Dicembre 6, 2020

AFV

Libera la tua mente

Argentina: tassa patrimoniale straordinaria di solidarietà sui grandi capitali

La Camera dei Deputati argentina ha approvato nelle prime ore di ieri un’imposta straordinaria sulle grandi ricchezze, che ha come obiettivo principale quello di fronteggiare i danni sulle classi più disagiate della pandemia di coronavirus nel Paese sudamericano. La cosiddetta Legge di Solidarietà e Contributo Straordinario di Grandi Fortune per aiutare a mitigare gli effetti del Covid-19 ha ricevuto 133 voti a favore, 115 contrari e due astensioni.Con l’imposta il Governo intende tassare solamente i patrimoni e i redditi superiori a 2,5 milioni di dollari e si propone di applicare loro un’aliquota progressiva dal 2 al 3,5% secondo la capacità patrimoniale. I rappresentanti del partito Fronte per Tutti al governo affermano che il contributo delle persone in possesso di grandi fortune ha molta razionalità e buon senso. Si stima che verranno raccolti 3,7 miliardi di dollari, il 34% di tutto ciò che lo Stato ha investito per alleviare la pandemia di coronavirus.Totalmente contraria al provvedimento la destra filostatunitense dell’ex presidente Macri che ha bollato l’iniziativa come un provvedimento di stampo socialista e una patrimoniale.Alle accuse ha risposto il presidente Fernandez che ha spiegato al Congresso che “non si tratta di punire chi possiede grandi fortune, ma si discute del fatto che chi ha di più possa essere solidale con il resto degli argentini nell’emergenza.Dopo 4 anni in cui il Paese si è contraddistinto per una enorme fuga di capitali all’estero, abbiamo ereditato una Argentina che stava in condizione di terapia intensiva e che, come se non bastasse, si è ammalata con questa pandemia. Ora necessitiamo di un Paese più giusto, più solidale verso le persone e le classi sociali che più hanno sofferto e che tuttora stanno soffrendo.Stiamo vivendo tempi dove la solidarietà deve essere la regola, nessuno si salva da solo, lo dice anche il Papa e lo dico io da tempo. Questo è il vero dibattito e non altro”. L’iniziativa, promossa dal Governo del Presidente Alberto Fernández, sarà ora inviata al Senato – dove il partito al governo ha la maggioranza – per la discussione e l’eventuale approvazione.

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

shares