Gennaio 27, 2021

AFV

Libera la tua mente

PARAGUAY. INTERVISTA A CARMEN VILLALBA, MADRE DI LICHITA, RAGAZZINA DI 14 ANNI SPARITA-

Non si può negoziare con lo stato terrorista del Parguay. Restituiscano Lichita in vita! Giustizia per Lilian e Maria Carmen!


Francesco Cecchini


Carmen Villalba, dell’ Esercito del Popolo Paraguaiano, sulla scomparsa della figlia ha detto: “C’ è una campagna di sterminio”.
Sulla vicenda Ancora Fischia il Venti ha pubblicato un articolo, il link è il seguente:
https://www.ancorafischiailvento.org/2021/01/08/paraguay-alla-ricerca-della-ragazzina-carmen-elizabeth-oviedo-villalba/
Carmen Elizabeth, “Lichita” ha 14 anni ed è figlia dei militanti dell’ Esercito del Popolo Paraguaiano (EPP), Carmen Villalba e Alcides Oviedo, detenuti in Paraguay dal 2004. Lichita è anche cugina di due bambine argentine uccise da una forza speciale dell’ esercito paraguaiano, il 2 settembre. Lichita viaggiava con sua zia e da quel 2 settembre non si sa più nulla, un tipico caso di scomparsa di persone. Sabato 26 dicembre, alcune organizzazioni sociali, politiche e per i diritti umani argentine hanno manifestato all’ambasciata paraguaiana a Buenos Aires chiedendo la comparsa di Lichita, viva e hanno condannato l’omicidio delle due bambine Lilian Mariana Villalba e María Carmen Villalba di 11 anni. Una di loro ricevette sette proiettili e l’altra due. I loro corpi furono trovati a faccia in giù e con uniformi della guerriglia poste su di loro per giustificare il selvaggio assassinio. La madre delle ragazze è stata detenuta in Paraguay ed è accusata di essere un elemento logistico del EPP, quando in realtà da dieci anni vive in Argentina, dove lavora e studia. In questi giorni, i rappresentanti dell’Unione degli avvocati argentini sono in Paraguay alla ricerca di Lichita.
AGENCIA PACO URONDO, giornalismo militante ha intervistato Carmen Villalba, la madre di Lichita, della scomparsa della figlia e della situazione dei diritti umani in Paraguay.
Agenzia Paco Urondo: Che fine ha fatto tua figlia? Carmen Villalba: Sono la madre di Carmen Elizabeth, 14 anni, una delle mie figlie gemelle nata in cattività. È stata ferita nell’attacco a un ostello temporaneo del EPP il 2 settembre, quando le sue cugine sono stati assassinate. Lichita le accompagnava a vedere i loro genitori. Mia figlia è andata in Paraguay con le sue due cugini e sua madre, mia sorella, Laura Villalba, che ora è stata arrestata. È imprigionata in una caserma militare. Nemmeno Stroessner ha isolato un prigioniero politico in una caserma militare. Oggi Laura ha un grave stato di malnutrizione con 42 chili e ha un fragile stato psicologico. Le sue figlie sono state assassinate nella repressione del 2 settembre in una “operazione riuscita”, secondo l’erede politico e ideologico della dittatura più lunga e disastrosa del Paraguay.
APU: Sei un attivista popolare? CV: Faccio parte della lotta dei poveri lavoratori, contadini e nativi del Paraguay. Ho iniziato la mia militanza politica con la corrente Patria Libre nel 1992. Forgiata in attività clandestine e in carcere. Attualmente, dalla prigione, una volta fondato l’ Esercito del Popolo Paraguaiano, EPP, mi sono unita. L’ EPP nasce dalla liquidazione della Patria Libre. Sono cresciuto nelle difficili condizioni di vita della mia città, Concepción . Mia madre ha cresciuto i suoi 8 figli cucinando, cucendo vestiti e lavorando in giardino in un piccolo lotto nel quartiere di San Antonio sulle rive del fiume, da dove l’alluvione ci ha espulsi e abbiamo dovuto stabilirci in un altro quartiere di vittime e lavoratori a Concepción. Sono cresciuta tra poveri, falegnami e pescatori. Con il tempo e la lotta mi ha spinto a impegnarmi maggiormente in una lotta di emancipazione. Questo mi ha portato a unirmi all’ allora Patria Libre.
APU: Da quando sei prigioniero politico? CV: Sono in prigione da 17 anni e 6 mesi. Sono un residuo di quello che una volta era il settore militante, combattivo e clandestino di Patria Libre. Patria Libre è un partito formato nel 1990, dopo la caduta della dittatura di Stroessner. Patria Libre ha cercato di mettere in pratica la linea marxista-leninista e combinava tutte le forme di lotta, legali e illegali. Nel 2001 facevo parte del gruppo di compagni che aveva sequestrato la nuora dell’ex uomo forte e ministro delle finanze di Stroessner, Enzo de Debernardi, il cui scopo era raccogliere fondi per il finanziamento del partito e di un’organizzazione clandestina.
APU: Perché tanta crudeltà verso le ragazze della tua famiglia? CV: La crudeltà contro le mie sorelle, la mia anziana madre e le ragazze fa parte della campagna di guerra e di sterminio condotta dallo stato e dal governo borghese del partito Colorado, dai media egemonici e dalla Chiesa cattolica. Cercano di distruggere i combattenti del EPP, la loro volontà di combattere. Non solo picchiano i militanti, ma perseguitano anche la loro famiglia, compresi i bambini, nella ricerca di demoralizzare e rompere la disposizione combattiva che i miei compagni hanno mostrato per più di un decennio e mezzo. In una delle sue riflessioni, Mao dice: “Ritengo che per noi è un male se una persona, un partito, un esercito o un centro educativo non viene attaccato dal nemico; perché significa che è disceso al livello di questo. È bene se il nemico ci attacca, perché questo dimostra che abbiamo delimitato i campi con lui. Dobbiamo riflettere su ciò che dice Mao, non è un’ esaltazione del dolore, ma un modo per descrivere il prezzo pagato dai popoli che lottano onestamente e sinceramente per la loro emancipazione. E soprattutto oggi, tutto l’ odio rabbioso attacca le mie sorelle, mia madre, le mie figlie e l’ infanzia perché non hanno mai negato che i loro parenti abbiamo assunto la lotta rivoluzionaria.
APU: Come vedi l’attuale lotta in America Latina? CV: Potrei dire che in questo momento la lotta ci rende la vita più dura di quella che abbiamo conosciuto finora e non abbiamo mai avuto vita facile. Sarebbe meglio dire che l’ evoluzione storica nei momenti di crisi sistemica del capitalismo ci ha messo nella condizione della lotta più sanguinosa e dura. Ciò è entrato nei nostri corpi senza chiedere il nostro permesso, un giorno hanno bussato alla nostra porta e ci hanno detto che vivere la vita è schierarsi per la nostra gente in lotta e da allora ho cercato di agire di conseguenza. Ci ha messo nel momento più difficile della lotta di classe, dove quasi tutta la militanza e la leadership popolare in Paraguay sono ancora molto prese nella sbiadita competizione elettorale, guardando con indifferenza come pochi sanguinano nella feroce lotta contro un’oligarchia che corrompe e vende la patria e compone contraddizioni con sangue, fuoco. Ma la lotta di classe è così. La lotta per il potere tra il proletariato e l’oligarchia sfruttatrice che affama è così, nella ricerca di costruire e accumulare forze, affinché l’ unità favorisca il popolo per avanzare e spezzare la resistenza dei nemici del popolo, del capitalismo e della borghesia. In questo duro cammino, la storia ci mette alla prova. In questo contesto di lotta resistiamo e sopportiamo i duri momenti della scomparsa di Lichita, la tortura e l’omicidio di Lilian Mariana e María Carmen, due bambine di 11 anni morte per mano dell’esercito paraguaiano. Per quanto riguarda le forze rivoluzionarie nella nostra America, è tempo di riprendere la strada principale del Che e sollevare la lotta per il potere. Come dice il Che nella sua tattica e strategia per la lotta latinoamericana: “Il potere è l’obiettivo sine qua no strategico delle forze rivoluzionarie, e tutto deve essere soggetto a questo grande slogan”. Costruisci un’organizzazione rivoluzionaria, quadri rivoluzionari consapevoli di classe, forgiati nel vivo della lotta insieme al nostro popolo. Non dobbiamo dimenticare il lavoro permanente di alienazione promosso dai media egemonici che operano 24 ore su 24, 365 giorni all’anno per catturare per sempre le menti dei lavoratori delle campagne e della città. A questo dobbiamo opporci alle idee rivoluzionarie tanto necessarie per compiere determinati passi e avanzare nell’emancipazione della classe operaia. L’alienazione agisce potentemente sulla coscienza del nostro popolo insieme alla repressione e al terrore per raggiungere lo stato di inerzia e indifferenza dei popoli. Per questo, la ginnastica e le pratiche politiche delle masse devono avanzare dalla scuola elementare rudimentale (lotte economistiche, focalizzate sulle riforme) verso forme di lotta che aiutino a risolvere le contraddizioni tra capitale e lavoro. Ci spinge verso fasi più avanzate di lotte che coinvolgono tutti i lavoratori. In quell’orizzonte dobbiamo lavorare e pensare alle azioni quotidiane dei leader. Devi scrollarti di dosso te stesso dalla tua zona di comfort, devi cercare nuovi strumenti di lotta. Scuotiti di dosso il circolo ristretto molto in voga incentrato sulla fotografia di numeri e sulla crescita nei social network. O limitatamente alle mobilitazioni per le strade, queste sono importanti, ma non dovrebbero essere le uniche. L’aumento della coscienza rivoluzionaria del popolo deve essere alimentato dalla teoria rivoluzionaria del proletariato.
APU: Come definiresti il ​​regime politico paraguaiano? CV: Per cercare di rispondere sulle caratteristiche degli Stati borghesi e soprattutto di quello paraguaiano, commenterò 5 punti del documento di Santa Fe, di circolazione ristretta, che ci aiuteranno nella nostra riflessione. Questo documento è servito come base operativa per rafforzare la politica di dominazione statunitense in America Latina. Vediamo i punti più importanti per poter poi rispondere sugli stati borghesi influenzati dal narcotraffico, gli stati della droga. Per valutare l’insediamento del narcotraffico nelle strutture dello Stato, l’inasprimento della corruzione e soprattutto perché, nonostante la crisi e la profonda decomposizione delle istituzioni borghesi, sono ancora solidamente sostenute.

Insediamento di governi vicini agli Stati Uniti con scarsa capacità di gestione e dipendenti dai loro consiglieri.

Promuovere riforme economiche neoliberiste che facilitino gli investimenti statunitensi ed europei nei paesi dell’America Latina, oltre a indebolire le economie e le aziende locali. Noto come Washington Consensus.

Indebolire la posizione degli intellettuali di sinistra o dei critici degli Stati Uniti e fornire una piattaforma a politici e pensatori favorevoli alle loro politiche.

Utilizzare la lotta contro il traffico di droga per rafforzare la presenza militare statunitense e finanziare gruppi paramilitari.

Indebolire le basi della cultura tradizionale e dei movimenti popolari della sinistra latinoamericana.
Anche se ampio e noioso, penso sia importante mettere i punti più importanti del documento per poter rappresentare gli stati e le istituzioni borghesi e come si riconfigurano, enfatizzando l’aspetto repressivo e ideologico, il tutto al fine di perpetuare l’egemonia capitalista. Per quanto riguarda il matrimonio tra politica e traffico di droga, quello che è noto come traffico di droga. Usa le istituzioni come trampolino di lancio dove si configurano le attività illecite di politici e funzionari di alto rango, garantendo l’impunità. In Paraguay, è comune osservare grandi gangster che allo stesso tempo occupano posizioni elevate nella funzione pubblica o sono proprietari di grandi media egemonici. In queste controversie, che siano elettorali o per qualche affare, quello che la gente sa ma tace salta sull’arena pubblica. Principali atti di corruzione legati ad atti di traffico di droga o riciclaggio di denaro. In questi contesti esce o va in onda il loro bucato sporco, senza alcuna conseguenza giuridica per questi personaggi. Per quanto riguarda l’ oligarchia della soia, il Paraguay fa parte delle colonie yankee. Paese capitalista semifeudale con un’economia basata sulle agro-esportazioni e sulla economia estrattiva, dove i grandi latifondisti nazionali impongono un’ agricoltura capitalista realizzata nelle migliori terre con grandi macchinari e tecnologie d’ avanguardia. Questi modi di produzione approfondiscono e aggravano la miseria e l’ espropriazione dei contadini poveri, che oggi sono costretti a resistere e sopravvivere o morire di fame. Resistere ai pesticidi versati dagli aeroplani sulle loro comunità e sull’agricoltura originaria o ai proiettili delinquente e dell’ esercito privato e criminale dei latifondisti. Questi operano con le istituzioni dello stato, pubblici ministeri, giudici, polizia, eserciti militari e privati. I contadini poveri devono affrontare tutta questa barbarie per poter sopravvivere.

ERAN NIÑAS — Apparizione di Lichita viva. Campagna internazionale. Che il governo argentino non faccia affari con il governo criminale del Paraguay.

shares