Per la ministra Lamorgese i codici identificativi per le forze dell’ordine non servono perché ci saranno le telecamere sulle divise.

Non sono d’accordo.
Innanzitutto, le due cose non si escludono, possiamo avere sia i codici, che le telecamere.
In secondo luogo, è vero, le telecamere sono una garanzia in più, ma non risolvono il problema di fondo: rendere l’individuo responsabile delle proprie azioni, dando anche ai comuni cittadini la possibilità di denunciare senza impedimenti burocratici abusi e soprusi delle forze dell’ordine.

Questo è il punto, far finta che non sia così significa solo buttare parole al vento.
Oppure alimentare assurde polemiche su infiltrati e altre fantasie, come avvenuto nei giorni scorsi.

Pochi giorni fa Amnesty ha portato al Viminale 155mila firme per introdurre i codici identificativi per le forze dell’ordine in servizio di ordine pubblico e la nostra proposta di legge è ancora lì, depositata e in attesa di essere discussa.
Lo ripeto ancora una volta: approviamo questa norma di civiltà.

Nicola Fratoianni SI

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy