Gennaio 28, 2022

AFV

Libera la tua mente

MARSIGLIA, CITTA’ CON CRIMINALI.

View taken on January 9, 2013 of the "Vieux-Port" (Old Harbour) and the Notre-Dame-de-la Garde basilica in the French southern city of Marseille, two days ahead of the 2013 "Marseille-Provence European Capital of Culture" event. AFP PHOTO/GERARD JULIEN (Photo credit should read GERARD JULIEN/AFP/Getty Images)

Marsiglia


Francesco Cecchini


Marseille est la plus belle ville du monde. Marsiglia è la più bella città del mondo. Cantano i Massila Sound.
La luce e il Mediterraneo contribuiscono alla bellezza di Marsiglia, ma un filo nero collega nel tempo la sua storia criminale. Dal mileu marsigliese negli anni immediatamente precedenti alla Prima guerra mondiale. Fu questo l’ inizio, quando la città fu meta di una forte ondata di migrazione proveniente dai paesi mediterranei, principalmente Italia, Spagna e Corsica, che stravolse lassetto urbano, caratterizzandone, da lì in avanti in modo irreversibile, il contesto sociale.
E in questa prima fase che nacquero i primi gruppi criminali, formati da gente approdata a Marsiglia che si servirà delle estese rotte commerciali per sviluppare i propri mercati illegali.
Fino ai giorni nostri con una criminalità dedita, innanzitutto, al traffico e allo spaccio di droga.
Nel 2020 il sindaco socialista Benoît Payan ha dichiarato: Ormai a Marsiglia si può comprare un Kalashnikov con la stessa facilità con cui si compra un croissant al cioccolato”.
Dall’inizio del 2021 sono avvenuti quindici omicidi per regolamento di conti legati al traffico di droga. Sono stati uccisi anche un ragazzo di 17 anni e una ragazzina di 14 anni. La Marsiglia dove sono avvenuti gli omicidi è quella dei quartieri nord, le squallide cités, dove regna la povertà, dove le forze dell’ordine non sempre sono presenti e vi è il dominio dei clan della droga. Oltre alla criminalità vi è la povertà, il 26% degli abitanti vive sotto la soglia di povertà, e la disoccupazione quasi al 10%. Inoltre vi è crisi degli alloggi e dei trasporti pubblici. Tutto ciò fanno della più bella città di Francia, la più ricca di problemi.
Nonostante Euroméditerranée, che ha promosso cultura, arti, opere architettoniche e turismo internazionale, Marsiglia non è riuscita a riscattarsi completamente da città povera, e pericolosa.
In aiuto a Marsiglia è arrivato il presidente francese Emanuel Macron con 7 ministri e un piano ambizioso per la città per farla diventare la Capitale del Mediterraneo. Un piano d’ urgenza, denominato ” Marsiglia in grande”, di ammordenamento della città con diversi miliardi di euro.
Macron ha incontrato tutti i politici eletti a Marsiglia, compreso Jean-Luc Mélenchon della France Insoumise che aveva affermato che la mossa del presidente aveva solo carattere elettoralistico, in vista delle elezioni del 2022. Macron ha incontrato innanzitutto il sindaco socialista Benoît Payan e la giunta di sinistra Printemps Marsillais. Benoît Payan, giovane e pragmatico ha cercato, nell’ interesse della città, un’ intesa con Macron, più che fare battute alla Jean-Luc Mélenchon.
Comunque è chiaro che secondo il principio che ” Non è Parigi che viene a gestire Marsiglia” eventuali finanziamenti per migliorare la città saranno gestiti dalla giunta locale e allo stesso tempo nella società marsigliesi dovranno crescere quelle realtà sociali e culturali per togliere spazio alla criminalità e soffocarla.