La salute al primo posto. Questo è quanto emerge da una inchiesta (pubblicata oggi) circa le priorità che gli italiani chiedono siano al centro dell’azione del governo. In seconda posizione il tema del lavoro e della disoccupazione. Peccato che il governo Draghi – il “governo dei ricchi” com’è stato definito – stia operando in tutt’altra direzione. I documenti previsionali del Governo prevedono che la spesa sanitaria tra due anni si attesterà, rispetto al Pil, a un livello inferiore rispetto a quello del 2019. I numeri sono chiarissimi: dal 6,5%si scenderà al 6,3%, una delle percentuali più basse tra i Paesi Ocse. In compenso le spese militari salgono di 5 miliardi di euro rispetto al pe-riodo prepandemico arrivando quest’anno alla cifra record di 26 miliardi di euro. Una vergogna. Ad inizio pandemia avevano giurato e spergiurato di un mutamento di segna valoriale circa le scelte politiche, economiche da portare avanti a tutela del diritto alla salute, del benessere sociale e materiale delle persone. Stanno facendo l’esatto contrario. C‘è poco da stupirsi e molto da indignarsi. Il loro primario interesse è di preservare rendite e profitti. Intanto, sempre sulla stampa di oggi, leggiamo che per evita-re di andare in zona arancione o rossa una delle misure caldeggiate è di non procede-re al conteggio dei ricoverati positivi che presentano altre patologie preponderanti. In-vece che aumentare posti letto, personale, reparti specializzati la scelta è di falsare i dati sul tasso di positività, di “nascondere la polvere sotto il tappeto”. In questi due anni non hanno fatto nulla per la scuola, i trasporti, la sanità. Nessuna azione concreta per proteggere al meglio la salute dei cittadini. Se ancora una volta siamo nel pieno di una emergenza sanitaria e sociale, con decine di migliaia di persone che vedono allungarsi le liste di attesa per potersi curare da altre malattie oltre al Covid, la responsabilità è di tutte quelle forze che hanno ruoli di governo nazionale e regionale, forze che hanno condiviso in maniera bipartisan tutta una serie di scelte che nulla hanno a che fare col diritto alla salute, al lavoro, al reddito delle persone

Ezio Locatelli PRC (post FB)

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy