(Foto di https://www.facebook.com/Patrick-Libero)

Riccardo Noury

La situazione di Patrick Zaki è così disperata che quando (due settimane fa come oggi) un’udienza termina non con una condanna ma con un rinvio viene quasi da tirare un sospiro di sollievo.

L’avvocata Nasrallah è stata costretta a chiedere un rinvio perché non è ancora in possesso di tutti gli atti processuali: una costante di questi 19 mesi, dato che nel periodo di detenzione preventiva non ebbe mai a sapere di cosa esattamente Patrick fosse accusato.

Il giudice ha accolto la richiesta, ma con un provvedimento punitivo: un rinvio di 70 giorni, che Patrick trascorrerà nella sua cella della prigione di Tora, al Cairo.

Ognuno si prenderà la responsabilità di cosa fare in questi 70 giorni: l’avvocata, se sarà messa nelle condizioni, preparerà una strategia difensiva; la campagna #FreePatrickZaki da quello straordinario epicentro che è Bologna continuerà a organizzare iniziative, i mezzi d’informazione proseguiranno a tenere alta l’attenzione.

La domanda che rimane è: cosa faranno le istituzioni del nostro paese in quel periodo? Il Parlamento incalzerà il governo sul tema della cittadinanza italiana? Il governo prenderà un’iniziativa nei confronti del Cairo? O si lascerà trascorrere ancora una volta invano questo periodo, arrivando al 7 dicembre a mani politicamente vuote?

A proposito del 7 dicembre: la prossima udienza si terrà a 22 mesi esatti dall’arresto di Patrick. Ventidue mesi di crudeltà e sofferenza inflitte allo studente di Bologna, ma anche di sua straordinaria resistenza

https://www.pressenza.com/it/2021/09/patrick-zaki-altri-70-giorni-di-carcere-un-periodo-di-tempo-lungo-e-crudele/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy