Il primo ministro della Repubblica Socialista del VietnamPhạm Minh Chính, si è recato in Giappone per una visita ufficiale dal 22 al 25 novembre, al fine di rafforzare i legami di amicizia e cooperazione tra i due Paesi asiatici. Il 24 novembre, in particolare, il capo del governo ha incontrato il suo omologo Fumio Kishidache ha assunto la carica lo scorso 4 ottobre. La visita ha avuto grande rilevanza mediatica in entrambi i Paesi, anche perché si è trattato del primo leader politico straniero a recarsi in Giappone dall’instaurazione del nuovo governo. Inoltre, i due Paesi si stanno preparando a celebrare il 50° anniversario delle loro relazioni diplomatiche bilaterali, che cadrà nel settembre del 2023.

Kishida ha messo in evidenza le fasi di sviluppo eccezionali dei legami bilaterali negli ultimi anni, che, ha affermato, sono ora nella fase migliore della storia. Il Giappone attribuisce grande importanza alle sue relazioni con il Vietnam, ha affermato, lodando i risultati socio-economici che la nazione del sud-est asiatico ha registrato, nonché il suo ruolo e la sua posizione sempre più importanti nella regione e nel mondo. Il leader nipponico ha inoltre promesso che il Giappone fornirà un supporto completo al Vietnam nella lotta al Covid-19, inviando ulteriori 1,5 milioni di dosi vaccinali.

Chính ha affermato che il governo vietnamita continuerà a creare un clima di investimento aperto e trasparente, a sostenere attivamente le imprese e ad adempiere ai propri impegni nei confronti degli investitori. Ha inoltre espresso la sua gratitudine e il suo alto apprezzamento al governo giapponese e al popolo per la loro donazione di 5,6 milioni di dosi di vaccini in totale, nonché di molte attrezzature e forniture mediche.

I due leader hanno concordato sulla necessità di continuare a promuovere la cooperazione in materia di sicurezza e difesa, e a continuare a lavorare insieme a stretto contatto sulla ricerca e produzione di vaccini e farmaci per il trattamento del Covid-19. Hanno poi acconsentito a prendere in considerazione la riapertura delle rotte aeree commerciali e l’implementazione dello schema del passaporto vaccinale, rafforzando la cooperazione nello sviluppo socio-economico di fronte agli impatti negativi della pandemia.

Per quanto riguarda le questioni relative al Mare Orientale – noto internazionalmente come Mar Cinese Meridionale – i due premier hanno sottolineato l’importanza di garantire la sicurezza della navigazione e dell’aviazione e di risolvere tutte le controversie e le divergenze attraverso misure pacifiche, compreso il pieno rispetto dei processi diplomatici e legali, e non usare la forza o minacciare di usare la forza , sulla base del diritto internazionale, in particolare della Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) del 1982. Hanno inoltre sottolineato la necessità di attuare pienamente ed efficacemente la Dichiarazione sulla condotta delle parti nel Mare orientale (DOC) e di finalizzare presto un Codice di condotta nel Mare orientale (COC) efficace, pratico e giuridicamente vincolante.

In seguito all’incontro, i due primi ministri hanno diramato una dichiarazione congiunta, che ha affrontato i punti riportati di seguito.

Sviluppo delle relazioni bilaterali

1. Entrambe le parti hanno accolto con favore lo sviluppo forte, completo e sostanziale delle relazioni bilaterali in molti campi. Hanno confermato che entrambi i Paesi sono partner importanti l’uno per l’altro e condividono molti interessi strategici comuni. Entrambe le parti hanno inoltre confermato che permangono grandi potenzialità per un ulteriore approfondimento del loro ampio partenariato strategico. Entrambe le parti hanno acconsentito a continuare a lavorare a stretto contatto con l’obiettivo di garantire pace, stabilità e prosperità a livello regionale e internazionale. Il Giappone ha espresso il riconoscimento del ruolo crescente del Vietnam e dei contributi costruttivi nelle questioni internazionali e regionali, oltre alla conferma della costante importanza del Vietnam nella politica estera del Giappone nei confronti della regione indo-pacifica. Il Vietnam ha riconosciuto il ruolo del Giappone come partner importante e di lunga data ed ha espresso il desiderio che il Giappone continui a svolgere un ruolo positivo e costruttivo nelle questioni internazionali e regionali.

2. Frequenti visite e scambi bilaterali ad alto livello hanno rafforzato i legami politici, mentre una cooperazione sempre più robusta in materia di economia, commercio e investimenti ha contribuito all’ulteriore crescita dei legami economici. È stato inoltre realizzato un notevole sviluppo in numerosi campi, che vanno dalla sicurezza, agricoltura, scienza e tecnologia, istruzione e formazione, ambiente, contromisure ai cambiamenti climatici, questioni lavorative, edilizia, tecnologia informatica, salute, cultura, turismo, sport, municipalità, scambi di persone. Il primo ministro Phạm Minh Chính ha elogiato il successo del Giappone che ha ospitato i Giochi Olimpici e Paralimpici di Tokyo 2020.

3. Il Vietnam ha espresso gratitudine al governo del Giappone e al popolo giapponese per l’efficace sostegno ai suoi sforzi per lo sviluppo socio-economico e la riduzione della povertà attraverso l’Aiuto Ufficiale allo Sviluppo negli ultimi trent’anni. Il Vietnam ha espresso apprezzamento per il ruolo attivo e il contributo che le aziende giapponesi hanno dato allo sviluppo della sua economia e del processo di costruzione della nazione.

Cooperazione alle misure contro il contagio da nuovo coronavirus (Covid-19)

4. Poiché la pandemia di COVID-19 ha causato impatti senza precedenti sulla socio-economia dei Paesi di tutto il mondo, tra cui Vietnam e Giappone, i due primi ministri hanno acconsentito a lavorare a stretto contatto sulle misure Covid-19.

5. Il primo ministro Kishida ha annunciato che il governo del Giappone fornirà inoltre 1,5 milioni di dosi di vaccini per il Covid-19 al governo del Vietnam. Il primo ministro Chính ha espresso la sua gratitudine e il suo alto apprezzamento al governo del Giappone e al popolo giapponese per aver condiviso i vaccini che ammonteranno a 5,6 milioni di dosi in totale, nonché molte attrezzature e materiale medico. Entrambe le parti hanno acconsentito a continuare a lavorare a stretto contatto sulla ricerca e la produzione di vaccini e terapie per il Covid-19.

Rafforzamento delle relazioni politiche, cooperazione in materia di sicurezza

6. Entrambe le parti hanno acconsentito a mantenere visite, scambi, dialoghi e scambi ad alto livello tra partiti politici e parlamenti in varie forme, anche in contesti multilaterali. Entrambe le parti hanno confermato che miglioreranno l’efficacia del dialogo esistente e dei quadri di consultazione in vari settori.

7. Entrambe le parti hanno acconsentito a rafforzare la cooperazione per affrontare questioni di sicurezza non tradizionali come la sicurezza informatica, la prevenzione della criminalità informatica, il terrorismo e i crimini transnazionali e la sicurezza alimentare e delle risorse naturali. Hanno anche riconosciuto l’importanza di una catena di approvvigionamento resiliente, diversificata, sicura e trasparente.

8. Entrambe le parti, in quanto nazioni costiere, hanno riconosciuto l’importanza di mantenere la libertà e l’apertura marittima e il rispetto del diritto internazionale, comprese la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare (UNCLOS) e la Carta delle Nazioni Unite. Hanno inoltre confermato di rafforzare ulteriormente la cooperazione in materia di sicurezza marittima, compreso lo sviluppo delle capacità delle autorità marittime vietnamite, lo sviluppo economico degli oceani e lo sviluppo sostenibile e l’utilizzo delle risorse oceaniche.

9. I due primi ministri hanno accolto con favore i vari sforzi di cooperazione tra le autorità di difesa del Giappone e del Vietnam che hanno compiuto progressi, nell’ambito dell’idea della cooperazione di difesa bilaterale Giappone-Vietnam in un nuovo periodo per la pace e la stabilità della regione e della comunità internazionale. Il primo ministro Kishida ha dichiarato che il Giappone fornirà cooperazione incluso l’invio di esperti giapponesi composti principalmente da personale della Forza di Autodifesa Terrestre del Giappone in Vietnam per assistere la preparazione vietnamita a partecipare alle operazioni di mantenimento della pace, e il primo ministro Chính lo ha accolto con favore. Entrambe le parti hanno accolto con favore il fatto che entrambe le autorità della difesa accelereranno le consultazioni per il trasferimento di attrezzature specifiche, comprese le navi militari e le relative attrezzature, alla luce dell’accordo relativo al trasferimento di attrezzature e tecnologie per la difesa. Entrambi i primi ministri hanno inoltre accolto con favore il fatto che le autorità di difesa del Giappone e del Vietnam promuoveranno la cooperazione nei settori della sicurezza informatica e della medicina militare.

Cooperazione per il rilancio economico post Covid-19

10. Il primo ministro Kishida ha dichiarato che il Giappone continuerà a contribuire allo sviluppo socio-economico del Vietnam. Il primo ministro Chính ha elogiato la nuova strategia economica del primo ministro Kishida per un ciclo virtuoso di crescita e distribuzione ed ha espresso fiducia che la strategia porterà il Giappone a una nuova e stabile fase di sviluppo. Il Giappone ha molto apprezzato gli orientamenti e le direzioni strategiche del Vietnam, come si evince dalla sua strategia di sviluppo socioeconomico decennale per il periodo 2021-2030.

11. I due primi ministri hanno acconsentito a facilitare ulteriormente le collaborazioni commerciali tra aziende giapponesi e vietnamite, nonché a migliorare l’ambiente di investimento per le aziende attraverso la cooperazione in settori quali la trasformazione digitale, la diversificazione della base produttiva e lo sviluppo di industrie di supporto verso catene di approvvigionamento globali resilienti, anche di entrambi i Paesi, che sono fondamentali per la rivitalizzazione economica post Covid-19. Entrambe le parti continueranno a cooperare nello sviluppo industriale e prenderanno in considerazione l’ampliamento dell’ambito della cooperazione nella formazione e nella consultazione su innovazione, business matching e sviluppo delle capacità per i produttori vietnamiti per consentire loro di unirsi alla catena di approvvigionamento delle aziende giapponesi in Vietnam, nella regione e il mondo.

12. I due primi ministri hanno condiviso le loro percezioni sulla trasformazione digitale e sullo sviluppo dell’economia digitale poiché le società digitali svolgeranno un ruolo importante nell’era post Covid-19. Hanno acconsentito a rafforzare la cooperazione nell’innovazione creativa, nella tecnologia informatica, nella trasformazione digitale, nell’economia digitale, nella realizzazione di città intelligenti attraverso studi sulla formazione di progetti, ecc., nello sviluppo di infrastrutture a banda larga compreso il 5G e nella sicurezza delle informazioni. In questo contesto, hanno riconosciuto che gli ecosistemi tecnologici basati sulla fiducia, l’integrità e la resilienza promuoveranno l’innovazione e renderanno la vita dei cittadini più sicura, prospera e gratificante, oltre ad affrontare alcune delle più grandi sfide condivise del mondo, come la crescita equa, i cambiamenti climatici, la sicurezza energetica e le malattie pandemiche.

13. I due primi ministri apprezzano molto il ruolo attivo e il contributo dell’aiuto allo sviluppo giapponese e hanno condiviso l’intenzione di attuare continuamente la cooperazione allo sviluppo tra i due Paesi in modo efficace e regolare per garantire i loro interessi e soddisfare le esigenze del Vietnam. I due primi ministri hanno acconsentito a lavorare insieme per aumentare gli investimenti diretti dal Giappone verso il Vietnam. Il primo ministro Chính ha accolto con favore le aziende giapponesi per scegliere il Vietnam come destinazione di investimento e ha riaffermato l’impegno del Vietnam a creare un ambiente di investimento aperto e trasparente e creare un ambiente favorevole per le aziende a condurre affari. I due primi ministri hanno acconsentito a continuare a lavorare a stretto contatto per risolvere le difficoltà nell’attuazione dei progetti di sviluppo del Giappone in Vietnam e per promuovere la connettività regionale, nonché progetti infrastrutturali prioritari come ferrovie, aeroporti, porti e autostrade del Vietnam, che contribuiscono allo sviluppo delle infrastrutture industriali. I due primi ministri hanno acconsentito a promuovere attivamente i programmi di sviluppo per la ripresa post Covid-19 che affrontano i bisogni e gli interessi emergenti dei due Paesi e abbinano le grandi potenzialità del loro ampio partenariato strategico verso il futuro, con particolare attenzione ai quattro settori: infrastrutture di trasporto, infrastrutture per il cambiamento climatico, assistenza sanitaria e trasformazione digitale per la ripresa economica post Covid-19, tenendo conto dell’importanza della agevolazione, delle procedure semplici e della flessibilità nell’attuazione, incaricando le autorità competenti di entrambi i Paesi di avviare un’intensa discussione sui programmi.

14. I due primi ministri hanno confermato che Vietnam e Giappone promuoveranno la cooperazione turistica, faciliteranno i viaggi, in modo che le statistiche del turismo possano presto tornare a 1,5 milioni, che è lo stesso livello di prima della pandemia di Covid-19, e aumentare gli scambi turistici anche più di prima. Hanno anche confermato di continuare le discussioni per il riconoscimento reciproco tempestivo del certificato di vaccinazione tra i due Paesi.

Cooperazione allo sviluppo delle risorse umane

15. I due primi ministri hanno confermato di impegnarsi nella cooperazione per le riforme amministrative del Vietnam, lo sviluppo di risorse umane di alta qualità e la promozione di opportunità di formazione per funzionari e dirigenti di alto livello del Partito e del governo. I due primi ministri hanno acconsentito a rafforzare la cooperazione nell’affrontare questioni riguardanti tirocinanti tecnici e studenti vietnamiti che stanno svolgendo ruoli importanti per l’economia e la società giapponesi. Consapevoli della necessità di migliorare il loro ambiente di vita, le condizioni e la sicurezza sociale, i due primi ministri hanno incaricato le autorità competenti di lavorare insieme in entrambi i Paesi per affrontare i problemi.

Cooperazione in materia di sviluppo sostenibile, misure contro il cambiamento climatico e agricoltura

16. I due primi ministri hanno preso atto dell’importanza di mantenere la cooperazione in materia di protezione ambientale per lo sviluppo sostenibile, la riduzione del rischio di catastrofi, la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici e la trasformazione verde. Entrambi i primi ministri hanno riaffermato la loro determinazione ad attuare accordi e impegni globali sullo sviluppo sostenibile come l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici e il quadro di Sendai per la riduzione del rischio di catastrofi 2015-2030. Il primo ministro Kishida ha accolto con favore l’obiettivo di neutralità delle emissioni di carbonio del Vietnam entro il 2050, come annunciato di recente dal primo ministro Chính al vertice dei leader mondiali COP26, come compatibile con l’obiettivo di 1,5 gradi Celsius dell’accordo di Parigi. I due primi ministri hanno acconsentito a rafforzare la cooperazione in materia di trasformazione verde, riduzione delle emissioni e resilienza climatica, ambiente e misure contro il cambiamento climatico per raggiungere gli impegni di cui sopra.

17. Entrambi i leader hanno riaffermato di lavorare a stretto contatto per continuare l’effettiva attuazione della “Visione a medio-lungo termine per la cooperazione agricola Giappone-Vietnam” e per promuovere una cooperazione agricola di alta qualità, compresa l’attrazione di investimenti e il trasferimento di tecnologia e conoscenze in questo campo.

Cooperazione sulle transizioni energetiche

18. I due primi ministri hanno riconosciuto l’importanza di raggiungere contemporaneamente sia una crescita economica sostenibile che la riduzione delle emissioni di gas serra, nonché vari percorsi per transizioni realistiche a seconda delle circostanze di ciascun Paese e innovazione costante al fine di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. Il primo ministro Kishida ha annunciato che il Giappone avrebbe fornito un supporto completo per le transizioni energetiche in Vietnam attraverso l’”Asia Energy Transition Initiative (AETI)”, compresa la formulazione di tabelle di marcia e il primo ministro Chính lo ha accolto con favore.

Cooperazione per il 50° anniversario dell’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Giappone e Vietnam

19. I due primi ministri hanno condiviso il riconoscimento dell’importanza della realizzare progetti adeguati alle loro relazioni in commemorazione del 50° anniversario dell’istituzione delle relazioni diplomatiche tra Giappone e Vietnam nel 2023. Entrambi i primi ministri hanno confermato che entrambi i Paesi lavoreranno a stretto contatto per realizzare con successo progetti per promuovere ulteriormente l’amicizia, la comprensione reciproca e lo scambio di popoli tra i due Paesi in vari campi.

Questioni regionali e internazionali

20. Il primo ministro Kishida si è congratulato con il Vietnam per il suo ruolo di successo come membro non permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per il periodo 2020-2021 e di presidente dell’ASEAN nel 2020. Il primo ministro Kishida ha anche espresso gratitudine per la stretta cooperazione fornita dal Vietnam come coordinatore dell’ASEAN per il Giappone nel periodo 2018-2021. Entrambi i primi ministri hanno riaffermato il loro impegno a rafforzare la cooperazione ad ampio raggio nelle conferenze regionali e internazionali, tra cui l’ONU, l’APEC, l’ASEM, l’EAS, l’ASEAN+3, il vertice Giappone-ASEAN, l’ARF e l’ADMM-Plus, e a contribuire in modo proattivo e costruttivo a il mantenimento della pace, della stabilità, della cooperazione e dello sviluppo regionali e globali.

21. I due primi ministri hanno riaffermato l’importanza dell’unità e della centralità dell’ASEAN, e la loro stretta cooperazione per l’attuazione costante ed efficace del piano di attuazione rivisto della Dichiarazione di visione sull’amicizia e la cooperazione tra Giappone e ASEAN, nonché la Dichiarazione congiunta del 23° Vertice ASEAN-Giappone sulla cooperazione sulle prospettive dell’ASEAN nell’Indo-Pacifico. I due primi ministri hanno riconosciuto l’importanza di rafforzare la cooperazione per affrontare le sfide senza precedenti che la pandemia di Covid-19 pone alla regione e al mondo e hanno condiviso l’intenzione di cooperare per promuovere la cooperazione Giappone-ASEAN nelle contromisure al Covid-19 e nella ripresa economica post Covid-19. I due primi ministri hanno accolto con favore gli eccezionali risultati della cooperazione ASEAN-Giappone nel corso degli anni e non vedevano l’ora di celebrare il 50° anniversario dell’amicizia e della cooperazione ASEAN-Giappone con una serie di eventi commemorativi nell’anno 2023. Hanno anche condiviso l’opinione che uno speciale vertice che il Giappone ospiterà nel 2023 sarebbe un’opportunità storica per portare la partnership ASEAN-Giappone a un nuovo livello.

22. I due primi ministri hanno espresso il loro compiacimento per il costante progresso della cooperazione Giappone-Mekong. Il primo ministro Chính ha espresso la sua gratitudine al Giappone per il suo contributo di lunga data allo sviluppo della regione del Mekong. I due primi ministri hanno acconsentito a rafforzare la cooperazione per migliorare l’efficienza e il ruolo della futura cooperazione Giappone-Mekong. I due primi ministri hanno riaffermato l’importanza della gestione e dello sviluppo sostenibili del fiume Mekong e hanno condiviso l’intenzione di promuovere una stretta cooperazione tra il quadro Giappone-Mekong e le organizzazioni regionali del Mekong, in particolare la Commissione internazionale del fiume Mekong.

23. I due primi ministri hanno acconsentito a promuovere ulteriormente il libero scambio e hanno accolto con favore l’entrata in vigore dell’accordo di partenariato economico regionale globale (RCEP) il 1° gennaio 2022. Entrambi i primi ministri hanno ribadito la necessità di coordinarsi con le parti per garantire la piena attuazione dell’Accordo. Entrambi i primi ministri hanno acconsentito all’importanza di lavorare insieme agli altri membri per sostenere gli elevati standard dell’Accordo globale e progressivo per il partenariato transpacifico (CPTPP).

24. I due primi ministri hanno espresso serie preoccupazioni per la situazione nel Mar Cinese Meridionale e per ogni tentativo unilaterale di modificare lo status quo e aumentare le tensioni. I due primi ministri hanno riaffermato l’importanza di sostenere la pace, la sicurezza, la libertà di navigazione e il sorvolo sopra il Mar Cinese Meridionale, l’autolimitazione e la risoluzione pacifica delle controversie in conformità con il diritto internazionale, in particolare la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del Mare (UNCLOS). I due primi ministri hanno sottolineato l’importanza di sollecitare i Paesi interessati ad evitare azioni unilaterali che militarizzino, cambino lo status quo o complichino la situazione nel Mar Cinese Meridionale. I due primi ministri hanno sottolineato l’importanza della piena ed effettiva attuazione della Dichiarazione di condotta per il Mar Cinese Meridionale (DOC), hanno preso atto dei progressi dei negoziati sul Codice di condotta per il Mar Cinese Meridionale (COC) e hanno sottolineato l’importanza di un’efficace e sostanziale COC coerente con l’UNCLOS del 1982.

25. Il primo ministro Kishida ha spiegato gli sforzi del Giappone per realizzare un Indo-Pacifico libero e aperto. I due primi ministri hanno sottolineato l’importanza di un ordine libero e aperto basato sullo stato di diritto, in cui il diritto internazionale, compresa la Carta delle Nazioni Unite, l’indipendenza delle nazioni e la sovranità, sono rispettati, nel raggiungimento della stabilità, della cooperazione e della prosperità nella Regione dell’Indo-Pacifico e del mondo. I due primi ministri hanno accolto con favore i loro contributi e iniziative per tale obiettivo. Il primo ministro Kishida ha ribadito che il Vietnam e l’ASEAN sono partner importanti per il Giappone e la volontà del Giappone di sostenere e cooperare con il Vietnam e l’ASEAN, anche per l’AOIP [ASAN Outlook on the Indo-Pacific, ndt], secondo il principio della centralità dell’ASEAN.

26. I due primi ministri hanno scambiato opinioni ed espresso preoccupazione per la recente situazione nella penisola coreana, compresi i recenti lanci di missili della Repubblica Popolare Democratica di Corea (RPDC), che non contribuiscono alla pace e alla sicurezza della regione. A questo proposito, entrambi i primi ministri hanno confermato l’importanza della cooperazione internazionale e della piena attuazione delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, nonché l’urgenza per tutte le parti interessate di proseguire gli sforzi per perseguire soluzioni pacifiche e diplomatiche delle questioni, compreso lo smantellamento di tutte le armi di distruzione di massa e missili balistici di tutte le portate in conformità con le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, per la pace, la sicurezza, la stabilità, la cooperazione e la prosperità regionali e globali. I due primi ministri hanno ribadito il loro impegno a rafforzare la cooperazione per l’immediata risoluzione del problema dei rapimenti.

27. Il primo ministro kishida ha sostenuto gli sforzi dell’ASEAN come l’attuazione del Consenso in cinque punti per affrontare la situazione in Myanmar e ha sottolineato l’importanza di una risposta costruttiva da parte del Myanmar. Il primo ministro Chính ha espresso la sua gratitudine al Giappone per il suo sostegno all’ASEAN sulla situazione in Myanmar, compresa l’assistenza umanitaria. I due primi ministri hanno confermato che coopereranno ulteriormente sulla situazione in Myanmar.

28. Il primo ministro Chính ha confermato il sostegno del Vietnam alla candidatura del Giappone per un seggio non permanente al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite nel periodo 2023-2024. I due primi ministri hanno riaffermato l’importanza della riforma del Consiglio di sicurezza dell’ONU. Il primo ministro Kishida ha espresso la sua gratitudine al Vietnam per il suo sostegno alla riforma del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, incluso che il Giappone ne diventi membro permanente.

29. I due primi ministri hanno riaffermato il loro impegno a realizzare un mondo senza armi nucleari. Hanno condiviso le loro opinioni sul fatto che il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari (TNP) è la pietra angolare del regime internazionale di disarmo nucleare e di non proliferazione e che i due Paesi continuano a lavorare a stretto contatto per ottenere un risultato positivo alla decima Conferenza di revisione del TPN. A questo proposito, il primo ministro Chính ha ribadito il forte sostegno del Vietnam all’iniziativa del Giappone di presentare “Corso d’azione congiunto e dialogo orientato al futuro verso un mondo senza armi nucleari” adottato al Primo Comitato dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 27 ottobre 2021. Primo Il ministro Kishida ha espresso il suo apprezzamento per il sostegno del Vietnam.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Giulio Chinappi – World Politics Blog

Di Giulio Chinappi - World Politics Blog

Giulio Chinappi è nato a Gaeta il 22 luglio 1989. Dopo aver conseguito la maturità classica, si è laureato presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università “La Sapienza” di Roma, nell’indirizzo di Scienze dello Sviluppo e della Cooperazione Internazionale, e successivamente in Scienze della Popolazione e dello Sviluppo presso l’Université Libre de Bruxelles. Ha poi conseguito il diploma di insegnante TEFL presso la University of Toronto. Ha svolto numerose attività con diverse ONG in Europa e nel Mondo, occupandosi soprattutto di minori. Ha pubblicato numerosi articoli su diverse testate del web. Nel 2018 ha pubblicato il suo primo libro, “Educazione e socializzzione dei bambini in Vietnam”, Paese nel quale risiede tuttora. Nel suo blog World Politics Blog si occupa di notizie, informazioni e approfondimenti di politica internazionale e geopolitica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy