Gennaio 16, 2022

AFV

Libera la tua mente

Secondo l’intelligence cubana “il governo degli Stati Uniti sta preparando il colpo finale” alla rivoluzione

Fabián Escalante ha contribuito a creare i servizi di sicurezza dello stato di Cuba. Ha diretto il Dipartimento della Sicurezza di Stato di Cuba dal 1976 al 1996, è stato viceministro del Ministero degli Interni e dopo il 1993 ha guidato il Centro Studi sulla Sicurezza Cubana . Le sue opinioni sulle minacce del governo degli Stati Uniti e sulla protezione della Rivoluzione cubana hanno peso.

di WT Whitney Jr. – People’s World

Scrivendo il 23 settembre sul sito web cubano Pupila Insomne , Escalante osserva che  “la controrivoluzione interna sta riorganizzando le sue forze ed è all’attacco “. Stavano “chiedendo uno ‘sciopero nazionale’ per l’11 ottobre… per garantire la ‘liberazione dei prigionieri politici’”. Insiste che, in seguito, “un gruppo di ‘attivisti’, presumibilmente controrivoluzionari”, ha chiesto l’autorizzazione alla municipalità dell’Avana “per una marcia pacifica contro la violenza a novembre”.

Considera cruciale il tempismo, visto che Cuba riaprirà le sue frontiere ai turisti internazionali a novembre, un passaggio cruciale il rilancio dell’economia cubana.

Escalante cita un rapporto di un periodico di Miami che afferma che “i marciatori chiederanno diritti per tutti i cubani, la liberazione dei prigionieri politici e soluzioni democratiche e pacifiche delle controversie”. La storia ritrae le marce in tutta l’isola come una sfida al governo cubano a onorare il diritto costituzionale alla “protesta pubblica”.

Osserva che “le bugie e le mezze verità, che brulicano sui social media, stanno denigrando i leader di governo, in particolare il presidente cubano Miguel Díaz- Canel. Le accuse sono incentrate sul “non riuscire a migliorare le condizioni di vita nei distretti urbani svantaggiati e vulnerabili”.

Escalante nota che a Miami, “un settore della comunità cubana, manipolato dai congressisti fondamentalisti Marco Rubio, María Elvira Salazar, e dai loro accoliti, sta preparando le armi, coordinando e pagando i peoni locali”. Questi sono “in stretto contatto con le controparti dell’isola e contribuiranno a creare un ambiente di destabilizzazione sociale”.

Ad aggiungere sostanza a uno scenario cupo è la realtà del finanziamento statunitense a lungo termine e bipartisan dell’attività controrivoluzionaria a Cuba. La giornalista Tracey Eaton riferisce che attualmente “l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale offre fino a 2 milioni di dollari per nuovi programmi di promozione della democrazia a Cuba. Gli obiettivi dell’USAID sono promuovere l’efficacia dei gruppi indipendenti della società civile… [e] sviluppare coalizioni più ampie per espandere l’impatto della società civile”.

A luglio, il Comitato per gli stanziamenti della Camera “ha approvato un disegno di legge che autorizzerebbe il Dipartimento di Stato a spendere 20 milioni di dollari in progetti di promozione della democrazia a Cuba durante l’anno fiscale 2022…. Quasi la metà del denaro – $ 9,98 milioni – andrebbe alla società civile; 4,78 milioni di dollari sarebbero spesi per i media indipendenti e il libero flusso di informazioni, e 5,24 milioni di dollari sarebbero usati per promuovere i diritti umani».

Il fervore per il cambio di regime nella Washington ufficiale è sempre intenso. Il membro del Congresso di Miami, Mario Diaz-Balart, ha recentemente rilasciato una dichiarazione in cui lodava “i molti attivisti che hanno sofferto o sono morti per aver semplicemente osato parlare contro il regime”. Di recente ha presentato una risoluzione per chiedere il sostegno internazionale alla controrivoluzione a Cuba.

Fabián Escalante è allarmato. Dichiara che “In circostanze come quelle attuali – pandemia, escalation del blocco, scarsità di farmaci, ecc. – non dobbiamo sottovalutare il nemico e se vogliamo superare l’impasse, dobbiamo accettare la sfida, come Fidel ci ha insegnato».

Escalante chiede un’azione di massa, “mobilitazioni politiche e patriottiche locali”. E “faremo ciò che sappiamo fare, ovvero mobilitare le persone”. “Rafforzeremo le basi delle nostre organizzazioni con ‘nuove idee’ [e] con concetti che superino le vecchie prescrizioni di ‘cambiamento di stile e metodi di lavoro’”.

Invita “i comunisti che occupano la istituzioni a scendere… al livello delle organizzazioni di base e locali, dialogare e ascoltare i conflitti e le necessità locali e [poi] intraprendere una controffensiva”.

Crede che il “nemico dell’umanità, il governo degli Stati Uniti… si stia preparando a dare il colpo di grazia alla Rivoluzione”. Suggerisce che l’amministrazione Biden, presumendo che Cuba sia indebolita, vuole un “premio di consolazione” in vista delle recenti sconfitte statunitensi. Ora, dunque, «La strada è dei rivoluzionari, come ci ha avvertito Díaz Canel».

http://www.sinistraineuropa.it/mondo/secondo-intelligence-cubana-stati-uniti-preparano-colpo-finale-alla-rivoluzione/