Le élite del capitalismo contemporaneo hanno un problema.

Da un lato devono continuare a far crescere il Pil, e dunque la produzione, e dunque i consumi, altrimenti la bicicletta del capitalismo, che sta in piedi solo finché avanza, crolla ingloriosamente nel fango, con loro in sella.

Dall’altro sanno che consumi e produzione in crescita globale infinita minano alle fondamenta lo stesso bel pianetino che condividono con i morti di fame. 
E questo è un bel problema.

Ma niente paura, la soluzione è a portata di mano.

Nel nome della necessità di far muovere l’economia e incentivare i consumi l’élite economico-finanziaria è disposta a sacrificarsi facendosene integralmente carico: “Se sarà necessario comprare uno Yacht in più, faremo la nostra parte, con abnegazione e spirito di sacrificio.”

Invece, nel nome della necessità di ridurre l’impronta ecologica antropica sul pianeta chiederemo a voi, plebe incarognita, di dare il vostro contributo, riducendo i consumi.

Qualche tassa ecologica qua e là, qualche strategico aumento delle materie prime o dell’energia e il gioco è fatto.

E chi protesta è un negazionista (“De che?” – “Boh? Funziona sempre”).

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-andrea_zhok__soluzioni_semplici_per_un_futuro_sostenibile/39602_43594/

Di Red

„Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d'inventare l'avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l'avvenire.“ — Thomas Sankara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy