Gustavo Petro e Francia Márquez


Francesco Cecchini


Questa domenica, 7 agosto, il presidente della Colombia, recentemente eletto, Gustavo Petro, entra in carica tra grandi aspettative poiché è il primo governo di sinistra nella storia di quel Paese. Gustavo Petro inizia con un’insieme di proposte per ridurre il divario tra ricchi e poveri e proteggere l’ambiente, tra gli altri obiettivi. La commissione di raccordo del presidente eletto avverte che il governo riceverà un Paese indebitato con un disavanzo fiscale “critico”, stimato per quest’anno al 5,6% del PIL, mentre il debito pubblico sarebbe intorno al 56,5% del prodotto interno lordo ( PIL). Il governo di GustavoPetro sta preparando un disegno di legge per aumentare le tasse ai più ricchi e migliorare la riscossione, con l’obiettivo di finanziare il suo ambizioso programma di riforme. Tra le altre proposte, evidenziano anche il loro interesse a concordare una “pace totale” con tutti i gruppi armati che operano in Colombia e la ripresa delle relazioni diplomatiche con il paese vicino, il Venezuela.

Di Francesco Cecchini

Nato a Roma . Compie studi classici, possiede un diploma tecnico. Frequenta sociologia a Trento ed Urbanistica a Treviso. Non si laurea perché impegnato in militanza politica, prima nel Manifesto e poi in Lotta Continua, fino al suo scioglimento. Nel 1978 abbandona la militanza attva e decide di lavorare e vivere all’estero, ma non cambia le idee. Dal 2012 scrive. La sua esperienza di aver lavorato e vissuto in molti paesi e città del mondo, Aleppo, Baghdad, Lagos, Buenos Aires, Boston, Algeri, Santiago del Cile, Tangeri e Parigi è alla base di un progetto di scrittura. Una trilogia di romanzi ambientati Bombay, Algeri e Lagos. L’ oggetto della trilogia è la violenza, il crimine e la difficoltà di vivere nelle metropoli. Ha pubblicato con Nuova Ipsa il suo primo romanzo, Rosso Bombay. Ha scritto anche una raccolta di racconti, Vivere Altrove, non ancora pubblicata. Traduce dalle lingue che conosce come esercizio di scrittura. Collabora con Ancora Fischia IL Vento. Vive nel Nord Est

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy