Gli scienziati del Gamaleya Center, creatori del vaccino Sputnik V contro il coronavirus, hanno denunciato tentativi di corruzione dall’estero per abbandonare il proprio lavoro e lavorare in altre aziende farmaceutiche
 
Nelle sue parole, i lavoratori più competenti del centro hanno lavorato lì negli ultimi 10 anni, quindi coloro che cercano di corromperli per abbandonare il loro lavoro a favore di altre aziende farmaceutiche “non ci riusciranno”, ha dichiarato Alexandr Guíntsburg ai media russi.


“Questo gruppo di scienziati è l’invidia di qualsiasi università americana ed europea”, ha aggiunto il direttore del centro.
 
A metà agosto, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato il primo vaccino contro il COVID-19, chiamato Sputnik V . È stato creato dal Centro Gamaleya in collaborazione con il Fondo russo per gli investimenti diretti.
 
Le prime due fasi del test, la più rigorosa, sono state completate con successo e in condizioni di emergenza il Ministero della Salute russo ha autorizzato in modo straordinario il suo immediato utilizzo.
 
Parallelamente, il vaccino sta superando la terza e ultima fase di test, che viene applicata a migliaia di volontari.
 
“Stiamo assistendo a come questo problema abbia superato i limiti puramente scientifici ed è entrato nel regno economico e politico. Alcuni paesi del Nord America e dell’Europa occidentale, a quanto pare, hanno avuto paura che il nostro vaccino potesse andare sul mercato internazionale e privarli di grandi profitti”, ha denunciato Alexandr Guíntsburg.
 
In questo modo, il microbiologo spiega l’ondata di note e articoli pubblicati sui media mainstream che criticano il vaccino russo per essere entrato sul mercato senza aver completato l’ultima fase dei test.
 
Il direttore del Gamaleya Center ha affermato che il vaccino ha già dimostrato la sua efficacia contro il coronavirus e che la sua applicazione tra la popolazione è un passo straordinario, approvato nel mezzo di una situazione di emergenza che il mondo sta vivendo.
 
Ha ricordato che negli ultimi cinque mesi quasi 800.000 persone hanno perso la vita a causa del coronavirus. “Se chiedessimo ai parenti delle persone che sono morte a causa di questa infezione se a suo tempo gli avessimo chiesto di applicare questo vaccino o di aspettare altri test, penso che la risposta sarebbe ovvia”.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-lideatore_del_primo_vaccino_russo_contro_il_coronavirus_denuncia_tentativi_di_corruzione_dallestero/82_36834/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy