Gennaio 22, 2022

AFV

Libera la tua mente

Black Friday: Amazon affossa le condizioni di lavoro di tutti

Per il sociologo David Gaborieau, Amazon è “l’albero che nasconde la foresta” della logistica, un settore che oggi impiega un quarto dei lavoratori francesi, e dove le condizioni di lavoro sono particolarmente difficili [Dan Israel]

Questo venerdì 26 novembre è il “Black Friday”, il “venerdì nero” venuto dagli Stati Uniti per designare un giorno di promozioni commerciali particolarmente allettanti prima delle feste di fine anno. Una tradizione che è stata sconosciuta in Francia per molto tempo, fino a quando Amazon e altri attori dell’e-commerce l’hanno imposta nei costumi.
Ancora questo venerdì (e tutta la settimana precedente, dato che il periodo della promozione è stato prolungato), il sito di Amazon avrà visto un picco di traffico, e il suo fatturato un aumento vertiginoso. Questa è una buona opportunità per gli oppositori di tutto ciò che rappresenta il gigante dell’e-commerce: Attac ha chiesto che questo venerdì venga preso di mira questo colosso, che “incarna una visione del mondo che è in totale contraddizione con la profonda aspirazione a una vita decente su un pianeta vivibile”.
Ma Amazon è ben stabilita in Francia, e ora ha un peso, anche come datore di lavoro. Nel 2014, l’azienda aveva 2.500 dipendenti fissi in Francia e quattro magazzini logistici. Oggi, ci sono 14.500 dipendenti permanenti distribuiti in tutto il paese in otto magazzini – l’ultimo ha aperto quest’estate ad Augny, nella Mosella. Bisogna dunque esaminare il gigante anche attraverso le sue pratiche sociali, ed è quello che fa David Gaborieau.
Sociologo del lavoro, ricercatore al Centre d’études de l’emploi et du travail-Cnam e ricercatore associato all’Université Paris-Est, è particolarmente interessato al settore della logistica. Per la sua tesi sulle “fabbriche di pacchi”, ha lavorato regolarmente in un magazzino come commesso per sette anni.
Secondo David Gaborieau, Amazon “è diventato il nemico ideale”, e il suo comportamento nei confronti dei suoi dipendenti può effettivamente essere criticato. Ma l’azienda è anche “l’albero che nasconde la foresta” di tutto il settore della logistica, un settore particolarmente duro, che oggi impiega un quarto dei lavoratori francesi.

Nei dibattiti pubblici sul lavoro in magazzino e sul posto della logistica nelle nostre vite, Amazon occupa tutto lo spazio. Perché?

Dico da molto tempo che Amazon è l’albero che nasconde la foresta della logistica. Quello che è successo in particolare in Francia è che Amazon è diventato il nemico ideale. Quando si cerca di criticare i nuovi modi di consumo o la logistica, è Amazon il bersaglio prioritario.
Amazon ha tutte le carte in regola per costituire questo obiettivo: un gruppo molto grande, americano, che non paga le tasse in Europa, che cerca di appropriarsi di quote di mercato gigantesche, e che ha iniziato investendo nel mercato dei libri, un settore altamente simbolico in Francia.
La dimensione del gruppo giustifica pienamente l’attenzione che riceve. Per esempio, sulla questione ecologica: Amazon sta portando grandi cambiamenti nei nostri modelli di consumo, con conseguenze catastrofiche. Lo abbiamo visto nello scandalo rivelato a giugno da Friends of the Earth sulla distruzione di merci invendute da Amazon nel Regno Unito.

Questa attenzione a volte ti sembra esagerata?

Amazon non rappresenta l’intero settore della logistica. Se restiamo sulla questione ecologica, la superficie occupata dai magazzini in Francia è più che raddoppiata in dieci anni, passando da 32 milioni a 78 milioni di metri quadrati. Per lottare contro l’artificializzazione della terra e la distruzione dei terreni agricoli, può essere utile prendere di mira Amazon, ma dobbiamo anche considerare il settore nel suo insieme.
Amazon è regolarmente usato come capro espiatorio. Lo abbiamo visto anche durante la crisi sanitaria, dove gli unici magazzini che hanno dovuto chiudere per un po’ sono stati quelli di Amazon. Era sia interessante, perché era una prima volta, ma anche assurdo vedere che solo questa azienda era presa di mira, quando il problema era molto più ampio.
Non per niente Amazon è messo in evidenza. Ma il prossimo passo è quello di guardare più globalmente alla questione dei modelli logistici e delle catene di approvvigionamento.

Ma il peso di Amazon lo rende un giocatore speciale.

Sì, dobbiamo tener conto del fatto che, come attore dominante nel commercio elettronico, in Francia e altrove nel mondo, Amazon sta trasformando le condizioni di lavoro in tutto il suo settore. Il suo modello aumenta la pressione sui costi e sui tempi di consegna, e quindi trascina verso il basso le condizioni di lavoro e di occupazione (poiché la quota di lavoro temporaneo aumenta).
C’è anche un indebolimento dei sindacati. Sono logiche che già esistevano e che si rafforzano. Diverse indagini sociologiche recenti lo mostrano chiaramente, in particolare negli Stati Uniti.

E in Francia, le condizioni di lavoro dei dipendenti Amazon sono migliori o peggiori che altrove?

Non sono né migliori né peggiori. Le condizioni di lavoro nel settore della logistica nel suo complesso sono molto povere. Il tasso di frequenza degli incidenti sul lavoro è il doppio della media. Questo è vicino al livello del settore delle costruzioni, che è sempre stato in cima alla classifica.
Questo settore genera fatica a causa del trasporto di carichi pesanti, e questo da molto tempo. Ma dall’inizio degli anni 2000 in poi, c’è stata anche un’ondata di intensificazione del lavoro, che aumenta questa pesantezza, in particolare con l’introduzione di strumenti digitali, che accelerano il ritmo del lavoro: controllo vocale, scanner con touch screen, ecc.
Amazon è arrivato in questo periodo [il suo primo magazzino francese ha aperto nel 2007 – ndr], e nelle sue fabbriche ci sono queste nuove tecnologie. Tutti i dati nel magazzino sono gestiti con strumenti informatici collegati ai lavoratori, che gestiscono il flusso fisico. L’aumento del flusso di dati genera un’intensificazione del lavoro, in Amazon come altrove.

Fai notare che, sempre più spesso, il lavoro di magazzino assomiglia al lavoro alla catena di montaggio degli operai.

In tutto il commercio elettronico, abbiamo visto l’emergere negli ultimi anni di nastri trasportatori su cui circolano i pacchetti. Qualche anno fa, si diceva che un impiegato di Amazon camminava 25 o 30 km al giorno. Questo accade sempre meno. Sempre di più, il lavoro è quello di un lavoratore a turni, che non si muove, davanti a un tappeto. Esattamente come i vecchi ‘OS’, gli operai specializzati che lavorano alla catena di montaggio, come Charlie Chaplin in Tempi Moderni.
Nella logistica, ci sono magazzini più o meno avanzati in questo senso, ma i magazzini di Amazon sono diventati davvero delle fabbriche di pacchi, con operai specializzati sottoposti al taylorismo. Taylorismo assistito dal computer.

Ci sono dei vantaggi a lavorare in Amazon?

Per certi aspetti, lavorare in Amazon offre condizioni migliori che altrove. La pulizia del magazzino, l’illuminazione e tutto ciò che riguarda l’ambiente di lavoro sono abbastanza controllati.
D’altra parte, l’iper-sollecitazione, e i gesti molto ripetitivi, saranno più forti lì, perché ci sono molti piccoli prodotti che circolano nei magazzini dell’e-commerce, il che implica una moltiplicazione di gesti molto veloci per i lavoratori.
Ciò che è veramente diverso in Amazon non è il lavoro in sé, ma piuttosto ciò che succede intorno ad esso. È un’azienda che usa molto la comunicazione interna, con uno slogan impressionante, “Lavora duro, divertiti, fai la storia”, attività divertenti nel magazzino, dove si festeggia Halloween o Natale, e un middle management molto giovane, familiare con i dipendenti. Amazon mobilita anche tutto un immaginario della grande azienda, con un vocabolario separato e anglicizzato.
Quando intervistiamo i lavoratori temporanei che si spostano da un magazzino all’altro, non dicono che è peggio che altrove. Dicono che è mal pagato, perché i salari sono bassi. Ma coloro che sono abituati a lavori fisici, in magazzini sporchi o vecchi, descrivono l’azienda come “il manicomio” – un’espressione che è venuta fuori diverse volte nei miei sondaggi. C’è questo divario tra il lavoro da fare, le scarse prospettive di lavoro, e il mondo incantato che si costruisce tutto intorno.
D’altra parte, alcune persone possono essere convinte, almeno per un po’, da questo tipo di comunicazione. Questo è particolarmente vero per i dipendenti che sono stati senza lavoro per molto tempo.

In questa atmosfera, c’è posto per i sindacati?

Questa è un’altra distinzione di Amazon: la politica antisindacale è forte. La direzione cerca di sovra-mobilitare i dipendenti, sviluppando un’immaginazione particolare e suscitando l’appoggio dei dipendenti che però sono solo esecutori.
Siamo abituati a dire che il taylorismo disumanizza, ma qui abbiamo un’azienda che sta cercando di creare una “sovra-umanizzazione manageriale” – un termine preso in prestito dalla sociologa Danièle Linhart.
Questo implica un alto livello di controllo su ciò che accade sul posto di lavoro. Non solo il controllo sui compiti, ma anche sull’atmosfera, il discorso che si produce sul lavoro e le relazioni tra le persone. C’è un desiderio di controllare gli spazi che non sono solo quelli del gesto o del compito produttivo.
E in questo modello, avere sindacati di opposizione nell’azienda è considerato inaccettabile. Al contrario dell’ambizione di mettere tutti i dipendenti sulla stessa barca, in una grande avventura.

Lo sappiamo negli Stati Uniti, dove la società combatte contro la creazione di sindacati. Ma anche in Francia?

Sì, anche se è difficile avere cifre concrete. Ci possono essere discriminazioni sindacali, sindacalisti licenziati per la loro azione, ma ci sono anche altri elementi: durante le mobilitazioni dei “gilet gialli”, Amazon ha avviato diverse procedure di licenziamento contro dipendenti che avevano lasciato commenti su gruppi Facebook, dove parlavano della loro azienda. Per individuare questo tipo di commenti, è necessario avere una politica di monitoraggio attivo delle reti sociali, e anche dei vostri dipendenti sulle reti sociali.
Questo è qualcosa che vediamo nelle nostre indagini sociologiche. Quando si lavora su grandi gruppi, è raro che si venga contattati da questi gruppi. Nel caso di Amazon, se non li contattiamo dall’inizio, possiamo essere sicuri che un responsabile della comunicazione ci contatterà ad un certo punto per offrirci di aiutarci con la nostra ricerca. E questo è abbastanza interessante dal nostro punto di vista, anche se sappiamo che è un modo per controllare un po’ il nostro lavoro.

Spieghi che il core business di Amazon non è la gestione di un sito web, ma l’organizzazione dei lavoratori nei suoi magazzini.

Possiamo certamente discuterne, ma penso che sia importante ricordare la centralità dello sfruttamento massiccio di una forza lavoro in questo modello. Amazon ha 1,2 milioni di dipendenti in tutto il mondo, e 15.000 in Francia, la maggior parte dei quali sono lavoratori.
Il discorso che è stato ampiamente trasmesso sull’azienda è stato quello di un’economia digitale, con un’immagine dematerializzata e volutamente dematerializzante. Amazon sta ancora cercando di cancellare questo aspetto della sua attività: la fabbrica, i lavoratori, i proletari.
Questo discorso continua ancora oggi, e il suo impatto è forte: ogni volta che parlo al grande pubblico di Amazon, mi viene detto che i suoi magazzini sono già automatizzati, o che lo saranno presto. Questo è completamente falso. L’azienda sta ancora reclutando pesantemente. Beneficia delle nuove tecnologie e di significativi aumenti di produttività, naturalmente. Ma in nessun punto eliminiamo i lavoratori da questo modello. Sono centrali.
Un esempio lampante del discorso dell’azienda sono i video che mostrano i robot Kiva, comprati da Amazon, al lavoro nei magazzini. Spostano automaticamente i pacchi sugli scaffali, sì.
Ma in questi video non si vede mai la stazione di lavoro che consiste nel mettere i pacchi su questi scaffali, o recuperarli per metterli su altri supporti. Un lavoro svolto da un lavoratore dipendente, molto ripetitivo e con poca latitudine di movimento.
Dire che i lavoratori scompariranno presto dal mondo industriale è una chimera senza fine.

I dipendenti di Amazon lavorano sotto controllo vocale, con una cuffia e un microfono per dialogare con una macchina che detta i loro compiti, minuto per minuto?

No, a differenza di tutti i magazzini di vendita al dettaglio di prodotti alimentari. Invece, lavorano con altri strumenti digitali. E tutti questi strumenti, comandi vocali, palmari, scanner o anelli con scanner, producono più o meno gli stessi effetti: perdita di autonomia, perdita di know-how, intensificazione del lavoro, maggiore controllo e individualizzazione dei compiti.

I lavoratori di questo mondo sono in un mondo diverso dai lavoratori classici?

Si potrebbe dire che sono i nuovi lavoratori. Ma la differenza con i vecchi mondi operai (che si stanno indebolendo senza scomparire), dove i prodotti sono fatti nelle fabbriche, è che le condizioni di lavoro sono un po’ più degradate. Rispetto alle fabbriche di automobili, per esempio, i salari sono più bassi e le opportunità di carriera sono molto meno.
Nel mondo del lavoro tradizionale, ci sono opportunità di piccoli cambiamenti, basati sull’anzianità, che permettono di ottenere gradualmente posizioni meno esposte alle difficoltà. Nonostante le difficoltà, si può cercare di ancorarsi a un lavoro per molto tempo per trovare stabilità. Nei magazzini, questo non esiste quasi più.
Quello che succede è che i dipendenti lasciano il magazzino perché sanno che se rimangono, non sarà loro offerto uno sviluppo professionale e che avranno problemi di salute. Inoltre, il settore si basa massicciamente su lavoratori temporanei, il che lo esime dal dover gestire tutta una serie di problemi di carattere sanitario.

Vede l’emergere di una coscienza collettiva di questi nuovi tipi di lavoratori?