, 2020

AFV

Libera la tua mente

PD e Fratelli d’Italia aprono insieme le porte della Camera ai golpisti venezuelani

Sharing is caring!

Che differenza c’è tra Salvini, Meloni, Renzi o Zingaretti? Su tutti i temi che realmente contano assolutamente nessuna. Che si parli di politica economica, con i modelli thatcheriani oggi presenti nel fondamentalismo dell’Unione Europea ad unirli, o della logica più bieca di “tutto il potere ai privati”, oppure del disprezzo totale del pubblico per servire gli interessi degli oligarchi impegnati ad eludere il fisco nei paradisi europei, il blocco che va da Pd a Fratelli d’Italia, passando per la Lega di Salvini e satelliti vari ed eventuali, la pensa allo stesso modo su tutto.

Ennesima conferma oggi, con le porte della Camera dei Deputati italiana aperte grazie a Fratelli d’Italia e Pd ai golpisti venezuelani. Nello specifico: Isadora Zubillaga, che rappresenta in Francia l’autoproclamato scherzo della storia Juan Guaidò, passando per Mariela Magallanes, scappata in Italia via Ambasciata per fuggire ad un mandato di arresto della giustizia venezuelana, per arrivare fino ad Armando Armas, Presidente Commissione Affari Esteri di quell’Assemblea Nazionale e prima uno dei più famigerati sostenitori della violenza terrorista, nota come Guarimbas, nel 2017.

E’ triste vedere come l’ignoranza servile di Pd e Fratelli d’Italia avvenga in una fase in cui la stessa opposizione al governo legittimo di Nicolas Maduro non solo ha messo a tacere le velleità fascio golpiste del Pinochet venezuelano con l’elezione di Parra a Presidente dell’Assemblea Nazionale, ma si appresta alle elezioni parlamentari del dicembre prossimo con la rinegoziazione del CNE (Comitato Nazionale Elettorale tra forze d’opposizione e di maggioranza) in accordo con il partito socialista (PSUV) che guida il paese.

Rimane fuori dall’accordo Voluntad Popular, un partito insignificante a livello di rappresentanza nella popolazione venezuelana ma che, grazie ai soldi e al supporto degli Stati Uniti e dell’Unione Europea, ha potuto eleggere a “presidente” un perfetto sconosciuto, depredare la filiale dell’azienda petrolifera statale PDVSA negli Stati Uniti e l’oro del popolo venezuelano nel Regno Unito. E con quei soldi è noto come abbia finanziato corruttele, feste a luci rosse e mercenari sparsi per golpetti falliti.

Lo scandalo dell’utilizzo delle risorse da parte dei golpisti venezuelani è stato talmente forte che ha creato imbarazzo persino a Washington. Ma non nel Pd e in Fratelli d’Italia a quanto pare.

Che in Italia ci sia ancora qualcuno che voglia andare dietro a questi aborti ridicoli della storia la dice lunga del livello di sudditanza di questi partiti. Che il popolo venezuelano stremato dalle continue violazione dei diritti umani, in particolare le criminali sanzioni imposte da Usa e Use, continui a resistere e affrontare meglio di tutti i paesi latinoamericani l’emergenza Covid è la dimostrazione più autentica e forte di come la coscienza organizzata popolare, la lotta per la sovranità e l’indipendenza – quella vera non dei chiacchieroni thatcheriani nostrani – è più forte di tutto e tutti. Con buona pace del blocco fascio-liberista che in Italia va dai Fratelli d’Italia al Pd.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-pd_e_fratelli_ditalia_aprono_insieme_le_porte_della_camera_ai_golpisti_venezuelani/82_36080/