LA FASCISTA RAZZISTA SCHIAVISTA GIORGIA MELONI
Che la tolleranza e la complicità di regime verso il neofascismo degradi tutta la politica italiana lo dimostra Giorgia Meloni. Che ogni giorno può permettersi di fare affermazioni sempre più incivili e infami, senza che nessuna istituzione le dica nulla e con il sistema mediatico che la esalta.
Appena conclusa la campagna per le dimissioni da rettore di Tomaso Montanari, reo di antifascismo, la ex ministra di Berlusconi è tornata alla sua principale fissazione da alcuni mesi, per altro condivisa con Renzi, Salvini, Briatore, Bonomi e tutti i peggiori politici e padroni: abolire il reddito di cittadinanza.
Per mettersi alla testa di queste vergognose campagna e compagnia, Giorgia Meloni ha raschiato il fondo dell’odio di classe che da sempre ispira il fascismo e ha detto che i poveri sono come i tossici. E che il reddito di cittadinanza è come il metadone.
Giorgia Meloni come tutti i fascisti è ottusa e ignorante, neppure sa quale sia la funzione reale del metadone nella tossicodipendenza. Ma soprattuto è razzista verso i poveri e gli sfruttati, che per lei sono solo dei drogati da mandare a lavorare a 300 euro al mese, così gli passa.
Se qualcuno vi viene ancora a dire che Giorgia Meloni rappresenta il popolo contro il palazzo, sputategli in un occhio. Lei, come il fascismo di ieri e quello di oggi, sta coi ricchi, anzi coi ricchi peggiori, con gli schiavisti sfacciati. E lo dice con il linguaggio spudorato, violento e miserabile degli squadristi di cento anni fa. A questo aggiunge l’arroganza impunita della casta, di cui fa parte da sempre, e che le garantisce in un mese il doppio di quanto prenda in due anni un povero con il reddito.
Giorgia Meloni è fascista, razzista, schiavista e ogni definizione diversa è complicità.

Giorgio Cremaschi PaP

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy