Dicembre 5, 2020

AFV

Libera la tua mente

CAMILO CIENFUEGOS, LEALE A CUBA E AL SUO POPOLO.

Camilo Cienfuegos


Francesco Cecchini


Articolo di Rodolfo Romero Reyes, pubblicato su Ocean Sur e tradotto da Francesco Cecchini per Ancora Fischia il Vento.


La mattina del 30 ottobre 1959, il popolo cubano lesse la triste notizia sul quotidiano Revolución:
“Il 28 ottobre alle 18:01 l’aereo bimotore della FAR, marca CESSNA 310 n. 53 dei 5 posti diretti all’Avana alla guida del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Ribelle, Comandante Camilo Cienfuegos, che era accompagnato dal pilota di detto aereo, il Primo Luogotenente Luciano Fariñas Rodríguez e il soldato ribelle Félix Rodríguez, che purtroppo no hanno raggiunto la loro destinazione.”
Il giornale sottolineava che la ricerca fino a quel momento non aveva avuto successo, ma che sarebbe continuata. L’ intera area tra L’Avana e Camagüey sarebbe stata accuratamente esplorata. Le burrasche avvenute appena 48 ore prima, tra Ciego de Ávila e Matanzas, potrebbero essere state la causa del presunto incidente aereo. La notizia ha scioccato la nazione. I suoi amici e fratelli in lotta furono i primi a cercarlo: Che, Raúl, Fidel, Almeida. Quest’ultimo diresse le azioni delle Forze Armate Rivoluzionarie: un totale di 70 velivoli iniziarono una pattuglia, a cui si unirono subito decine di pescherecci. Il Che guidava personalmente un aereo C-46. Fidel lo ha fatto sull’aereo esecutivo Sierra Maestra, pilotato da Lázaro Policarpio Claudio Moriña. La testimonianza di questo aviatore è stata registrata nel libro “¿Voy bien, Camilo?”, Di Editora Capitán San Luis: “Il comandante in capo era il mio copilota. Siamo andati a letto molto tardi la mattina e lui si è alzato prima di me. Fidel non mangiava nemmeno, non beveva acqua, a volte un po ‘di vino. Dovevi vedere i suoi occhi, come cercavano, volendo trovare ». È stato esplorato un totale di centomila miglia. Le valutazioni pertinenti sono state effettuate per confermare il possibile incidente. È stato intervistato il pilota di un aereo che ha effettuato il viaggio Camagüey-L’Avana in un momento simile; dichiarò che erano state osservate raffiche, maltempo e forti venti. Fariñas, il pilota dell’aereo scomparso, in un’occasione precedente aveva già dirottato il suo aereo alla periferia di Key West, fuggendo dal maltempo. Nonostante la rischiosa deviazione, il carburante gli aveva permesso di tornare a L’Avana sano e salvo. Pertanto, nell’ambito delle indagini, è stata analizzata la questione del carburante. L’aereo su cui viaggiava Camilo aveva la capacità di trattenere il carburante necessario per quattro ore di volo. Quel giorno aveva consumato un’ora sulla rotta Santiago de Cuba-Camagüey; Camilo era arrivato lassù con pochissimo tempo per rifornire il serbatoio. A quel tempo aveva il carburante per le due ore di volo che rimanevano all’ Avana e un’ora di riserva per eventuali difficoltà. Se la deviazione dovuta alla turbolenza fosse stata come la volta precedente, il carburante non sarebbe stato sufficiente per arrivarci. Immediatamente, i media nemici della Rivoluzione hanno voluto mostrare la sua scomparsa come risultato di uno scontro tra Camilo e i fratelli Castro. La verità è che dai primi momenti in Messico, quando si preparava la spedizione Granma, nei giorni cruciali della Sierra Maestra e durante i 10 mesi trascorsi dopo il trionfo rivoluzionario, Camilo aveva mostrato ampia lealtà a Fidel, a Raúl e alla rivoluzione cubana. Solo nell’ ottobre di quell’ anno la sua partecipazione alla neutralizzazione del complotto compiuta da Hubert Matos era stata decisiva. Il 21 ottobre, l’ Eroe di Yaguajay era andato a Camagüey per contenere la rivolta e per arrestare personalmente il capo. Il 22 parlò con i giornalisti e diede dettagli sulla cospirazione. Il 26, già all’Avana, tenne il suo ultimo discorso pubblico nell’ ex palazzo presidenziale. Ad alta voce, le parole di Camilo, due giorni prima della sua scomparsa, furono di indiscutibile impegno e lealtà: “Per fermare questa stessa Rivoluzione cubana, un intero popolo deve morire”. Coloro che intendono costruire una presunta inimicizia tra Fidel Castro e Camilo Cienfuegos non hanno argomenti solidi. Fin dai primi giorni di guerriglia nella Sierra, si è guadagnato il rispetto e l’ammirazione del Comandante in Capo: “Già Camilo comincia a distinguersi sin dal primo combattimento come un grande soldato. Ha un carattere diverso dal Che, diciamo più familiare, più allegro, più creolo, (…) uomo d’azione, però, molto intelligente, molto politico. ” Durante la lotta quella fiducia crebbe a tal punto che, dopo la vittoria definitiva e nel bel mezzo del suo discorso dell’8 gennaio 1959, parlando alla gente dell’Avana, fu lui a chiedere a Camilo: “Vado bene?” Da parte di Camilo il sentimento era reciproco. Quando parlava di Fidel lo chiamava El Gigante. E quando il 23 aprile 1958 ricevette la nomina a Comandante, gli scrisse in una lettera: “Mi sarà più facile smettere di respirare che smettere di essere fedele alla tua fiducia”. E, se questi argomenti fossero insufficienti, restano le parole del Che, che conobbe Camilo meglio di tutti: “Camilo praticava la lealtà come religione ed le era lealele a Fidel, che incarnava la volontà del popolo come nessun altro. Il popolo e Fidel marciarono insieme e così marciarono i componenti della guerriglia imbattuta. Un rivoluzionario completo, un uomo del popolo, l’ artefice di questa rivoluzione che la nazione cubana si è fatta da sola, la minima ombra di stanchezza o delusione non poteva passare per la sua testa. Camilo il guerrigliero è un oggetto permanente di evocazione quotidiana, è lui che ha fatto questo o quello, quello che ha lasciato il suo segno preciso e indelebile nella Rivoluzione cubana, quello che è presente negli altri che non sono arrivati ​​e in quelli che devono ancora venire. Nel suo continuo e immortale rinnovamento, Camilo è l’ immagine del popolo.”

shares