Gennaio 21, 2022

AFV

Libera la tua mente

PANDORA PAPERS, UN DURO COLPO A CONTRABBANDIERI DI BENI E CAPITALI.

Pandora Papers 2021, una ricerca globale.


Francesco Cecchini


La vita sarebbe più giusta se il giornalismo fosse una trincea per denunciare tutto ciò che ci impedisce di essere liberi. A volte lo è.
Cinque anni dopo i Panama Papers ora i Pandora Papers scoperchiano un grande Vaso di Pandora, che contiene milioni di documenti che rivelano affari offshore e beni di oltre 100 miliardari, 30 leader mondiali e 300 funzionari pubblici. Lo ha riferito il Consorzio Internazionale di Giornalisti Investigativi, ICIJ, più di 600giornalisti in base allo studio di 11,9 milioni di documenti. In esclusiva per l’ Italia ha patecipato l Espresso, che dedicherà il prossimo numero al tema.
Fondata nel 1997 dall’ American Center for Public Integrity, ICIJ è diventata un’entità indipendente nel 2017. La sua rete comprende giornalisti investigativi in ​​più di 100 paesi e territori, oltre a circa 100 media partner. L’ ICIJ è salito alla ribalta all’ inizio di aprile 2016 con la pubblicazione dei Panama Papers, un’ indagine basata su circa 11,5 milioni di documenti provenienti da uno studio legale panamense. Sui Panama Papers è stato basato un film e un documentario. Il trailer con il documentario è il seguente:
https://www.youtube.com/watch?v=lTlzLADvLfA
I documenti di Pandora Papers provano una quantità alta di ricchissimi affari con i nomi di coloro che ne hanno beneficiati, finora coperti dal velo delle società offshore. Costoro comprendono il premier della Repubblica Ceca, il ministro olandese dellEconomia, lex capo del governo britannico Tony Blair, il Re di Giordania e presidenti in carica di Paesi come Ucraina, Kenya, Cile, Ecuador. Nella lista spiccano i nomi di molte celebrità dello sport, della moda e dello spettacolo, come Julio Iglesias e Claudia Schiffer. Ma ci sono anche criminali. Ex terroristi. Bancarottieri. Trafficanti di droga. E boss mafiosi, anche italiani, con i loro tesorieri. Molti, tra i quali il premier della Repubblica Ceca Andrej Babis, si stanno giustificando asserendo che non hanno compiuto nulla di illegale. O smentiscono del tutto.
Dopo Panama Papers non è che non è successo niente, ventitré paesi hanno già recuperato almeno 1,2 miliardi di dollari di tasse, capi di governo implicati in corruzione o elusione fiscale si sono dimessi o sono stati perseguiti e ci sono state indagini in almeno 82 paesi. Sicuramente ciò avverrà anche con i Pandora Papers, ma è importante che questi diffondano nella società la coscienza della necessità di cambiare un sistema, che produce tutto quello che ICIJ ha denunciato.

Politici, criminali e imprese furfanti che nascondono i loro profitti