Aprile 17, 2021

AFV

Libera la tua mente

ELEZIONI IN PERU’. VERONIKA MENDOZA PER IL CAMBIO POLITICO E SOCIALE.

 Veronika Mendoza, candidata presidente per  Juntos por el Perú

Francesco Cecchini

E’ tempo di ridifinire le regole del gioco che regolano il nostro paese, di identificare i valori che ci possono guidare per uscire da questa crisi, di stabilire un nuovo patto sociale, una Nuova Costituzione.                                                              Veronika Mendoza.

Negli ultimi cinque anni, il Perù è stato seriamente colpito dall’ avere avuto quattro presidenti e due congressi diversi, che non gli hanno permesso di muoversi verso uno sviluppo socio economico  consolidando istituzioni democratiche, per non parlare di affrontare efficacemente la pandemia che sta causando molta sofferenza nella popolazione. Ma i problemi vengono da lontano. Il colpo di stato militare di Fujimori con i carri armati che dovrebbe essere ricordato in queste elezioni è stato il 5 aprile 1992, 29 anni fa. Lì iniziò a prendere piede il controllo totale dello Stato da parte del potere economico , come avvenne in diversi paesi dell’America Latina. Alberto Fujimori ne ha combinato di tutti i colori. Per esempio, le sterilizzazioni forzate (camuffate all’  epoca da piano sanitario) ed ha impugnato come capo d’accusa la morte di 5 donne e danni fisici gravi permanenti ad altre 1.300.Il piano portò alla sterilizzazione di oltre 300.000 donne delle comunità andine, per ridurne la loro presenza numerica sul territorio e nel Paese. Una sorta di pulizia etnica su base “medica” criminale. Inoltre con l’ aiuto di Vladimiro Montesinos, suo capo dei servizi segreti, ha riempito le carceri di prigionieri politici.  Centinaia di donne ed uomini, ex miltanti di Sendero Luminoso, del MRTA, Movimiento Revolucionario Túpac Amaru e di movimenti sociali continuano ad essere incarcerati da moltissimi anni in carceri dove hanno vissuto torture, assassinii e massacri. Alberto Fujimori è fuori gioco, ma non il Fujimorismo.   Il colpo di stato del ’92 è stato organizzato da 3  forze politiche che  partecipano alle elezioni e  sono divise: Keiko Fujimori, figlia di Alberto, accusata e anche messa in prigione per corruzione,  alla testa di Fuerza Popular, punta a vincere anche per concedere l’   indulto al padre condannato a 29 anni per violazione dei diritti umani, Hernando De Soto di Avanza País e Lopez Aliaga di Renovación Popular.

 Verónika Mendoza è la candidata della sinistra peruviana e ha dichiarato che se vincerà le elezioni, organizzerà  un referendum affinché la popolazione decida se vuole cambiare la Costituzione ereditata dalla dittatura Fujimori, che riduce lo Stato a un ruolo sussidiario dell’attività privata. Un colpo politicamente mortale questo al Fujimorismo.

A 40 anni, Verónika Mendoza, o semplicemente Vero come la chiamano i suoi seguaci, è in corsa per la presidenza per la seconda volta. Alle elezioni del 2016 ha sorpreso ed è arrivato terzo, vicinissimo al ballottaggio. La sua performance in quel processo elettorale ha resuscitato una sinistra che aveva avuto un ruolo marginale in diverse elezioni per più di due decenni. Nata nella regione andina di Cusco, figlia di insegnanti, padre peruviano e madre francese, psicologa e antropologa laureata in Francia, è apparsa sulla scena politica nel 2011, quando è stata eletta deputata per la sua regione. 

Verónika Mendoza,

La candidata  di Juntos por el Perú, Insieme per il Perù, guarda con aspettativa all’   avanzamento  delle opzioni progressiste nella regione ed esprime le sue simpatie per governi come quelli di Alberto Fernández in Argentina e di Luis Arce in Bolivia, e con il possibile trionfo di Andrés Arauz in Ecuador questa domenica, lo stesso giorno in cui gareggerà per la presidenza in Perù.

In un dialogo, tramite Zoom per le restrizioni dovute alla pandemia, con corrispondenti dei media stranieri, PáginaI12 le ha chiesto della disputa tra progressismo e destra nella regione, la sua candidatura in questo contesto e l’integrazione regionale. “C’è una svolta netta, una ripresa della democrazia in America Latina dopo il colpo di stato avvenuto in Bolivia, ci sono popoli che chiedono sempre più che i loro governi garantiscano salute, istruzione e alloggio come diritti. In Ecuador la vittoria di un governo progressista potrebbe avvenire l’   11 aprile, come in Perù. Credo che in questo contesto ci sia uno scenario favorevole per l’   America Latina, con governi che potrebbero lavorare per l’   integrazione, non solo in un’ottica commerciale, ma anche in altri settori, come la sanità, l’   istruzione e anche la tutela della nostra Amazzonia, che per noi è fondamentale. Promuoveremo la riattivazione e il rafforzamento di organizzazioni di integrazione come Unasur, Celac e la Comunità andina. La nostra priorità sarà l’ integrazione regionale mettendo al primo posto gli interessi della regione e dei nostri popoli. C’   è un possibile scenario di cooperazione con il governo argentino molto potente ”.

Di fronte alla difficile situazione attuale segnata dalla grave crisi sanitaria ed economica causata dalla pandemia, Mendoza indica che le prime azioni del suo governo saranno di garantire una vaccinazione universale, gratuita e ordinata da parte dello Stato che  permetta di immunizzare il più rapidamente possibile e garantire il più possibile a tutta la nostra gente la produzione e la distribuzione dell’ossigeno per evitare che quanti più peruviani muoiano come sta accadendo oggi per mancanza di ossigeno e per riattivare l’   economia il prima possibile. Mette in discussione fortemente la proposta di alcuni candidati di privatizzare l’acquisto di vaccini. Per riattivare l’economia propone di aumentare gli investimenti pubblici, un piano per creare posti di lavoro temporanei in piccole opere, due obbligazioni di aiuti economici alla popolazione e ampliare il programma di credito a buon mercato per micro e piccole imprese con garanzia statale, misure che in Insieme fanno significherebbe un investimento di oltre 16 miliardi di dollari.

Veronika Mndoza propone la nazionalizzazione del gas, un annuncio che ha spaventato la comunità imprenditoriale e la destra. Precisa che la nazionalizzazione che annuncia “non significa espropriare o espellere investitori privati, ma piuttosto che possiamo fare alleanze con loro in modo che possano continuare a estrarre e distribuire gas, ma la decisione di dove rimane questa risorsa, che ora va principalmente all’ estero, sarà delllo Stato peruviano, decisione che ora non ha, e la priorità sarà il mercato interno e il consumo nazionale. È indegno, sciocco, avere una risorsa a portata di mano e non poterla sfruttare ”.

Veronika Mendoza chiude la campagna a Lima

Nella chiusura della campagna elettorale con una carovana nel centro di Lima, Verónika Mendoza ha detto che la prima cosa è la salute e la vita dei peruviani, e per questo è necessario un cambiamento. Ha dichiarato che la campagna di Juntos por el Perú  non è milionaria: “Abbiamo milioni di cuori di persone coraggiose che ci giocano, che ci mettono il loro cuore e la loro anima. Abbiamo l’   opportunità storica di lasciarci alle spalle la corruzione e costruire una nuova patria. Dobbiamo continuare a lottare, difendere i nostri diritti ”. 

Juntos por el Perú è una coalizione politica peruviana, legalmente registrata come partito politico, situata a sinistra dello spettro politico. È stata creata nel maggio 2017 dal Partito Umanista, e il fronte frente Únete, integrato a sua volta da Fuerza Social, Ciudadanos por el Cambio, Movimiento por el Socialismo, Partido Comunista Peruano-Unidad y el Partido Comunista del Perú-Patria Roja, in seguito si unì il movimento politico Nuevo Perú.  Dopo le elezioni legislative del 2020, Fuerza Social e Ciudadanos por el Cambio hanno deciso di lasciare la coalizione

shares