Ritratto di Mao Zedong

Il sapere è scienza e non ammette la minima disonestà e presunzione. Esige invece proprio il contrario onestà e modestia.                                                                      Mao Zedong. Sulla pratica (Luglio 1937)
Nato il 26 dicembre 1893 nella provincia cinese di Hunan da una famiglia di contadini, Mao è stato il leader e presidente del Partito Comunista Cinese dal 1935 fino alla sua morte, avvenuta il 9 settembre 1976 a Pechino.
Essendo costretto a lavorare per la sua famiglia, Mao si ribellò contro l’autorità dei genitori e continuò a studiare dove venne esposto a nuove idee di riformatori politici e culturali come Liang Qichao e Sun Yat-sen. Successivamente si recò a Pechino e lavorò in una biblioteca in una delle università della città, dove si imbatté nella letteratura comunista e iniziò a formarsi sul marxismo. Mao contribuì a organizzare un certo numero di collettivi con l’obiettivo di parlare dei diritti di studenti, lavoratori, commercianti, ecc. Nei suoi scritti dello stesso periodo fece anche riferimento alla rivoluzione bolscevica del 1917. Ma fu solo nel 1921 che si impegnò pienamente nel marxismo come base filosofica della rivoluzione in Cina. Nel 1921 Mao divenne un membro fondatore del Partito Comunista Cinese (PCC) e nel luglio dello stesso anno partecipò al Primo Congresso del Partito Comunista Cinese, insieme ad altri gruppi comunisti in Cina e due delegati del Comintern con sede a Mosca ( Internazionale Comunista). Nel 1923, il PCC si alleò con il Partito Nazionalista del Kuomintang (KMT) per sconfiggere i signori della guerra che controllavano la Cina settentrionale. Durante l’inverno 1924-1925, mentre visitava il suo villaggio natale di Shaoshan, Mao fu testimone dell’agitazione della coscienza politica a seguito dell’uccisione di diverse dozzine di contadini cinesi da parte della polizia straniera a Shanghai. Ciò ha portato al riconoscimento da parte di Mao del potenziale rivoluzionario insito nei contadini. Fino ad allora Mao, così come gli altri suoi compagni, adottò la tradizionale visione marxista della rivoluzione operaia. Sebbene stesse lavorando con il proletariato urbano, l’anno 1925 cambiò idea e guardò al proletariato rurale come alla fonte della rigenerazione della Cina. Ciò ha portato a una rottura teorica nel marxismo tradizionale. Da allora, Mao ha incanalato le proteste spontanee dei contadini in una rete di associazioni contadine.
Dopo la morte di Sun Yet-sen nel 1925, Chiang Kai-shek divenne il leader del KMT e dal 1927 iniziò una propaganda anticomunista in Cina. La strategia di Joseph Stalin per realizzare una rivoluzione in alleanza con il KMT è crollata e il PCC è stato annientato. Pochi comunisti, contadini insieme a Mao sono fuggiti nel sud-est della Cina. Mao, iniziarono a costruire l’Armata Rossa. Un esercito armato del PCC si ribellerebbe contro il KMT invece di una massa disarmata di contadini. Mao e Zhu De, il comandante in capo dell’Armata Rossa, hanno sviluppato tattiche di guerriglia dalle aree di base nelle campagne. Ma nel 1934, KMT li circondò. Ciò ha portato Mao a lasciare la loro base nel sud-est della Cina. Ha guidato i suoi seguaci in un viaggio di 6.000 miglia nel nord-ovest della Cina per stabilire una nuova base. Questo viaggio è noto come la “Lunga marcia”. Poco dopo la “lunga marcia”, il PCC e il KMT divennero alleati temporanei per sconfiggere il Giappone nel periodo 1937-1945. Nel periodo 1936-1940 Mao si dedicò alla scrittura. Durante questo periodo ha prodotto le proprie filosofie. Ha scritto le proprie riflessioni sul materialismo dialettico di cui i saggi più noti sono “On Practice” e “On Contradiction” e occupa ancora un posto importante nella letteratura marxista più venerata. Ha anche scritto della propria esperienza di lotta rivoluzionaria e della sua visione di come la rivoluzione dovrebbe essere portata avanti.
Dopo la seconda guerra mondiale, scoppiò la guerra civile tra PCC e KMT. L’Esercito popolare di liberazione, successore dell’Armata Rossa, prese la capitale nazionalista Nanchino nel 1949. L’Esercito popolare di liberazione ne vinse e il 1 ottobre 1949 Mao fondò la Repubblica popolare cinese.
Dopo la vittoria, Mao e altri leader comunisti hanno deciso di rimodellare la società cinese. I mezzi di produzione erano di proprietà dello stato e gli agricoltori cinesi iniziarono a formare piccoli collettivi.
Per introdurre una forma più cinese di comunismo, Mao lanciò la campagna “Grande balzo in avanti” nel 1958. Questa strategia economica mirava alla mobilitazione di massa della manodopera per migliorare la produzione agricola e industriale.
Nel 1966 Mao lanciò un movimento socio-politico noto come la “Rivoluzione culturale” che mirava a rimuovere gli elementi capitalisti impuri dalla società cinese. Il movimento è andato avanti per 10 anni e ha reimposto i pensieri su Mao come l’ideologia dominante all’interno del partito.
Sebbene le due politiche siano state criticate dai suoi detrattori, i suoi sostenitori vedono tali politiche come il motivo per cui lo stato cinese è considerato uno dei paesi più potenti al mondo, indipendente e lontano dal dominio occidentale.
La sua salute iniziò a peggiorare dall’inizio degli anni ’70 e morì il 9 settembre 1976.
Mao è stato un fiero leader, un teorico e un comunista impegnato la cui eredità supera i confini della Cina. Le sue teorie e la sua visione rivoluzionaria sono state adottate da molte società nel periodo successivo per ribellarsi alle amministrazioni ingiuste. Fino ad oggi Mao è ricordato in tutto il mondo per i suoi contributi al marxismo e alle teorie rivoluzionarie.

Di Francesco Cecchini

Nato a Roma . Compie studi classici, possiede un diploma tecnico. Frequenta sociologia a Trento ed Urbanistica a Treviso. Non si laurea perché impegnato in militanza politica, prima nel Manifesto e poi in Lotta Continua, fino al suo scioglimento. Nel 1978 abbandona la militanza attva e decide di lavorare e vivere all’estero, ma non cambia le idee. Dal 2012 scrive. La sua esperienza di aver lavorato e vissuto in molti paesi e città del mondo, Aleppo, Baghdad, Lagos, Buenos Aires, Boston, Algeri, Santiago del Cile, Tangeri e Parigi è alla base di un progetto di scrittura. Una trilogia di romanzi ambientati Bombay, Algeri e Lagos. L’ oggetto della trilogia è la violenza, il crimine e la difficoltà di vivere nelle metropoli. Ha pubblicato con Nuova Ipsa il suo primo romanzo, Rosso Bombay. Ha scritto anche una raccolta di racconti, Vivere Altrove, non ancora pubblicata. Traduce dalle lingue che conosce come esercizio di scrittura. Collabora con Ancora Fischia IL Vento. Vive nel Nord Est

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy