Kosovo: spari, strade di collegamento con la Serbia bloccate e allarmi che suonano

Alta tensione in Kosovo. Nelle regioni settentrionali dell’autoproclamata Repubblica del Kosovo, dove risiedono prevalentemente serbi, vengono riportati dai media locali spari e allarmi che suonano. 

https://www.facebook.com/plugins/video.php?height=476&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FCriminidellaNato%2Fvideos%2F5355036327915772%2F&show_text=false&width=260&t=0

I residenti avrebbero iniziato a costruire barricate a Rudare, sull’autostrada Pristina-Leposavich e non lontano dalla città di Zvecan. 

https://www.facebook.com/plugins/video.php?height=476&href=https%3A%2F%2Fwww.facebook.com%2FCriminidellaNato%2Fvideos%2F1467911840342622%2F&show_text=true&width=422&t=0

“Dopo le 18:00 sono stati attivati gli allarmi di raid aereo a Kosovska Mitrovica… Davanti alla nuova base della polizia di frontiera dell’autoproclamato Kosovo, non lontano dal capoluogo di Yarine, sono state avvistate unità di reazione con armi automatiche, elmetti e giubbotti antiproiettile…”, scrive Vecherne Novosti. 

Cosa è successo, perché di colpo si è alzata la tensione? Come annunciato dal governo del Kosovo, dal 1 agosto i documenti serbi cesseranno di essere validi nel territorio sotto il suo controllo e ai loro proprietari verrà rilasciato un certificato temporaneo all’ingresso. Allo stesso tempo, inizierà la re-immatricolazione obbligatoria delle auto con numeri serbi ai numeri RKS (Repubblica del Kosovo). 

Belgrado non riconosce i numeri RKS sul suo territorio. L’anno scorso, ciò ha portato a un conflitto: Pristina ha vietato l’ingresso di auto con numeri serbi e ha schierato un’unità speciale del Ministero degli affari interni ROSU nel nord della regione. I serbi locali hanno risposto bloccando la strada con attrezzature da costruzione verso i posti di blocco di Yarina e Brnak e hanno mantenuto il blocco, sebbene la polizia abbia cercato di disperderli con gas lacrimogeni e attrezzature speciali. 

Successivamente, attraverso la mediazione dei paesi occidentali, Belgrado e Pristina hanno raggiunto un accordo secondo il quale, quando si lascia il Kosovo e Metohija per la Serbia centrale, i simboli del Kosovo sulle targhe vengono sigillati con adesivi con lo stemma serbo e le lettere KM.
Il primo ministro dell’autoproclamata repubblica, Albin Kurti, ha invitato i serbi che vivono nella regione a re-immatricolare le loro auto “per il bene dello stato di diritto” e ha promesso che non sarebbero stati soggetti a ulteriori procedure doganali. Secondo Kurti si tratta di una grossa concessione, dal momento che la tariffa doganale media per un’auto è di circa cinquemila euro. 

Il ministro degli Esteri serbo Nikola Selakovich, a sua volta, ha affermato che le autorità del Kosovo stanno preparando il “vero inferno” per i serbi.

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha affermato l’esercito kosovaro sta pianificando un attacco contro la popolazione serba che vive nel nord della regione. Le forze speciali kosovare avrebbero chiuso i valichi di frontiera mentre Belgrado ha posto l’esercito in stato di allerta.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-kosovo_spari_strade_di_collegamento_con_la_serbia_bloccate_e_allarmi_che_suonano/82_47013/

Di Red

„Per ottenere un cambiamento radicale bisogna avere il coraggio d'inventare l'avvenire. Noi dobbiamo osare inventare l'avvenire.“ — Thomas Sankara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy