Novembre 28, 2021

AFV

Libera la tua mente

Le responsabilità dell’UE nella crisi migratoria in Bielorussia

Attraverso questo documento, la Bielorussia dimostra la strumentalizzazione politica della crisi migratoria che l’Unione Europea sta operando, mentre il governo di Minsk sta risolutamente adempiendo ai propri doveri internazionali di assistenza. Di seguito la traduzione integrale del documento.

A causa di alcune circostanze al di fuori del suo controllo, la Bielorussia ha recentemente riscontrato un aumento del flusso di migranti provenienti da Paesi colpiti da conflitti che attraversano il suo territorio diretti verso i Paesi dell’Unione Europea. Questa via di transito non è né qualcosa di nuovo né di unico, ma è sicuramente di dimensioni notevolmente inferiori ai flussi migratori che la Grecia e l’Italia hanno dovuto affrontare. In effetti, anche in passato il transito attraverso la Bielorussia avveniva, ma la Bielorussia e i suoi vicini, lavorando insieme, riuscivano a garantire interessi comuni nel campo della sicurezza regionale e della protezione delle frontiere.

La situazione è cambiata dopo che l’Unione Europea si è rifiutata di continuare a impegnarsi in modo costruttivo con la Bielorussia. La decisione dell’UE di porre fine alla cooperazione sui progetti di assistenza tecnica internazionale, che serviva allo scopo di garantire la sicurezza ai confini dell’UE con la Bielorussia, ha messo a rischio gli accordi esistenti tra UE e Bielorussia sulle questioni relative alla risoluzione delle frontiere. L’UE ha congelato i finanziamenti per un progetto di assistenza tecnica internazionale per la costruzione di centri di detenzione per migranti illegali in Bielorussia, come stipulato nell’accordo di riammissione e nella dichiarazione sul partenariato per la mobilità. Pertanto, la Bielorussia è stata privata delle capacità necessarie per continuare il suo lavoro nell’affrontare le sfide comuni della migrazione illegale allo stesso livello di priorità.

Dallo scorso aprile la Bielorussia ha più volte proposto alla Commissione europea di organizzare consultazioni sul suddetto progetto di assistenza tecnica e, in generale, sulla cooperazione nella lotta all’immigrazione clandestina. Sfortunatamente, l’UE ha costantemente rifiutato tutte le nostre offerte di dialogo e ha optato invece per politicizzare il problema, applicando due pesi e due misure nel valutare le azioni dei suoi Stati membri che sono state criticate dalle organizzazioni internazionali (UNHCR, IOM, OSCE, Consiglio d’Europa, ecc.).

La Bielorussia non promuove in alcun modo l’immigrazione illegale verso i Paesi dell’UE né utilizza il suo spazio aereo per questi scopi, come i Paesi occidentali hanno costantemente cercato di presentare il caso. La procedura di esenzione dal visto per l’ingresso e l’uscita dai Paesi a “rischio migratorio” è valida se esiste un visto per ingressi multipli valido negli Stati membri dell’Unione Europea o negli Stati membri dell’area Schengen con un contrassegno di ingresso nel territorio di un stato membro dell’Unione Europea o uno stato membro dell’area Schengen, nonché biglietti aerei con conferma delle date di partenza.

La Bielorussia è profondamente preoccupata per l’attuale situazione di tensione ai suoi confini con PoloniaLituania e Lettonia, esacerbata dalle continue dimostrazioni di disponibilità dei politici occidentali ad accettare migranti per motivi umanitari ed economici, che servono solo a incoraggiare e rassicurare i potenziali richiedenti asilo. Queste promesse, tuttavia, si rivelano in realtà una vuota campagna di pubbliche relazioni.

La Bielorussia non nasconde nulla, perché non viola i suoi obblighi internazionali. In effetti, la Bielorussia ha consentito alle agenzie internazionali competenti di avere accesso ai migranti dalla sua parte del confine e continua a collaborare con l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni e la Croce Rossa bielorussa al fine di fornire assistenza a queste persone in difficoltà.

Le affermazioni fatte da Polonia, Lituania e un certo numero di altri stati sul rifiuto della Bielorussia di consentire gli aiuti umanitari ai migranti sono una vera e propria menzogna, che ha lo scopo di prelevare fondi extra dal bilancio dell’UE per la costruzione delle proprie barriere di filo spinato al confine. L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi, ha confermato il fatto che la Bielorussia ha effettivamente consentito agli aiuti umanitari di raggiungere i migranti attraverso l’UNHCR, l’OIM e la Croce Rossa bielorussa. Ciò è stato confermato anche dal segretario stampa del Segretario generale delle Nazioni Unite durante una recente riunione regolare presso la sede delle Nazioni Unite.

Il comunicato stampa congiunto emesso dall’OIM e dall’UNHCR il 12 novembre 2021, in cui si affermava che il giorno prima entrambe le agenzie avevano avuto accesso a un campo temporaneo sul lato bielorusso del confine vicino al posto di blocco internazionale “Bruzgi”, dove un gruppo di 2.000 richiedenti asilo, rifugiati e migranti risiede dall’8 novembre 2021, a riprova della cooperazione della Bielorussia con le organizzazioni internazionali, che è in netto contrasto con una posizione opposta abbracciata da Polonia e Lituania. Ci sono molti bambini e donne tra i migranti, comprese donne incinte. Durante la visita, l’UNHCR e l’OIM hanno fornito assistenza di emergenza, compresi articoli per l’igiene per bambini e donne, e cibo. Forniranno nel prossimo futuro ulteriori aiuti come coperte, vestiti caldi, guanti, cappelli e stivali per bambini, che saranno consegnati dalla Croce Rossa bielorussa, partner delle suddette organizzazioni. L’OIM e l’UNHCR hanno colto l’occasione durante la visita per parlare con la gente, mentre, da parte loro, le agenzie hanno fornito informazioni credibili ai migranti sulle opzioni a loro disposizione.

Ciò che vale la pena notare è che la Polonia ha inoltrato alla Bielorussia alcune richieste assurde e irragionevoli per consentire i convogli umanitari polacchi in Bielorussia. Non c’è alcuna logica nelle azioni della Polonia nella misura in cui la Polonia potrebbe facilmente fornire questa assistenza dalla sua parte del confine. La Polonia, tuttavia, ha intrapreso una deliberata e cinica manipolazione dei fatti mescolando le nozioni di aiuto umanitario internazionale e il proprio convoglio umanitario.

Inoltre, sia la Polonia che la Lituania hanno dichiarato lo stato di emergenza in alcuni territori lungo i loro confini. La Polonia continua a portare al confine contingenti militari e attrezzature speciali, aggravando così vigorosamente la situazione. Cannoni ad acqua sono stati piazzati proprio davanti al filo spinato, a solo un paio di metri dai migranti. Coloro che sono riusciti a entrare in Polonia sono stati portati via dal personale polacco in qualche altro posto lungo il confine e poi respinti con la forza in Bielorussia.

La Polonia ha perseguito politiche illegali non solo contro gli stranieri in cerca di asilo, ma anche contro i propri cittadini che tentano di mostrare misericordia alle persone in difficoltà. Ad esempio, l’Associazione pubblica polacca “Medici al confine” ha riferito che medici volontari sono stati aggrediti dai militari polacchi, che hanno danneggiato le loro auto prendendo a pugni le ruote e rompendo i fari.

I giornalisti in linea di principio non hanno accesso alle zone di confine, mentre chi riesce ad entrarvi rischia la detenzione forzata. La Bielorussia, al contrario, consente l’accesso a giornalisti e rappresentanti dei media, compresi quelli stranieri, in particolare la CNN.

Per quanto riguarda la Bielorussia, ha optato non per essere un osservatore esterno dell’orribile situazione alla frontiera messa in moto dalle autorità polacche, ma piuttosto per sostenere i migranti con tutto il necessario per salvare loro la vita in attesa che l’Europa risponda ai loro appelli per la protezione internazionale e l’asilo.

La Bielorussia ha consegnato kit alimentari al campo spontaneo di migranti vicino al confine polacco, che comprendeva prodotti da forno e insaccati, stufato, acqua, dolci e frutta, nonché kit igienici, vestiti caldi e coperte, legna da ardere e generatori elettrici. In totale, sono già stati distribuiti i seguenti articoli: acqua potabile – 7 tonnellate; latte – 6 tonnellate; prodotti a base di carne – 1,5 tonnellate; salsicce – 2 tonnellate, stufato di manzo – 500 kg; carne in scatola – 3 tonnellate; verdure in scatola – 0,8 tonnellate; prodotti da forno – 7 tonnellate; pasticceria – 3 tonnellate; frutta – 1 tonnellata; 100 set di cibo, vestiti caldi – 3200 unità, vestiti – 1000 unità; 811 coperte di lana. L’assistenza prosegue tuttora.

Gli aiuti sono stati raccolti dalle imprese statali bielorusse che lavorano nell’industria alimentare e leggera con il sostegno della Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM), dell’UNHCR, della comunità afgana nella Repubblica della Bielorussia, nonché alcune associazioni pubbliche non governative bielorusse, in particolare l’Unione delle donne bielorusse.

I medici bielorussi forniscono assistenza medica qualificata e gratuita alle persone bloccate al confine, sia direttamente sul posto che presso le istituzioni mediche, se necessario, in particolare a donne incinte e bambini. Sono state prese misure per prevenire la diffusione dell’infezione da coronavirus nei luoghi dell’aggregazione dei migranti.

L’attuale caos al confine non è colpa della Bielorussia, ma l’Occidente sta facendo di tutto per convincere il mondo e la comunità europea di qualcosa di totalmente opposto. Secondo The Guardianla Bielorussia è diventata una comoda scusa per “mascherare la crudeltà dell’Europa. I fatti ci dicono che non è la Bielorussia a “strumentalizzare” i migranti, come predicano l’UE e alcuni altri stati dalle alte tribune. È piuttosto l’Unione Europea che li “strumentalizza” quando, accusando la Bielorussia, tenta di giustificare il suo rifiuto di ottemperare agli obblighi derivanti dalla Convenzione del 1951 relativa allo status dei rifugiati nonché le sue numerose violazioni delle norme europee e internazionali , sia in materia di diritti umani che di asilo.

La Bielorussia attende quando l’UE comincerà ad agire in conformità con le dichiarazioni rilasciate da Josep Borrell, capo della diplomazia europea, il quale ha affermato in un’intervista a France 24 che “la crisi migratoria non può essere risolta erigendo un muro sulla confine polacco-bielorusso”.

La Bielorussia è pronta a lavorare con tutti i partner internazionali, compresi i Paesi occidentali, e a mettere da parte le differenze politiche per evitare che la crisi migratoria nella nostra regione scivoli in una catastrofe umanitaria e, quindi, per salvare vite umane.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Giulio Chinappi – World Politics Blog