Settembre 22, 2020

AFV

Libera la tua mente

PERCHE’ LA CINA E’ DESCRITTA DALLA PROPAGANDA OCCIDENTALE COME CAPITALISTA?

Sharing is caring!

Monumento a Mao



Articolo di André Vltchek pubblicato da VT Editors il 3 luglio e tradotto da Francesco Cecchini per Ancora Fischia il Vento.


Il link con l’ articolo originale è il seguente:
https://www.veteranstoday.com/2020/07/03/vltchek-why-is-china-painted-as-capitalist-by-western-propaganda/?mc_cid=7df5ce032b&mc_eid=ec5e5986f3

Cominciamo con la battuta finale: I mass media negli Stati Uniti, in Europa, in Canada e in Australia descrivono la Repubblica Popolare Cinese come capitalista, perché capitalista ora è una parolaccia. Persino le persone in Occidente vedono l’ economia di mercato come una sorta di sporcizia. Definire la Cina “capitalista” significa imbrattare la Cina. È come dire: I cinesi sono esattamente come noi. La Cina sta commettendo al mondo la stessa ingiustizia, commettendo gli stessi crimini che commettiamo da oltre 500 anni. ” L’ Occidente, ma in particolare la demagogia britannica e nordamericana, sono riusciti a raggiungere “altezze” di mortale perfezione. Hanno già condizionato miliardi di cervelli, in tutti gli angoli del mondo, costringendoli a un modo di pensare uniforme e servile. Tutto ciò non è più solo propaganda; è la vera arte dell’indottrinamento. Non manca quasi mai il suo obiettivo. E anche se non riesce a convincere completamente alcuni , lascia sempre un segno sulla psiche anche di coloro che stanno lottando per essere diversi e indipendenti. In breve: la propaganda occidentale è perfetta. È micidiale. Fino ad ora, è a prova di proiettile. Tutti quei termini come “Cina capitalista”, “capitalismo di stato cinese”, stanno violando la verità, e si ripetono ripetutamente fino a quando nessuno osa più contraddirli.Lo stesso vale per le bugie su Uiguri, Hong Kong, il confine sino-indiano e vari eventi storici. Ma perché mentire davvero sul fatto che la Cina “non sia socialista”? La risposta è semplice: è perché la maggior parte delle persone associa parole come “socialismo” e “comunismo” alla speranza. Si lo fanno! Almeno inconsciamente. Anche dopo decenni di campagne di lavaggio del cervello e diffamatorie! “Cina socialista” significa “la Cina che porta ottimismo al proprio popolo e all’ umanità”. D’altra parte, le persone in tutti i continenti associano il “capitalismo” a qualcosa di deprimente, stantio e regressivo. Pertanto, chiama la Cina “capitalista”, ed evoca sentimenti di tristezza e crollo. L’occidente imperialista e capitalista non può più competere con il socialismo. Pertanto, cerca di trascinarlo nella sporcizia, cerca di distruggerlo. O indirettamente, con sanzioni e tentativi di orchestrare colpi di stato in luoghi come Iran, RPDC, Bolivia, Cuba e Venezuela, o direttamente, come in Medio Oriente. La Cina viene attaccata su “tutti i fronti”, da quelli economici a quelli ideologici, sebbene non ancora militarmente. L’arma più potente e ripugnante, finora, è stata l’iniezione costante di menzogne, contraddizioni e nichilismo. Guarda Hong Kong!
Il nichilismo è mortale. Distrugge l’entusiasmo e priva i paesi di fiducia e coraggio. E questo è esattamente ciò che l’Occidente sta cercando di ottenere: far deragliare i paesi socialisti progressisti dalla marcia in avanti e impedire alle nazioni oppresse dal neo-colonialismo di sognare, sperare, resistere. (Ho descritto questo processo distruttivo nel mio libro “L’ottimismo rivoluzionario, il nichilismo occidentale”). I demagoghi occidentali sanno: la Cina ha derubato la sua essenza – e l’essenza è “il socialismo con caratteristiche cinesi” – è la Cina che non può ispirare, non può offrire alternative al mondo. Il modo più efficace di imbrattare la Cina, di zittirla, è proprio quello di convincere il mondo che è “capitalista”. Tali tecniche sono state usate, ad esempio, dai nazisti tedeschi che sostenevano che la resistenza contro la loro occupazione consisteva in realtà in un gruppo di terroristi . È noto che gli Stati Uniti fanno lo stesso. O l’impero britannico, che battezzava le popolazioni ribelli locali nelle sue colonie come “orde di selvaggi”. Basta invertire la verità e vincere! Ruota le cose senza vergogna, capovolgile, ripeti le tue bugie migliaia di volte, stampale in tutti i tuoi media. Le probabilità sono che le vostre fabbricazioni saranno infine accettate da miliardi di persone. Nel caso della Cina, l’ Occidente sta cercando di convincere il mondo che la RPC è lo stesso tipo di stato gangster come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, la Francia o il Canada. Lo sta facendo chiamando il cinese capitalista, definendolo persino imperialista. Equiparando in modo ridicolo il comportamento della Cina con quello delle potenze colonialiste occidentali. Dichiarando che la Cina sta opprimendo le proprie minoranze, come l’Occidente ha fatto per secoli.
Ma la Cina non è un paese capitalista, in quanto non è un paese imperialista. È il principale paese meno espansionista del Pianeta. Non uccide milioni di esseri umani in tutto il mondo, non rovescia i governi di paesi stranieri e non sta derubando le nazioni già indigenti di tutto ciò che hanno lasciato. Non è governato da banchieri e oligarchi. Invece, è diretto dai piani socialisti quinquennali. Le sue compagnie private e statali devono obbedire al governo e al popolo. Devono produrre beni e servizi Questo è socialismo. “Socialismo con caratteristiche cinesi”. Il socialismo che è riuscito a sbarazzarsi di ogni estrema povertà nel paese con quasi 1,4 miliardi di abitanti. Il socialismo che sta costruendo la “civiltà ecologica”. Il socialismo che sta collegando il mondo, compresi, fino ad ora, i paesi poveri della Terra, attraverso la “Belt and Road Initiative”.mondo. Alle aziende viene detto esattamente cosa fare dal governo, che rappresenta le persone, non viceversa, come accade in Occidente. Perché in Occidente, sono le aziende che selezionano i governi!
Questo è socialismo. “Socialismo con caratteristiche cinesi”. Il socialismo che è riuscito a sbarazzarsi di ogni estrema povertà nel paese con quasi 1,4 miliardi di abitanti. Il socialismo che sta costruendo la “civiltà ecologica”. Il socialismo che sta collegando il mondo, compresi, fino ad ora, i paesi poveri della Terra, attraverso la “Belt and Road Initiative”.
In Cina, la democrazia non consiste nel mettere pezzi di carta in una scatola. È letteralmente il ” governo del popolo”; si tratta del paese che si sta sviluppando in modo socialista, migliorando costantemente la vita di uomini, donne e bambini, anno dopo anno. È un sistema fresco, ottimista, in costante miglioramento e in evoluzione. Chiedi alle persone nelle città e nelle campagne cinesi e te lo diranno. La stragrande maggioranza di loro è felice; sono pieni di speranza e ottimisti. Chiedi alle persone nelle città o nelle campagne nordamericane e … sai cosa ti diranno. Che sempre di più, la vita è s ** t! Il grosso problema è che la maggior parte dei nordamericani e degli europei conosce la Cina solo dalla posizione difficilmente strategica del proprio divano di fronte al televisore o dalle pagine di notizie “censurate” di Yahoo o Google. Molti di coloro che vanno o che “fanno la Cina” viaggiano in gruppo, visitando solo le principali destinazioni turistiche. Anche questo, ovviamente, è molto meglio di niente. La Cina è impressionante ovunque. Ma solo una piccola parte degli occidentali, quelli che hanno il coraggio di emettere giudizi, conoscono la Cina in profondità. Ciò include anche tali “migliori consiglieri della Casa Bianca” come Peter Kent Navarro, assistente del presidente Donald Trump e direttore del commercio e delle politiche di fabbricazione, che non sa quasi nulla della Cina, non parla cinese, ma scrive libri anti-cinesi. O come il senatore repubblicano senior Marco Antonio Rubio. E i propagandisti a Londra, Parigi e New York sono ben consapevoli della mancanza di conoscenza della Cina, almeno in Occidente. Si sentono liberi di dichiarare e pubblicare le menzogne e le invenzioni più oltraggiose perché sanno di non essere contraddetti. E se messi a confronto, riusciranno facilmente a censurare quegli individui che osano contraddirli. Quante volte si vedono su un canale televisivo britannico, un uomo o una donna comunista cinese, parlare del proprio paese? Mai! È vietato. La verità non è permessa, almeno in Occidente. Solo quei cinesi che stanno appoggiando la propaganda occidentale possono parlare liberamente sui canali occidentali. Non ci hai mai pensato? Allora pensa! Oppure, quanti russi, pro-presidente Putin o pro-comunista, hai mai sentito nelle stazioni radio britanniche o statunitensi? Il muro di protezione occidentale è completo. I media stanno scavando i più sudici capitoli della storia occidentale e, senza batter ciglio, ribaltano le cose e le attribuiscono alla Cina. Australiani, nordamericani hanno sterilizzato nativi, rom, aborigeni o altre donne. Quindi, inventano, dicono che la Cina lo sta facendo ora. Per secoli, l’Occidente ha bloccato le persone nelle sue colonie e persino in Europa, nei campi di concentramento. In modo contorto, i guru della propaganda a Londra e Washington attribuiscono tale comportamento alla Cina. Non è necessaria alcuna prova. Lascia correre la tua immaginazione. Le persone sono abituate alle bugie. Sono obbedienti, sottoposti a lavaggio del cervello. E a loro piace quando altre nazioni non occidentali sono imbrattate, specialmente quando sono accusate degli stessi crimini che l’Europa e gli Stati Uniti hanno commesso per secoli. Li fa sentire meno in colpa. Possono quindi dire: Il mondo intero è disgustoso. Siamo tutti ugualmente terribili! Forse, dopo questi assalti di propaganda, non c’è più speranza. Ma almeno, in Occidente, non c’è fretta di liberarsi di quei complessi di superiorità e di sbarazzarsi dei privilegi. E così, “La Cina è capitalista!” Mentre i baobab sono in realtà buganvillea. La dittatura globale imposta dall’occidente è, che ci crediate o no, democratica. E i consulenti occidentali hanno un pieno mandato morale per tenere conferenze sul mondo. Ad alcuni funzionari del Partito Comunista Cinese è ora proibito [dall’Occidente] di recarsi negli Stati Uniti. Al contrario, i funzionari statunitensi, che sono responsabili per l’ordinazione di omicidi di massa in tutte le parti del mondo, possono viaggiare praticamente ovunque. Il Partito comunista cinese è responsabile della costruzione di una nazione prospera, altamente istruita e sempre più ecologicamente sana di quasi 1,4 miliardi. Mentre gli apparatchik imperialisti degli Stati Uniti sono responsabili di rovesciare innumerevoli governi progressisti, bombardare milioni di persone, rovinare l’ambiente nelle colonie e morire di fame centinaia di milioni attraverso sanzioni. Ma non sono sanzionati da soli e possono andare quasi ovunque desiderino. Mondo strano? Vai a capire…
Meglio la Cina fa , più viene sporcata. Se riuscirà a fare ancora meglio in futuro, potrebbe essere attaccato direttamente, forse anche militarmente. E state certi che la Cina socialista farà sempre meglio. Sì, stai indovinando correttamente: sotto lo stendardo del Partito Comunista! Quindi, per cosa dovremmo prepararci? Terza guerra mondiale? Annientamento della razza umana? perché l’Occidente non sa come perdere? Solo perché il capitalismo e l’imperialismo non lascerebbero andare la loro presa globale sul potere, anche se ciò significa la fine per tutti noi? Solo perché il Nord America e l’Europa sono noti bugiardi, che soffrono di complessi patologici di superiorità, nonché di istinti genocidi? Non penso che questa sia una buona prospettiva per il nostro Pianeta. Preferirei piuttosto puntare sulla Cina ottimista e socialista, piuttosto che sul sistema occidentale che negli ultimi 500+ anni ha già ucciso centinaia di milioni di persone e che, finora, sta coprendo i suoi crimini e le sue innegabili malattie mentali. E non solo “scommessa”; Preferirei unirmi alla Cina, che sta costruendo un mondo molto migliore ed etico. Come tutti dovremmo fare! Come alcuni di noi stanno già facendo.
BREVE NOTA SU ANDRE’ VLTCHEK.
André Vltchek è un filosofo, romanziere, regista e giornalista investigativo. attualmente risiede in Asia orientale e in America Latina e continua a lavorare in tutto il mondo. Ha coperto guerre e conflitti in dozzine di paesi. Sei dei suoi libri sono “New Capital of Indonesia”, “China Belt and Road Initiative”, “China and Ecological Civilization” con John B. Cobb, Jr., “Optimism rivoluzionario, nichilismo occidentale”, un romanzo rivoluzionario “Aurora” e un’opera di saggistica politica di successo: Exposing Lies Of The Empire. Ha prodotto Rwanda Gambit, un documentario su Ruanda e DRCongo e il suo film / dialogo con Noam Chomsky “On Western Terrorism”.
Il link con uno spezzone di “On Western Terrorism” è il seguente:

André Vltchek e Noam Chomsky