Francesco Cecchini

Dal sito La Nueve. Il link è il seguente:
https://lanueve.info/que-la-otan-no-nos-venga-a-hablar-de-paz/


Sempre è opportuno ricordare. Ricordiamo i bombardamenti degli Stati Uniti dagli anni 50. Corea e Cina 1950-53 ( guerra della Corea) Guatemala1954 Indonesia 1958 Cuba 1959-1961 Guatemala 1960 Congo 1964 Laos 1964-1973 Vietnam 1961-1973 Cambogia 1969-1970 Guatemala 1967-1969 Granada 1983 Libano 1983 1984 (obiettivi libanei e siriani) Libia 1986 El Salvador 1980 Nicaragua 1980 Iran 1987 Panama 1989 Iraq 1991 (guerra del golfo persico) Kuwait 1991 Somalia 1993 Bosnia 1994 e 1995 Sudan 1998 Afghanistan 1998 Yugoslavia 1999 Yemen 2002 Iraq 1991- 2003 (assieme all’ Inghilterra) Iraq 2003-2015 Afghanistan 2001-2015 Pakistan 2007- 2015 Somalia 2007 – 2008 e 2011 Yemen 2009 e 2011 Libia 2011 e 2015 Siria 2014-2018


CHE NON CI PARLINO DI PACE!.
L’ esistenza di una dichiarazione collettiva di “NO alla guerra” non deve essere confusa con il sostegno alla NATO. È insopportabile dover ascoltare le loro ipocrite diatribe sulla pace di una NATO “spaventata” dall’operazione militare russa e su come i leader occidentali ripetano queste incomprensioni. Le azioni criminali della NATO sin dalla sua creazione non lasciano spazio a dubbi. Dobbiamo fare riferimento ai fatti avvenut’. No alla guerra, no agli interventi militari, ma chiaramente NO alla NATO.

Di Francesco Cecchini

Nato a Roma . Compie studi classici, possiede un diploma tecnico. Frequenta sociologia a Trento ed Urbanistica a Treviso. Non si laurea perché impegnato in militanza politica, prima nel Manifesto e poi in Lotta Continua, fino al suo scioglimento. Nel 1978 abbandona la militanza attva e decide di lavorare e vivere all’estero, ma non cambia le idee. Dal 2012 scrive. La sua esperienza di aver lavorato e vissuto in molti paesi e città del mondo, Aleppo, Baghdad, Lagos, Buenos Aires, Boston, Algeri, Santiago del Cile, Tangeri e Parigi è alla base di un progetto di scrittura. Una trilogia di romanzi ambientati Bombay, Algeri e Lagos. L’ oggetto della trilogia è la violenza, il crimine e la difficoltà di vivere nelle metropoli. Ha pubblicato con Nuova Ipsa il suo primo romanzo, Rosso Bombay. Ha scritto anche una raccolta di racconti, Vivere Altrove, pubblicata da Ventura Edizioni Traduce dalle lingue, spagnolo, francese, inglese e brasiliano che conosce come esercizio di scrittura. Collabora con Ancora Fischia IL Vento. Vive nel Nord Est.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy