Settembre 20, 2021

AFV

Libera la tua mente

PARAGUAY HA ESPULSO UNA MISSIONE UMANITARIA ARGENTINA CHE CERCAVA LICHITA.

Dov’è Lichita?


Francesco Cecchini


La missione umanitaria che ha cercato di raggiungere la zona nord del Paraguay dove, nel novembre dello scorso anno, Carmen Elizabeth Oviedo Villalba, Lichita (15 anni), è stata vista per l’ ultima volta, è stata espulsa dal Paese senza che Il governo di Mario Abdo Benítez abbia fornito spiegazioni ufficiali per la decisione.
I membri di varie organizzazioni per i diritti umani e organizzazioni politiche che hanno partecipato alla delegazione sono stati trasferiti sabato su un aereo militare paraguaiano dalla città di Concepción a Encarnación, e da lì hanno dovuto attraversare alla città argentina di Posadas, dove stanno compiendo l’isolamento obbligatorio da Covid. Da lì, hanno dichiarato che “il governo paraguaiano narcoterrorista e infanticida ci ha tenuti come detenuti e ci ha espulsi per una presunta violazione della sovranità del paese”, ma hanno chiarito di aver elaborato i permessi per circolare nella zona di conflitto tra Stato e Esercito Popolare Paraguaiano (EPP).
Lichita al momento della scomparsa, stava fuggendo con sua zia Laura Villalba, Tania Villalba (19 anni) e Tamara Anahí Villalba (15 anni) dal campo EPP di Yby Yaú, Dipartimento di Concepción, che era stata attaccato dalla Fuerza de Tarea Conjunta (FTC, composta da Polizia ed Esercito) il 2 settembre 2020, quando sono state uccise le bambine Lilian Mariana e Maria Carmen Villalba. Il 30 novembre la zia Laura è stata arrestata mentre Lichita non è mai più stata vista.
Ciò che accadde è stato raccontato da Ancora Fischia il Vento. Il link è il seguente:
http://www.ancorafischiailvento.org/2021/05/29/paraguay-lichita-e-ancora-desaparecida/
Dalla fine di novembre non si sa nulla di “Lichita”, e per questo motivo le organizzazioni per i diritti umani in Argentina hanno iniziato una campagna di ricerca e di divulgazione internazionale. Pablo Pimentel, referente dell’Assemblea per i diritti umani di La Matanza (APDH), ha partecipato alla missione umanitaria che ha cercato di “cercare prove e testimonianze tra i contadini e i membri delle comunità indigene” per trovare il luogo in cui si trovava Lichita. La missione è stata organizzata molto tempo fa. Il terzo viaggio che abbiamo fatto a marzo, eravamo undici organizzazioni sociali, diritti umani e giornalisti. Abbiamo svolto il compito politico di elevare la necessità di andare sul territorio, liberi da militari e polizia, per instaurare un rapporto di fiducia con le comunità autoctone”, ha spiegato. Il quarto viaggio prevedeva un ritorno in quel territorio, con l’obiettivo di raccogliere informazioni. Pimentel ha assicurato di aver ottenuto l’approvazione per la missione dal Commissario Generale Pablo René Ríos, Vice Ministro della Sicurezza Interna del Ministero dell’Interno, che, dopo un’aspra discussione, avrebbe autorizzato la delegazione composta da nove persone. Ma un posto di blocco militare ha impedito il passaggio della delegazione, secondo Pimentel. Il governo paraguaiano ha accelerato i tempi dell’espulsione. Un aereo ha portato il gruppo da Concepción a Encarnación. Sette veicoli della polizia ci stavano aspettando. Hanno passato il comando dell’operazione dalla Fuerza de Tarea Conjunta(FTC) alla Polizia, e non sapevamo dove stavamo andando, dove ci stavano portando. Avevamo bisogno di certezze da trasmettere alle nostre famiglie, alle nostre organizzazioni e al Ministero degli Affari Esteri, ha spiegato Pimentel.
Il gruppo di sette argentini, un colombiano e un paraguaiano è stato arrestato “sotto il comando della FTC “, ha detto Pimentel.
Non vi è nessun documento ufficiale paraguaiano in cui dettaglia il motivo dell’arresto o dell’espulsione. Informalmente si informa che è stata violata la sovranità del Parguay
Da Buenos Aires, il Premio Nobel per la Pace, Adolfo Pérez Esquivel, ha mantenuto una comunicazione permanente con la missione, e in questo contesto ha chiesto loro di dimostrare che erano in buona salute e di impegnarsi per garantire la sicurezza della loro gente. Ma il governo paraguaiano ha accelerato i tempi dell’espulsione. Un aereo ha portato il gruppo da Concepción a Encarnación. Pimentel ha dichiarato: Sette veicoli della polizia ci stavano aspettando. Hanno passato il comando dell’operazione dalla FTC alla Polizia, e non sapevamo dove stavamo andando, dove ci stavano portando. Avevamo bisogno di certezze da trasmettere alle nostre famiglie, alle nostre organizzazioni e al Ministero degli Affari Esteri.
Funzionari del consolato argentino a Encarnación hanno seguito da vicino la situazione e si sono messi a disposizione dei membri della missione, come spiegato dal ministero degli Esteri. “Hanno ricevuto assistenza consolare e sono stati assistiti mentre venivano trasferiti di nuovo in Argentina”, hanno detto fonti del Ministero degli Affari Esteri guidato da Felipe Solá.
Dal Paraguay, intanto, il ministro degli Esteri Euclides Acevedo, aveva anticipato che il gruppo “non potrà entrare senza l’accompagnamento di pubblici ministeri e personale di sicurezza, poiché comporterebbe un’ingerenza con la nostra sovranità nazionale”. Sulla stessa linea, il portavoce della FTC, Luis Apesteguia, ha dichiarato a Radio 1000 de Asunción che abbiamo ritardato l’ingresso (del gruppo argentino) in una strada di quartiere che porta al Cerro Guasú, nella zona di Azotey, una zona altamente pericolosa. . Abbiamo controllato tutti gli accessi e dovevano coordinarsi con noi se volevano entrare, ma non hanno fatto quel coordinamento. Non si sono conformati, sono stati detenuti e messi a disposizione dell’immigrazione “.
Attraverso un comunicato, i membri della missione “Dov’è Lichita?” hanno dichiarato: Siamo tornati indignati e pieni di rabbia. Ripudiamo le azioni del governo di Mario Abdo Benítez (…) per l’espulsione della nostra delegazione, che non ha violato alcuna legge nazionale o internazionale, né gli accordi stabiliti con lo stesso governo paraguaiano. Hanno descritto l’espulsione come totalmente irregolare, illegale e arbitraria. Siamo stati allontanati con la forza dall’albergo dove alloggiavamo. Custodito tutto il tempo da personale delle Forze Armate pesantemente armato, con trattamento sfuggente, i cui argomenti cambiavano continuamente e sempre registrati da un militare, lo stesso materiale multimediale che opportunamente alimentava diversi mezzi di comunicazione paraguaiani privati ​​ed egemoni. Perché una missione umanitaria e pacifica, alla ricerca di ‘Lichita’, infastidisce così tanto il governo? Queste arbitrarietà sono un altro motivo che si aggiunge alla lunga lista dei motivi per cui siamo convinti che lo Stato sia stato ed è responsabile della scomparsa forzata dell’adolescente Lichita”.
Laura Villalba la zia di Lichita è stata liberata da una prigione per essere trasferita ad un centro di riabilitazione che è un’ altra prigione. Il regime e la stampa di regime, ABC per esempio, hanno definito Laura Villalba, una terrorista specializzata nel far arruolare bambini nell’ Esercito Popolare Paraguaiano, EPP. Tutto ciò è significativo del clima che il regime di Mario Abdo Benítez sta creando, per nascondere la verità, sulla drammatica vicenda dell’ assassinio di due bambine, Lilian Mariana e Maria Carmen, e sulla sparizione di una ragazzina, Lichita.

Laura Villalba