Gennaio 21, 2022

AFV

Libera la tua mente

Elezioni comunali danesi: una grande vittoria per l’Alleanza Rosso-Verde

l 16 novembre 2021 si sono tenute le elezioni comunali in Danimarca, che si sono rivelate una grande vittoria per Enhedslisten/Red-Green Alliance (RGA), il partito più a sinistra del parlamento danese e membro della Sinistra Europea.

Il 67,2% dell’elettorato danese si è recato alle urne per queste elezioni, di carattere sia locale che regionale; una partecipazione inferiore rispetto al 2017.

Le grandi affermazioni dell’Alleanza Rosso-Verde sono rappresentate dalle grandi vittorie nella città di Copenhagen e nella piccola isola di Bornholm, nel bel mezzo del Mar Baltico. In entrambi i luoghi RGA è diventato il partito più grande, con il sostegno di circa un quarto dell’elettorato locale.

Tuttavia, poiché i partiti di destra/borghesi in entrambi i comuni si sono opposti ad un sindaco espressione dell’alleanza rosso-verde, il Lord Mayor di Copenaghen è rimasto socialdemocratico. Ma l’Alleanza Rosso-Verde ha guadagnato due dei sette posti di assessore comunale a Copenhagen, uno copre principalmente l’area dell’ambiente/strade/trasporti pubblici, ecc., l’altro si occuperà degli altri temi sociali. A Bornholm il primo candidato dell’Alleanza Rosso-Verde, Morten Riis, è diventato vicesindaco.

Entrambe le vittorie erano state considerate probabili, ma non certe. I socialdemocratici, che erano stati per anni il più grande partito nel consiglio comunale di Copenhagen, sono calati di oltre 10 punti percentuali rispetto alle precedenti elezioni. Un’altra spiegazione è che un altro partito di sinistra di recente costituzione Alternativet, che ha fatto molto bene nel 2017, ha attraversato un crollo come partito ed è stato quasi spazzato via in queste elezioni, passando da oltre il 10% a Copenaghen al 2,9%. Tuttavia, questi ultimi hanno guadagnato comunque due seggi a Copenaghen. Ma questa volta molti elettori del partito sono chiaramente passati alla RGA.

Questa è una grande sconfitta per i socialdemocratici. Non solo a Copenaghen, dove la sconfitta è stata storica perché i socialdemocratici erano il partito più forte da oltre cento anni. Ma hanno anche perso oltre 10 punti percentuali dei loro elettori in altre 3 grandi città danesi. Gli altri grandi perdenti delle elezioni sono stati il ​​Partito popolare danese (DPP) di estrema destra. Sia perché sono stati schiacciati dal buon esito di un partito di estrema destra relativamente nuovo, il New Bourgeois Party, sia perché gli elettori del DPP sono da tempo attratti dai socialdemocratici o da altri partiti.

Il fallimento dei socialdemocratici a Copenaghen è dovuto soprattutto ad alcune delle loro politiche, che sono state ampiamente impopolari. Uno riguarda lo sciopero degli infermieri danesi per salari più dignitosi, che i socialdemocratici non hanno sostenuto, un altro riguarda i loro ambiziosi piani di costruzione a Copenaghen, dove tra l’altro sperano di costruire una nuova grande isola, Lynetteholmen: uno sviluppo su larga scala che crea un grande problema climatico e ambientale. Ciò va visto anche sullo sfondo di un piano urbanistico generale che da anni favorisce i ricchi. 

A deciderli non sono i Comuni, ma il Parlamento, intervenuto per fermare lo sciopero degli infermieri, tuttora in corso. I socialdemocratici sono determinanti in questa mossa, così come nel caso del progetto Lynetteholm. Ma il progetto di Lynetteholm è stato dibattuto con grandi disaccordi nel consiglio municipale di Copenaghen, e poco prima e durante la campagna elettorale Lynetteholmen è diventato una delle principali questioni osteggiate da un numero in rapida crescita di residenti di Copenaghen. 

Va aggiunto che i comuni danesi in generale hanno più potere rispetto ai loro omologhi in altri paesi europei. Ciò significa che di solito c’è un conflitto importante che prosegue anche dopo le elezioni comunali.

Il dibattito sullo sviluppo della città e Lynetteholmen continuerà sicuramente dopo le elezioni, e con il suo successo elettorale a Copenaghen, l’Alleanza Rosso-Verde sarà più forte per continuare la lotta contro Lynetteholmen ma anche per migliori condizioni sociali, alloggi più accessibili, ecc., che sono stati altri temi centrali durante la campagna elettorale.

Elezioni comunali danesi: una grande vittoria per l’Alleanza Rosso-Verde