A proposito di violenze, pestaggi e torture. Non c’è soltanto la vicenda gravissima della caserma dei carabinieri di Piacenza dove si conducevano, a detta delle indagini giudiziarie in corso, arresti illegali, spaccio, festini con escort, estorsioni, torture. C’è anche la vicenda della casa circondariale Lorusso e Cotugno di Torino al centro di una inchiesta che vede indagati 21 agenti per tortura. Indagati altresì i vertici del carcere per favoreggiamento di quella che è stata ribattezzata “squadriglia di picchiatori”. Per non parlare di un’altro caso. Una colf peruviana, di 53 anni, nei giorni scorsi è stata portata in aula del Tribunale di Torino, accasciata su se stessa, con due vertebre rotte, per la convalida dell’arresto disposto per presunta resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Secondo i poliziotti che l’hanno fermata “proiettandola a terra” la donna, in stato di alterazione, voleva buttarsi sotto le macchine di passaggio. Il giudice, vedendo le condizioni della donna, ne ha disposto l’immediata liberazione, l’affidamento a cure sanitarie e chiesto altresì l’apertura di una indagine su quanto realmente accaduto. Per ognuno di questi casi le inchieste e/o le indagini in corso diranno l’ultima parola. Ma intanto questo episodi ci riportano alle parole di Ilaria Cucchi:”basta parlare di mele marce, I casi sono ormai troppi. Il problema è nel sistema”. Ed ancora le parole di Patrizia Moretti mamma di Federico Aldobrandi:”quanti cesti di mele marce abbiamo accumulato finora?”.

Ezio Locatelli PRC

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Un pensiero su ““QUANTE CESTE DI MELE MARCE ABBIAMO ACCUMULATO FINORA?””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy