Per mesi ab­bia­mo detto e ri­det­to che non avreb­be­ro mai ri­mes­so in di­scus­sio­ne la Legge For­ne­ro in ma­te­ria pre­vi­den­zia­le no­no­stan­te l’ab­bas­sa­men­to, causa covid, del­l’a­spet­ta­ti­va di vita, per mesi ab­bia­mo ri­pe­tu­to che die­tro la ri­for­ma della Pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne si ce­la­va­no in­te­res­si pri­va­ti­sti­ci che nulla hanno a che ve­de­re con il po­ten­zia­men­to dei di­pen­den­ti pub­bli­ci.

In que­sti gior­ni un rap­por­to Ocse non solo pro­muo­ve la ri­for­ma Bru­net­ta ma ri­ba­di­sce la ne­ces­si­tà di non ri­ve­de­re le norme pre­vi­den­zia­li pre­pa­ran­do una ri­for­ma del Fisco e del wel­fa­re per de­tas­sa­re il la­vo­ro e aiu­ta­re l’im­pren­di­to­ria.

E così ar­chi­via­ta la Quota 100 si at­tac­ca il red­di­to di cit­ta­di­nan­za pro­po­nen­do­ne lo stra­vol­gi­men­to e si in­vo­ca l’ap­pli­ca­zio­ne della For­ne­ro senza al­cu­na de­ro­ga (sono i con­te­nu­ti della nuova Eco­no­mic Sur­vey )

Siamo in pre­sen­za dei so­li­ti av­ver­ti­men­ti al­l’I­ta­lia, si danno con­si­gli non ri­chie­sti ma assai in­te­res­sa­ti che nel pas­sa­to hanno pro­dot­to danni ne­fa­sti al po­te­re di ac­qui­sto e di con­trat­ta­zio­ne, nel re­cen­te pas­sa­to le rac­co­man­da­zio­ni erano im­pe­ra­ti­vi ca­te­go­ri­ci veri e pro­pri e i soldi del Piano na­zio­na­le di ri­pre­sa e re­si­lien­za stan­no a di­mo­stra­re che nu­me­ro­se   e one­ro­se, per la clas­se la­vo­ra­tri­ce, con­tro­par­ti­te sono state chie­ste, anzi im­po­ste per avere i fi­nan­zia­men­ti\pre­sti­ti eu­ro­pei.

 Il vero e solo obiet­ti­vo è la cre­sci­ta del Pil nel nome del quale sa­ran­no stra­vol­ti stato so­cia­le, am­mor­tiz­za­to­ri so­cia­li e ser­vi­zi pub­bli­ci senza al­cu­na reale di­scus­sio­ne sulle ri­for­me da in­tra­pren­de­re (per­ché al­cu­ni cam­bia­men­ti sono ne­ces­sa­ri ma sul­l’in­di­riz­zo e le fi­na­li­tà degli stes­si non può es­ser­ci si­len­zio o de­le­ga in bian­co.

Quan­do si parla di scon­giu­ra­re il ri­tor­no alla lunga sta­gna­zio­ne pre-Covid si in­ten­de ac­cre­sce­re la pro­dut­ti­vi­tà in­ci­den­do di­ret­ta­men­te sulla di­na­mi­ca sa­la­ria­le e con­trat­tua­le per ac­cor­da­re l’en­ne­si­ma ri­du­zio­ne delle tasse sul la­vo­ro. Le tasse sul la­vo­ro sono si­cu­ra­men­te ele­va­te ma se i ri­spar­mi vanno solo nelle casse delle im­pre­se senza alcun rein­ve­sti­men­to so­cia­le ri­schia­mo di per­de­re nel tempo anche al­cu­ni dei ser­vi­zi so­cia­li fino ad oggi ero­ga­ti o re­sta­re al la­vo­ro fino a 70 anni: Que­ste ed altre in­di­ca­zio­ni ri­tro­via­mo anche nel re­cen­te Forum Am­bro­set­ti di Cer­nob­bio

E in que­sti sce­na­ri ri­dur­re la spesa pre­vi­den­zia­le è uno degli ar­go­men­ti più get­to­na­ti al pari della con­tra­zio­ne della spesa so­cia­le che nei mesi pan­de­mi­ci è ov­via­men­te cre­sciu­ta, ad esem­pio nel ca­pi­to­lo sa­ni­tà per il quale, già dai pros­si­mi anni, si pre­ve­do­no tagli. 

In ma­te­ria di pre­vi­den­za lo scon­tro sarà par­ti­co­lar­men­te duro, basti pen­sa­re che in Ita­lia spen­de quasi il dop­pio della media dei Paesi Ocse, ferma all’8,5%, ep­pu­re al­cu­ni di que­sti paesi stan­no ri­ve­den­do le po­li­ti­che fino ad oggi in­tra­pre­se. a fron­te di di­sa­stri so­cia­li che hanno im­po­ve­ri­to fasce cre­scen­ti della po­po­la­zio­ne. L’ot­ti­ca in cui si muo­vo­no non è quel­la ca­ri­ta­te­vo­le ma fun­zio­na­le alla ri­pre­sa dei con­su­mi in­ter­ni.

Il rap­por­to Ocse ac­cu­sa l’I­ta­lia per la quota 100 e l’op­zio­ne donna e chie­de senza mezzi ter­mi­ni il pieno ri­tor­no alla Legge For­ne­ro. Sono tra­scor­si solo pochi anni dal red­di­to di cit­ta­di­nan­za e dalla quota 100 e si torna ai santi vec­chi, alle re­go­le di ri­du­zio­ne della spesa pub­bli­ca come se la pan­de­mia fosse stata una pic­co­la pa­ren­te­si ne­ga­ti­va e non in­ve­ce l’oc­ca­sio­ne per ri­flet­te­re sulle po­li­ti­che neo­li­be­ri­ste in­tra­pre­se.

Re­da­zio­ne pi­sa­na di Lotta Con­ti­nua Da: https://​delegati-​lavoratori-​ind​ipen​dent​i-​pisa.​blogspot.​com

https://www.lotta-continua.it/index.php?option=com_easyblog&view=entry&id=811&Itemid=319

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy