Un anno fa, milioni di americani hanno osservato come i suprematisti bianchi e i terroristi interni, incoraggiati, finanziati e organizzati dall’allora presidente Donald Trump, dal suo staff e dai funzionari eletti a ogni livello del nostro governo, hanno attaccato il cuore della democrazia americana. 

I terroristi domestici hanno trasportato pistole, coltelli, spray al peperoncino e mazze da baseball nelle sale del Congresso. Hanno cercato di impiccare l’allora vicepresidente Pence a una forca improvvisata, hanno attaccato le forze dell’ordine, saccheggiato uffici, minacciato la vita dei funzionari eletti e della polizia del Campidoglio e hanno tentato di fermare la certificazione delle elezioni presidenziali del 2020. Cinque persone sono morte, centinaia sono rimaste ferite e gli americani hanno guardato mentre i membri del Congresso scappavano da una folla violenta, costretti a evacuare il Campidoglio.

Nei giorni successivi al 6 gennaio 2021, Democratici e Repubblicani di tutto il paese hanno giurato di non dimenticare mai questo giorno e di ritenere responsabili i colpevoli.

Un anno dopo, la promessa di responsabilità è in pericolo poiché l’attacco svanisce dalla nostra coscienza collettiva. Public Wise , un’organizzazione che lotta per assicurarsi un governo che rifletta la volontà e protegga i diritti di tutte le persone, ha recentemente condotto un sondaggio dal quale è emerso che il 47% degli americani ha affermato che il 6 gennaio è “qualcosa che i media hanno fatto apparire troppo grande.”

Il sondaggio ha anche chiesto se gli americani pensano che sia importante ricordare i recenti eventi significativi della storia americana. C’è un accordo quasi universale tra Democratici, Repubblicani e Indipendenti sull’importanza di ricordare gli eventi dell’11 settembre e la crisi finanziaria del 2008, ma il 68% dei repubblicani e il 36,5% degli indipendenti affermano che non è affatto importante o non troppo importante preservare la memoria degli eventi del 6 gennaio. Gli americani vogliono dimenticare il 6 gennaio, come solo un altro pezzo della nostra storia oscura che scegliamo di ignorare in nome della falsa unità e per proteggere il fragile ego dell’America bianca.

Chiedere giustizia dopo un tentativo di colpo di stato non dovrebbe essere controverso.

Ecco perché, nell’anniversario di un anno dal 6 gennaio, Public Wise ha lanciato The Insurrection Index , un database online di registri pubblici degli individui e delle organizzazioni in posizioni di fiducia pubblica che sono stati coinvolti nell’assalto mortale al Campidoglio degli Stati Uniti. Il database ha record di oltre 1.000 persone, inclusi 221 attuali funzionari eletti o individui in corsa per una carica da tutti gli Stati Uniti che hanno partecipato all’insurrezione.

Il 6 gennaio 2021 non è stato solo un momento, è un’agenda tossica multigenerazionale radicata nelle stesse bugie che hanno stabilito la schiavitù, sostenuto Jim Crow e sostenuto la segregazione, e ora sta diffondendo disinformazione e alimentando la sovversione della democrazia negli Stati Uniti. I partecipanti all’insurrezione si stanno candidando per una carica elettiva, grazie a questa ideologia razzista e alla continua perpetuazione della “grande bugia”. Gli insurrezionalisti in una carica elettiva sono la minaccia più significativa che la nostra democrazia deve affrontare. Potrebbero prendere decisioni a tutti i livelli di governo su ciò che viene insegnato nelle nostre scuole, su come combattiamo una pandemia globale, sul diritto di scelta, sulla nostra capacità di voto, sulle nostre leggi e sulle nostre elezioni. Almeno 13 eversivi si sono candidati alla carica nel 2021. Dieci hanno vinto le loro elezioni, unendosi a legislature statali, consigli comunali, consigli scolastici e amministrazioni comunali. Almeno 221 eversivi già ricoprono o stanno cercando di assumere cariche pubbliche nel 2022.

Questo non è casuale; Donald Trump sta lavorando attivamente per sostenere ed eleggere i legislatori statali negli stati chiave in dubbio che credono nelle bugie sulla legittimità delle elezioni del 2020. Sta piazzando alleati in stati come Michigan, Arizona e Colorado, in posizioni di amministrazione elettorale in vista di una potenziale corsa nel 2024 e in previsione di un’altra corsa serrata. Sta impilando il mazzo e complottando su come rubare la presidenza nel 2024.

L’Insurrection Index è progettato per fare luce non solo sulle persone che hanno partecipato all’insurrezione, ma sui ruoli che i funzionari eletti e le persone in posizioni di fiducia pubblica hanno svolto il 6 gennaio. Funzionari eletti ai più alti livelli del nostro governo e il loro personale hanno pianificato, sostenuto e persino finanziato fasi dell’insurrezione in collaborazione con l’amministrazione Trump. È fondamentale identificare e chiedere responsabilità a tutti i partecipanti, ma dobbiamo riconoscere che gli insurrezionalisti che gestiscono e conquistano cariche pubbliche sono la più grande minaccia per il nostro paese.

Public Wise sta lanciando una campagna nel 2022 per garantire che questi eversivi rimangano fuori dalle cariche pubbliche locali, statali e nazionali. Le elezioni non riguardano solo il futuro che vogliamo, ma anche il riconoscimento del passato che abbiamo. Non possiamo andare avanti come Paese unito senza affrontare la nostra storia e la realtà delle divisioni che esistono nel nostro Paese. Lo sforzo sosterrà le principali organizzazioni di base in Arizona, Carolina del Nord, Pennsylvania e Michigan, oltre ad altri stati.

È troppo tardi per suonare gli allarmi; la lotta per la nostra democrazia è già qui. Quello che accadrà nel 2022 è ciò che farà la differenza tra elezioni libere ed eque e il furto da parte di Trump e dell’estrema destra delle presidenziali nel 2024.

Il 6 gennaio è stato solo l’inizio dell’assalto alla democrazia americana

Di Nardi

Davide Nardi nasce a Milano nel 1975. Vive Rimini e ha cominciato a fare militanza politica nel 1994 iscrivendosi al PDS per poi uscirne nel 2006 quando questo si è trasformato in PD. Per due anni ha militato in Sinistra Democratica, per aderire infine nel 2009 al PRC. Blogger di AFV dal 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy