Ottobre 22, 2021

AFV

Libera la tua mente

Gli USA sono stanchi dell’Ucraina, e non difenderanno gli interessi di Kiev nei colloqui con la Russia

I legami tra Stati Uniti e Ucraina sembrano gradualmente più incerti. Gli analisti ritengono che Washington sia “stanca” dell’Ucraina e che l’intenzione del governo Biden d’ora in poi sia quella di mantenere lo status quo e non mettere la questione ucraina all’ordine del giorno nei negoziati bilaterali tra Stati Uniti e Russia, considerando la bassa probabilità che entrambi i paesi giungano ad un’intesa comune. Per Kiev, questo significa una grave perdita e un “invito” a spostarsi verso una posizione internazionale più neutrale.

In una recente intervista, l’ex consigliere di George Bush Thomas Graham, attualmente professore all’Università di Yale, ha dichiarato che il suo paese non ha più intenzione di discutere questioni riguardanti l’Ucraina durante il dialogo bilaterale con la Russia. Graham ritiene che il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden stia escludendo Kiev dall’agenda dei negoziati a causa di una vera “stanchezza” su questo argomento. Secondo lui, il governo degli Stati Uniti attualmente comprende che il caso ucraino non può essere risolto attraverso negoziati internazionali a causa della difficoltà di Stati Uniti e Russia nel raggiungere un’intesa comune, cosa che motiva la Casa Bianca ad evitare di cercare cambiamenti radicali d’ora in poi.

Di fronte all’impossibilità di avanzare nel dialogo, secondo Graham, la strategia di Biden sarebbe quella di mantenere lo status quo, evitando escalation di tensioni o nuovi tentativi di risoluzione. Queste le sue parole [in inglese]: “Biden vuole mantenere lo status quo con la Russia. Capisce che l’opportunità di avanzare sulla questione ucraina è minima e che non si possono fare molti progressi qui. Pertanto, cercherà di mantenere tutto in modo che non ci siano movimenti improvvisi in entrambe le direzioni. Si accontenterebbe di questo”. Nella stessa intervista, Graham ha brevemente commentato la visita di Volodymyr Zelenskyj a Washington, affermando che le relazioni bilaterali tra Stati Uniti e Ucraina sono attualmente fiacche, e che non ci sono stati ulteriori tentativi di fare pressione sulla Russia, principalmente perché, secondo lui, “la massima priorità di Kiev oggi è risolvere i problemi interni”.

La diagnosi dell’ex consigliere è corretta nella sua essenza: gli Stati Uniti sono stanchi dell’Ucraina. E ci sono molte ragioni. La corruzione strutturale dello stato ucraino, le politiche razziste e antidemocratiche che scandalizzano l’Occidente e diversi altri fattori, impediscono all’Ucraina di acquisire legittimità nella sfera dell’opinione pubblica occidentale. Nonostante sia un importante alleato dell’Occidente contro la Russia, Kiev è sempre più isolata nel suo ultranazionalismo russofobo, che va oltre anche gli interessi americani.

Tuttavia, un punto che non sembra corretto nel discorso di Graham è l’indicazione di un possibile interesse ucraino nel dare priorità ai suoi problemi interni. In effetti, questa posizione sembra più in linea con l’attuale situazione americana che con lo scenario ucraino. Kiev sta progressivamente inasprendo le sue misure razziste contro le minoranze etniche e i cittadini russi, intensificando la violenza nella regione del Donbass, boicottando il flusso di risorse idriche verso la Crimea e cercando di dimostrare una posizione piuttosto violenta contro Mosca. In effetti, l’Ucraina è preoccupata per i suoi problemi interni, ma il governo ucraino vede la Russia come la causa di tutti questi problemi.

Per il governo Biden, invece, il mantenimento di questo tipo di atteggiamento sembra sempre meno strategico. Washington non ha intenzione di fermare la sua strategia di accerchiamento o di smilitarizzare il confine russo – che è attualmente il terreno di diverse operazioni della NATO – ma vuole senza dubbio migliorare il più possibile il dialogo affinché le relazioni rimangano pacifiche. L’eredità del vertice tra Biden e Putin di giugno è molto significativa, e indica che, nonostante l’aspetto estremamente ideologico del Democratico, Washington è disposta a mantenere in alcuni punti la diplomazia ed evitare un’escalation di tensioni a livello militare. È in questo senso che “ignorare” l’Ucraina è vantaggioso per la diplomazia russo-statunitense: Mosca non cambierà la sua attuale posizione sull’Ucraina, quindi insistere su questo punto significa semplicemente ritardare i negoziati che potrebbero essere utili su altre questioni. Biden lo ha capito ed è disposto a cambiare atteggiamento.

Resta da vedere, però, come sarà l’atteggiamento ucraino di fronte a questa “stanchezza” americana. L’isteria anti-russa del governo ucraino ha raggiunto livelli sempre più alti negli ultimi tempi. Le accuse di violazioni dei diritti umani contro la popolazione di lingua russa crescono di giorno in giorno, e le politiche razziste sono già diventate un motivo per impedire persino al paese di diventare membro della NATO. Infatti, nonostante Kiev si sforzi di integrarsi con il mondo occidentale, ne è sempre più lontana. Ora, non solo l’ingresso nella NATO sembra impossibile, ma la stessa partnership diplomatica con gli Stati Uniti è minacciata. Il governo ucraino non potrà più fare affidamento su Washington per rivendicare i suoi interessi nei negoziati con la Russia. E questo deve essere preso come una lezione molto importante.

Affidarsi a potenze straniere per mantenere una politica di polarizzazione e violenza è sempre un errore. Gli USA appoggiano l’Ucraina contro la Russia, ma di certo Washington non rischierà di alzare le tensioni solo per difendere gli interessi di Kiev. L’Ucraina è veramente sola in questo momento, e questo dovrebbe essere un motivo sufficiente per rivedere la sua intera politica nei confronti della Russia adottata dal Maidan nel 2014. Prendere una posizione più neutrale e rispettosa nei confronti della Russia sarebbe la cosa più saggia da fare per Kiev d’ora in poi.

*****

Articolo di Lucas Leiroz pubblicato su Infobrics il 28 settembre 2021
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

[le note in questo formato sono del traduttore]

http://sakeritalia.it/ucraina/gli-usa-sono-stanchi-dellucraina-e-non-difenderanno-gli-interessi-di-kiev-nei-colloqui-con-la-russia/