Ottobre 22, 2021

AFV

Libera la tua mente

LETTERA DEL JAMMU KASHMIR LIBERATION FRONT – KLF A ANTONIO GUTERRES, SEGRETARIO GENERALE DELLE NAZIONI UNITE.

Kashmir: Paradiso sotto Assedio


Francesco Cecchini


Kashmir non è mai stato parte integrale dellIndia. Arundhati Roy
Lettera tradotta dall’ inglese da Francesco Cecchini per Ancora Fischia il Vento.
Nota del traduttore: la lettera è molto utile per capire la situazione attuale del Kashmir e la sua storia dal 1947.
Al fine di risolvere il conflitto del Kashmir, che dura da 74 anni, l’ Ufficio diplomatico JKLF, Jammu Kashmir Liberation Front, sollecita l’ ONU a nominare un Amministratore che lavori per un referendum nello stato del Jammu Kashmir.
A Sua Eccellenza Sr. Antonio Guterres Segretario Generale delle Nazioni Unite UN HQ 1st Avenue at 45th Street New York, NY 1007 USA
Eccellenza, poco più di ventisei mesi fa, il 5 agosto 2019, l’ India guidata dal BJP(Bharatiya Janata Party)/RSS ( Rashtriya Swayamsevak Sangh, organizzazione di estremadestra paramilitare) ha commesso una aperta aggressione contro lo stato conteso a livello internazionale di Jammu e Kashmir, generalmente indicato come Kashmir. È tristemente ironico che nel mese di agosto del 2021 l’ India abbia presieduto l’ UNSC (Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite) mentre esattamente due anni prima ha annesso e biforcato lo Stato in due cosiddetti territori che saranno governati direttamente da Nuova Delhi. Con questo atto illegale di annessione il governo indiano ha mostrato un totale disprezzo e arroganza con sfacciata sfida all’ONU e alle sue risoluzioni che richiedevano un plebiscito per determinare la situazione dello Stato conteso.
Eccellenza, a distanza di due anni, le sofferenze inflitte alle persone indifese continuano con maggiore intensità, soprattutto nella valle del Kashmir, nella valle del Chenab e nella regione del Pir Panjal. Negli ultimi due anni l’ India ha trasformato il Kashmir, illegalmente rioccupato, in una gigantesca prigione a cielo aperto per milioni di persone assediate da 900.000 soldati indiani. La libertà di movimento all’ interno e all’ esterno del territorio occupato è ridotta per il Kashmir. Per ottenere il passaporto indiano, ci si aspetta che un Kashmir abbia vissuto un’ esistenza appartata e monastica. E per tutta la sua vita ci si aspetta che non abbia pronunciato una parola di opposizione o abbia partecipato a un’ attività come un incontro di protesta su qualsiasi questione degli aspetti sociali, politici ed economici del Kashmir; solo allora sarebbe considerato un cittadino modello per beneficiare del “privilegio” di ottenere un passaporto indiano per viaggiare. Questa è quindi l’ India del 2021 in Kashmir, la cosiddetta più grande democrazia del mondo, a cui l’ UNSC ha permesso di farla franca terrorizzando un’ intera nazione e privandola del suo diritto all’ autodeterminazione riconosciuto a livello internazionale insieme a tutti gli altri diritti umani. Eppure il primo ministro indiano Modi nel suo discorso alla 76 sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite il mese scorso, ha elogiato il suo paese come la “madre della democrazia”. In realtà, tuttavia, BJP dl primo ministro indiano sostenuto dall’ RSS non ha alcun rispetto per la democrazia in Kashmir e per i diritti democratici del popolo del Kashmir. La sua ascesa al potere politico negli ultimi due decenni, prima come Primo Ministro del Gujrat e dal 2014 come Primo Ministro dell’ India, può essere attribuita solo alla politica maggioritaria estremista, sostenuta dall’ideologia religiosa suprematista Hindutva. Il Kashmir viene utilizzato dal governo BJP/RSS Modi come laboratorio per infondere e galvanizzare la sua base politica estremista maggioritaria in India per il vantaggio elettorale.
Eccellenza, l’ UNSC è l’ organo legislativo apice nel mondo che ha il potere di far rispettare la Carta delle Nazioni Unite e le sue risoluzioni. È una grave ingiustizia inflitta al popolo del Kashmir il fatto che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite abbia completamente omesso di far rispettare la Carta delle Nazioni Unite e le sue risoluzioni per affermare e difendere l’intrinseco, inalienabile diritto sovrano illimitato di 22 milioni di Kashmiri. In quanto coscienza collettiva del mondo, l’ ONU ha gli obblighi e l’ autorità, che Vostra Eccellenza ha il dovere di esercitare, per proteggere e far valere i diritti del Kashmir, il cui consenso è stato impedito di essere esercitato sullo stato della loro patria per più di sette decenni. Chiediamo che l’ UNSC nomini un amministratore plebiscito per la risoluzione della questione del Kashmir. Esortiamo Vostra Eccellenza a impegnarsi con l’ India e il Pakistan per garantire che entrambi i paesi facilitino l’ amministratore del plebiscito delle Nazioni Unite.
La leadership del Kashmir impegnata per una soluzione politica pacifica della controversia viene gettata in prigione, con accuse di ‘sedizione’ che altro non sono che le azioni di una potenza coloniale. I Kashmiri sono governati oggi su entrambi i lati della CfL del 1949 senza consenso e il loro diritto democratico al dissenso è stato tolto. La nuda aggressione, repressione e violenza militarizzata in Kashmir da parte dell’ India è senza precedenti e una chiara negazione degli obblighi e degli impegni dell’India nei confronti della comunità internazionale e del popolo del Kashmir. L’ oppressione da parte dello stato indiano deve cessare e la leadership del Kashmir deve essere rilasciata dalle carceri e dagli arresti domiciliari.
Eccellenza, il governo Modi ha bandito partiti politici come il Jammu Kashmir Liberation Front-JKLF- e il Jamat-e-Islami. I leader politici impegnati in una soluzione pacifica della questione del Kashmir sono incarcerati illegalmente con accuse inventate. Il presidente del JKLF Yasin Malik, ad esempio, è accusato di sostenere la militanza, che lui e il suo partito hanno abbandonato più di venticinque anni fa per intraprendere una lotta rivoluzionaria politica e pacifica per l’autodeterminazione. Il sig. Yasin Malik cerca la partecipazione attiva e costruttiva dell’ India e del Pakistan insieme al Kashmir sotto gli auspici delle Nazioni Unite per una risoluzione equa della questione e del conflitto. La storia della questione del Kashmir è piena di tradimenti e impegni infranti dall’India in particolare, e indifferenza e abbandono dei diritti fondamentali del Kashmir da parte delle grandi potenze. Uno di questi solenni impegni indiani fu fatto da Gopalswami Ayyangar alla 227a riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite il 15 gennaio 1948, quando dichiarò quanto segue: “se dovesse ritirarsi dalla sua adesione all’ India, e o aderire al Pakistan o rimanere indipendente con il diritto di rivendicare l’ ammissione come membro delle Nazioni Unite, abbiamo riconosciuto che tutto questo è una questione di libera decisione da parte del popolo del Kashmir dopo che la vita normale è stata ripristinata.”
Il 2 gennaio 1952 Pandit Jawaharlal Nehru, il primo Primo ministro dell’ India indipendente, ha ribadito la politica dell’India sul Kashmir in una dichiarazione nell’ Amrita Bazar Patrika di Calcutta affermando che: Il Kashmir non è di proprietà dell’ India o del Pakistan. Appartiene al popolo del Kashmir. Quando il Kashmir ha aderito all’ India, abbiamo chiarito ai leader del popolo del Kashmir che alla fine avremmo rispettato il verdetto del loro plebiscito. Se ci dicono di andarcene, non esiterei a lasciare il Kashmir”. Ha continuato affermando che: Abbiamo portato la questione alle Nazioni Unite e dato la nostra parola d’ onore per una soluzione pacifica. Essendo una grande nazione, non possiamo tornare indietro. Abbiamo lasciato la soluzione finale al popolo del Kashmir e siamo determinati a rispettare la loro decisione”.
Eccellenza, sembra che le parole di Gopalswami Ayyangar alla riunione UNSC del 15 gennaio 1948, e quelle del Pandit Jawaharlal Nehru di cui sopra, fossero parole di un grande inganno da parte di uno stato membro delle Nazioni Unite descritto come la “parola d’onore” di una grande nazione da Pandit Nehru. Per la sua credibilità, l’UNSC deve denunciare l’inganno e il tradimento dell’India sul Kashmir. In qualità di membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, l’India che presiede il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per il mese di agosto 2021 rifletteva il vero significato della frase “bracconiere diventato guardiacaccia!”. la situazione dei diritti umani in Kashmir attende ancora un’azione adeguata da parte delle Nazioni Unite in quanto non è stata consentita una visita né dell’India né del Pakistan nello Stato diviso. Chiaramente le Nazioni Unite ancora una volta non sono riuscite a proteggere i diritti e gli interessi fondamentali del popolo del Kashmir poiché i rapporti affrontano questioni relative ai diritti umani e violazioni da entrambe le parti della CfL ( NdT: L’accordo di Karachi del 1949 fu firmato dai rappresentanti militari di India e Pakistan, sotto la supervisione della Commissione delle Nazioni Unite per l’India e il Pakistan, stabilendo una linea di cessate il fuoco in Kashmir dopo la guerra indo-pakistana del 1947) .L’ unico sprazzo di conforto negli ultimi due anni è stata la cessazione delle ostilità il 25 febbraio 2021 tra gli eserciti di India e Pakistan schierati faccia contro faccia lungo le cinquecento miglia di CfL dal 1947. Entrambi i paesi hanno strettamente controllato il movimento attraverso il confine de facto per centinaia di migliaia di famiglie separate, e il Kashmir in generale per muoversi liberamente attraverso il CfL che il Kashmir considera come un loro diritto fondamentale.
Sulla base delle politiche dell’ India e del Pakistan è ampiamente sospettato dal Kashmir che la cessazione delle ostilità in tutto il CfL potrebbe essere un preludio per ignorare il plebiscito e trasformare il CfL in un confine formale sopra le teste di 22 milioni di cittadini della divisione forzata Stato. Se queste sono le intenzioni di India e Pakistan di risolvere la questione con la divisione permanente del Kashmir, un tale risultato senza dubbio non sarebbe accolto con favore dai Kashmiri.
Invece di risolvere la questione di vecchia data con un plebiscito libero, equo, trasparente e democratico sotto gli auspici delle Nazioni Unite, formalizzare la divisione e l’ annessione del Kashmir da parte di uno o entrambi i paesi, non costituirà una soluzione democratica in quanto tale forzata la soluzione sarebbe contro l’intrinseco e inalienabile diritto illimitato dei Kashmir all’autodeterminazione; e violerebbe anche il mandato delle Nazioni Unite affidato all’India e al Pakistan in base alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.
Eccellenza, l’ India ha palesemente rinnegato i suoi solenni impegni presi con il Kashmir e le Nazioni Unite, eppure chiede un seggio permanente all’UNSC per diventare custode dei valori dell’ organizzazione nonostante abbia sfidato le Nazioni Unite sul Kashmir. Ci auguriamo vivamente, tuttavia, che il Pakistan non si allontani dal suo ruolo mandato dalle Nazioni Unite sulla questione del Kashmir e non segua l’ India integrando i territori dello stato nel Pakistan, che controlla direttamente come nel Gilgit Baltistan-GB e indirettamente in Azad Jammu e Kashmir-AJK. La risoluzione della questione del Kashmir e del conflitto, senza dubbio, è fondamentale per sbloccare il pieno potenziale umano di 1,5 miliardi di abitanti dell’ Asia meridionale. I Kashmiri desiderano la pace, infatti i Kashmiri chiedono la pace con giustizia e dignità, in modo che come popolo libero i Kashmiri possano anche prosperare e contribuire liberando l’ energia illimitata unita allo spirito per scalare nuove vette, che è radicato nella cultura dell’impresa tra i diverse persone del Kashmir. Essere stretti tra due potenze nucleari che non hanno superato l’ ostilità l’ una contro l’ altra sin dalla loro indipendenza dal Regno Unito nel 1947, ha inevitabilmente inibito il nostro progresso, prosperità e spirito di innovazione e successo.
La politica del governo Modi di sottomissione “a tutto campo” della legittima resistenza del Kashmir non ha lasciato spazio politico in Kashmir. Il primo ministro Modi è più interessato al progetto dei coloni colonizzatori in Kashmir per ridurre la maggioranza musulmana in una minoranza irrilevante quando il suo partito entrerà nelle elezioni generali indiane del 2024. Non sembra preoccuparsi dei problemi economici del Kashmir, la cui situazione economica non è affatto migliorata dal 2014. Inoltre, non è interessato alla scissione comunitaria che le sue politiche stanno creando in Kashmir poiché ciò si adatta alla sua agenda Hindutva maggioritaria politica e ideologica per l’ India, anche se sta avendo un grave impatto sul variegato tessuto socio-culturale e politico del Kashmir.
Eccellenza, la esortiamo vivamente a difendere e affermare i diritti e le aspirazioni del popolo del Kashmir e la esortiamo a fare appello ai leader dell’ India e del Pakistan per la loro cooperazione con Sua Eccellenza e l’Amministratore del Plebiscito, per una giustizia giusta, equa e risoluzione pacifica e duratura del conflitto del Kashmir, vecchio di oltre settant’ anni, che è ed è stato una minaccia alla pace e alla prosperità della regione dell’Asia meridionale e del mondo. Esortiamo Vostra Eccellenza a chiedere al governo indiano di liberare immediatamente tutti i prigionieri politici, compresi Yasin Malik, Shabir Shah, Aasiya Andrabi e molti altri dalla detenzione. Questi leader del Kashmir sono parte della soluzione e devono essere coinvolti per una risoluzione pacifica e duratura del conflitto, che inizierà una nuova era di pace e prosperità per l’ intera regione dell’Asia meridionale e oltre.
Sinceramente,
Zafar Khan Presidente dell’ Ufficio Diplomatico del Jammu Kashmir Liberation Front-JKLF Segretariato Internazionale 119-123 Cannon Street Road North Basement London E1 2 LX Email: zafargk@aol.com
Ufficio Informativo Centrale-CIO: B-144 Satellite Town Murree Road Rawalpindi Pakistan. Email: jklf1977@gmail.com

Repressione in Kashmir