Dicembre 5, 2020

AFV

Libera la tua mente

Polonia, donne in piazza contro l’ennesima stretta contro la libertà di abortire

Le donne scendono in piazza per il terzo giorno consecutivo in tutta la polonia, per gridare tutta la loro rabbia contro la decisione della Corte costituzionale che giovedì scorso ha deciso che l’aborto causato dalla malformazione o malattia irreversibile del feto non è conforme con la costituzione. Rendendolo di fatto illegale. A Katowice nel sud del paese migliaia di persone nonostante le restrizioni dovute all’epidemia si sono radunate davanti alla cattedrale portando candele in segno di lutto da lasciare sulla scalinata della duomo e davanti al monumento di Papa Giovanni Paolo II che è stato però circondato da massicce forze della polizia. “Vogliamo la legge umana e non ecclesiastica!” – gridava la gente che a un certo punto le forze d’ordine ha allontanato dalla scalinata. A Cracovia la manifestazione seguita da alcune migliaia di persone si è svolta sul mercato della città vecchia. La gente ha gridato slogan contro il potere del partito di Kaczynski (Pis) e del l’arcivescovo Marek Jedraszewski ed è stata invitata dagli organizzatori a tornare in piazza domani, davanti all sede del partito. A Breslavia i protestanti si sono radunati già stasera sotto il palazzo arcivescovile. A Danzica il corteo di manifestanti è giunto davanti ai uffici degli deputati Pis. La polizia è intervenuta con forza con gas lacrimogeni e ha fermato sei persone. Perfino a Zakopane, la località turistica fra le montagne Tatra, circa 400 donne fra i 17 e i 30 anni difeso davanti al municipio il compromesso sull’aborto raggiunto nel 1993. Oltre la patologia embrionale ora cancellata, l’aborto resta possibile in Polonia a causa dello stupro o minaccia della vita della donna. a c

http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2020/10/25/53801-polonia-donne-in-piazza-contro-lennesima-stretta-contro-la/

shares