Settembre 22, 2020

AFV

Libera la tua mente

CAMBOGIA. E’ MORTO IL TORTURATORE DUCH, UN KHMER NERO PIU’ CHE ROSSO.

Sharing is caring!

Kaing Guek Eav, Duch


Francesco Cecchini


Kaing Guek Eav, Duch, nato il 17 novembre 1942 in un villaggio, Choyaot, a nord della capitale, è morto il 2 settembre all’ età di 77 anni in un ospedale di Phnom Pen. Duch è stato il capo di Tuol Sleng (collina del mango selvatico ), Ufficio di Sicurezza 21 -S-2, dove morirono sotto atroci torture migliaia di cambogiani. Dicono 14.000 o 15.000, ma non esiste una contabilità esatta. Quello che è certo è che ne sopravvissero solo pochissimi di coloro che furono imprigionati a Tuol Slang, tra i quali il pittore Van Tanh, i cui dipinti testimoniano le atrocità commesse in quella prigione. La tortura era perpetrata attraverso l’elettroshock, ferri incandescenti, corde di contenzione e impiccagione, ma i prigionieri venivano seviziati anche con l’immersione nell’acqua, ferite con armi da taglio, pestaggi e fustigazioni, strappamento delle unghie e dei denti.
Duch gestì questa fabbrica di morte con meticolosità ed impegno, era competente in questo. E’ stato uno fra i protagonisti principali del genocidio in Cambogia che avvenne tra il 17 aprile 1975 e il 7 gennaio 1979. In quel periodo due milioni circa di donne uomini, bambini vennero assassinati dai Khmer rossi ( o meglio Khmer neri) di Pol Pot.
Duch, il 26 luglio 2010 venne condannato a 35 anni, di cui 11 già scontati e 5 condonati, per collaborazione, da una sentenza emessa da un tribunale cambogiano sotto l’egida delle Nazioni Unite.

Kaing Guek Eav, Duch, in tribunale


Il 7 gennaio 1979 l esercito vietnamita pose fine al macello invadendo la Cambogia liberando il popolo cambogiano e scacciando Pol Pot. Anche Duch fuggì e alla fine si rifugiò in Thailandia, ma non riuscì a distruggere tutti gli archivi di Tuol Sleng.
Molti sono i libri che raccontano quel drammatico periodo storico. Tra gli altri Brother number one di David P. Chandler che racconta Saloth Sar, Pol Pot. dalla nascita alla morte. Tra i documentari notevole è S21: The Khmer rouge Killing Machine del 2003 di Rity Panh. Si può vedere il video in italiano su Youtube.



I link con precedenti note sul tema pubblicate da Ancora Fischia il Vento sono i seguenti:
http://www.ancorafischiailvento.org/2018/11/19/khmer-rossi-o-khmer-neri/
https://www.ancorafischiailvento.org/2018/08/02/il-pittore-dei-khmer-rossi-di-vann-nath/
Dove c’ era la prigione degli orrori di Tuol Sleng, adesso c’ è il Museo del genocidio, inserito nel 2009 dall’Unesco nell’Elenco delle Memorie del mondo.