“Dobbiamo superare il sistema capitalista che ci ha messo in una corsa al consumismo, pericolosa vertiginosa e illimitata, mettendo a rischio l’umanità e il pianeta. Costruiamo un mondo più giusto, inclusivo ed equo secondo i principi del Vivere Bien e della Diplomazia Dei Popoli.

Siamo convinti che un altro mondo non solo sia possibile, ma anche necessario e urgente. Dallo Stato Plurinazionale della #Bolivia, proponiamo alle Nazioni Unite:

  1. Dichiarare il mondo zona di pace.
  2. Sostituire la fabbricazione di armi di distruzione di massa con un equo compenso per i poveri del mondo.
  3. Respingere le sanzioni unilaterali.
  4. Garantire la piena validità della Carta #ONU e del principio del multilateralismo.
  5. Istituire un decennio di lotta per combattere ogni forma di violenza contro donne e bambine.
    (…)
    Lo Stato Plurinazionale della #Bolivia, sulla base dell’esperienza costruita dal 2006 con la nostra Rivoluzione Democratica e Culturale, scommette per superare l’attuale polarizzazione dell’architettura mondiale”,
    questi alcuni passaggi del discorso all’ONU del presidente socialista boliviano Arce.

Il video con il discorso completo all’ONU nel seguente link:

Rete Solidarietà rivoluzione bolivariana

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy