• Pasquale Cicalese

All’Università di Princeton ieri, in un incontro, lo riferisce Repubblica, la Von der Leyen, riferendosi tra gli altri alle elezioni italiane, ha detto: “se va male, abbiamo tutti gli strumenti..”.

Si completa così un percorso iniziato nel 1972 con il Piano Werner di unificazione monetaria e della Trilaterale del 1975 tesi a svuotare le democrazie occidentali, in vista della perdita di ruolo dei movimenti operai occidentali, allora alla testa delle rivendicazioni sociali, economiche e financo democratiche. Vennero l’Atto Unico Europeo e il Trattato di Maastricht, il cui caposaldo è la stabilità dei prezzi e la cessione di sovranità, con l’effetto voluto di aumentare la disoccupazione, l’esercito industriale di riserva, la precarizzazione dei rapporti di lavoro e la deflazione salariale, in vista di una ripresa della profittabilità delle imprese.

Lo svuotamento delle democrazie si completava mediante la “programmazione economica comunitaria” che trovava, da noi, con il Def e la Finanziaria la sua declinazione, una programmazione tesa alla privatizzazione dello Stato e degli strumenti economici, secondo il principio “Più Stato per il Mercato”.

Tutti gli istituti pubblici storici della storia repubblicana italiana furono soppressi ,o sminuiti. La leva del comando economico passava a Bruxelles e Francoforte, nel mentre il teatrino della Seconda Repubblica, con risse da comari, copriva lo svuotamento degli istituti democratici.

Ora, con la presa di posizione della Von der Leyen, che evidentemente si aspetta proteste continentali, arriva il tempo della repressione, per “difendere la democrazia”, la democrazia plutocratica, nel vero senso del termine. Neanche la Meloni a sta gente sta bene….

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-von_der_leyen_e_le_elezioni_italiane/29785_47397/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy