‘Sono qui, seduta, e qui resto. So che i talebani presto verranno a prendermi, e mi uccideranno, e così faranno con quelle come me. Ma non vado via, Zarifa Ghafari, 15 agosto 2021

Sindaco di Maidanshahr dal 2019, Zarifa Ghafari è una delle poche donne afgane a ricoprire un’importante carica politica. Nel 2018, quando è stata nominata dal presidente Ashraf Ghani, aveva appena 26 anni. Per l’ostilità dei politici locali ha potuto iniziare il suo mandato solo nel 2019. Dopo aver prestato giuramento ha subito minacce di morte dai talebani e dall’Isis. 

E’ diventata un modello per le altre donne afgane. Per questo motivo nel 2020 è stata scelta dal Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, come International Woman of Courage. 

Il 5 novembre dello scorso anno, dopo l’assassinio di suo padre, ha detto: ‘Sono i talebani. Non mi vogliono a Maidanshar. Ecco perché hanno ucciso mio padre’.

Sono seduta qui ad aspettare che arrivino. Non c’è nessuno che aiuti me o la mia famiglia. Sto sola seduta con loro e mio marito. E verranno per le persone come me e mi uccideranno’. Queste potrebbero essere le ultime parole di Zarifa Ghafari.

La ‘fuga’ in fretta e furia della coalizione militare anti-talebana sta mettendo in pericolo la vita di decine di migliaia di uomini e donne che si sono fidati dei governi occidentali, compreso quello italiano.

Ad occupare e successivamente abbandonare l’Afghanistan non sono stati solo i marines a stelle e strisce, prima di loro negli anni ottanta lo hanno fatto i soldati dell’armata Rossa. Le due superpotenze militari non sono riuscite ad imporre i loro modelli istituzionali ed economici.

Ora, mentre il nostro ministro degli Esteri si gode il mare di Ferragosto, Zarifa è rimasta nella sua terra a difendere pacificamente i diritti e la dignità del suo popolo.  

E con Lei tanti attivisti e militanti a cui non resta che resistere e sperare di non diventare le nuove vittime dell’integralismo religioso.

Fonti: it.wikipedia.org e facebook.com

REDNEWS

Di Giovanni Pulvino (REDNEWS)

Sono un professore di Scienze giuridiche ed economiche, ho iniziato ad insegnare nel 1993 e, dopo tanti anni di supplenze, sono passato di ruolo nel novembre del 2015. In quegli anni il portale web di Tiscali dava agli utenti la possibilità di esprimersi tramite le ‘Socialnews’. Ed è cosi che nel luglio del 2012 ho iniziato a scrivere articoli raccontando le vicende dei precari storici della scuola. Per un anno ho collaborato anche con ComUnità del portale Unità.it. Successivamente per integrare e proseguire quell’esperienza durata oltre 3 anni ho creato REDNEWS (28 giugno 2015), un ‘blog di cronaca, informazioni e opinioni dal profondo Sud’. Il mio scopo era ed è quello di dare voce a chi è escluso dalla società, in particolare i disoccupati, i precari, i pensionati al minimo. Nello stesso tempo intendo esprimere il punto di vista di chi vive nel Meridione, terra che è regolarmente esclusa oltreché dal benessere economico anche dai circuiti d’informazione nazionali. La linea editoriale del blog può essere riassunta con le parole scritte nel IV secolo a.C. dal poeta e drammaturgo greco Sofocle: ‘L’opera umana più bella è di essere utile al prossimo’.

Un pensiero su “Zarifa Ghafari: ‘I talebani presto verranno a prendermi, e mi uccideranno’”
  1. […] Zarifa Ghafari, 27, première femme maire d’Afghanistan, élue en 2019 à Maidan Sharh, dans le centre du pays,  ne se fait aucune illusion. « Je suis assise ici à attendre qu’ils viennent. Il n’y a personne pour m’aider ou aider ma famille. Ils viendront pour des gens comme moi et ils me tueront ».  Glaçant. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy