Per allungare l’aspettativa di vita alla nascita (LEB) di una popolazione sono necessarie capacità che negli Stati Uniti sono scarse. La LEB statunitense è diminuita negli ultimi tempi, in modo piuttosto repentino. Nel frattempo, l’aspettativa di vita in Cina e a Cuba continua a crescere nel lungo periodo. Per capirne il motivo, dovremmo esplorare le diverse capacità delle nazioni di realizzare cambiamenti sociali e promuovere avanzamenti sociali.

di W.T. Whitney Jr. – People’s World 

Le cause mediche e sociologiche di morte che riguardano l’aspettativa di vita e che sono specifiche degli Stati Uniti non saranno esaminate in questa sede. Un rapporto successivo tratterà questo argomento.

Il 31 agosto, il National Center for Health Statistics degli Stati Uniti ha fissato la LEB americana per il 2021 a 76,1 anni, la stessa cifra del 1996. Il calo rispetto ai 77,0 anni del 2020 e ai 78,8 del 2019 è stato il maggiore calo continuo della LEB negli Stati Uniti negli ultimi 100 anni. L’aspettativa di vita per gli uomini nel 2021, pari a 73,2 anni, rappresenta un divario senza precedenti tra uomini e donne di quasi sei anni (l’aumento della mortalità maschile è di routine).

L’aspettativa di vita degli abitanti di Cuba e della Cina supera oggi quella dei nati negli Stati Uniti. La LEB di Cuba è passata da 57,6 anni nel 1950 a 79 anni nel 2021, con un progresso di oltre 21 anni. In questi anni, il LEB della Cina è passato da 43 anni a 78,2 anni, con un aumento di 35,2 anni, mentre il LEB degli americani è aumentato di 7,9 anni. I risultati ottenuti da Cuba e Cina nel migliorare drasticamente l’aspettativa di vita in pochi anni e partendo da livelli molto bassi sono notevoli.

Le politiche messe in atto in seguito alle rivoluzioni socialiste dei due Paesi hanno portato a iniziative sociali di ampio respiro che proteggono la vita di tutte le persone e, tra l’altro, sono fondamentali per una lunga aspettativa di vita. I governi capitalisti, meno orientati al cambiamento sociale, sono inclini a tollerare divari nello sviluppo sociale.

I due Paesi socialisti hanno perseguito obiettivi particolari per ottenere guadagni sociali. In particolare, hanno cercato di stabilire il potere politico della classe operaia, di promuovere una vita dignitosa e sana per tutti i lavoratori, di eliminare le principali disuguaglianze economiche e di costruire l’unità.

Alcuni Paesi capitalisti hanno tentato di raggiungere alcuni di questi obiettivi anche sotto un governo di sinistra, con successi alterni. Un’analisi dei risultati ottenuti e di alcune conseguenze che si sono verificate in caso contrario può far luce sui fallimenti degli Stati capitalisti nel sostenere la vita dei loro cittadini, in particolare l’incapacità degli Stati Uniti di sostenere un LEB che nel 2020 era già inferiore a quello di altri 53 Paesi.

Il tema del sostegno sociale è ovviamente molto vasto. Per questo motivo, la presente trattazione presta maggiore attenzione all’assistenza sanitaria e meno ad altri settori. La trattazione si avvale delle riflessioni di Vicente Navarro, professore di salute pubblica e politiche pubbliche presso le università di Baltimora e Barcellona.

Per quanto riguarda il potere politico della classe operaia, Navarro sostiene che “i Paesi con forti movimenti sindacali, con partiti socialdemocratici e socialisti… hanno sviluppato politiche di ridistribuzione più forti e misure di riduzione delle disuguaglianze”. Questi Paesi favorevoli ai lavoratori hanno di conseguenza migliori indicatori di salute [compresa la LEB] rispetto ai Paesi in cui i movimenti sindacali sono molto deboli, come nel caso degli Stati Uniti”.

Navarro attribuisce la mancanza di assistenza sanitaria universale negli Stati Uniti, unica tra le nazioni industrializzate, alla mancanza di un forte movimento sindacale e/o di un partito laburista o socialista. Il potere politico esercitato dalla classe operaia organizzata nei Paesi industrializzati può variare, ma è quasi sempre superiore al potere dei lavoratori negli Stati Uniti, dove gli indicatori statistici dei risultati sanitari sono decisamente meno favorevoli.

La debolezza politica del movimento operaio organizzato negli Stati Uniti è evidente. La classe operaia”, scrive Navarro nel 2021, “non compare da nessuna parte né nel Gabinetto né nel Senato, e compare solo alla Camera con una rappresentanza estremamente limitata dell’1,3%”. La maggior parte “dei membri di queste istituzioni appartiene alla classe imprenditoriale, seguita da vicino dalla classe medio-alta”. Condanna la “privatizzazione del processo elettorale”, in cui “non c’è limite alla quantità di denaro che può andare al partito democratico o repubblicano o ai loro candidati”.

Una vita dignitosa e sana è ben lungi dall’essere una routine nei Paesi capitalisti, dove la cattiva salute è associata a un basso status socio-economico. Navarro riferisce che, negli Stati Uniti, “i colletti blu hanno un tasso di mortalità per patologie cardiache doppio rispetto alla classe professionale”. I differenziali di mortalità per classe sociale sono molto più ampi negli Stati Uniti che in Europa occidentale”.

Egli osserva che “i dipendenti pubblici britannici di alto livello vivono molto più a lungo di quelli di livello inferiore” e che “i membri della borghesia [spagnola]… vivono in media due anni in più rispetto alla piccola borghesia… che vive due anni in più rispetto alla classe media, che vive due anni in più rispetto alla classe operaia qualificata, che vive due anni in più rispetto ai membri della classe operaia non qualificata, che vive due anni in più rispetto alla classe operaia non qualificata [e disoccupata]”.

L’alienazione nel capitalismo aggrava i problemi di salute. Secondo Navarro, “la distanza tra i gruppi sociali e gli individui e la mancanza di coesione sociale che questa distanza crea è negativa per la salute e la qualità della vita delle persone”. L’isolamento sociale che egli descrive si aggiunge alle sfide che i sistemi di sostegno sociale devono affrontare e sminuisce l’utilità degli interventi.

I tentativi dei Paesi capitalisti di eliminare le disuguaglianze di ricchezza, soprattutto nell’ambito dell’assistenza sanitaria, mostrano successi alterni. Con l’avanzare della commercializzazione dell’assistenza sanitaria, le difficoltà aumentano. Come risultato dell’assunzione di profitti in questo settore, le disuguaglianze a livello sociale si aggravano e i lavoratori perdono la parità di accesso a cure di qualità.

Eppure una qualche forma di controllo pubblico o di sostegno ai settori sanitari è più o meno consueta nei vari Paesi capitalisti. In molti, le autorità pubbliche gestiscono e pagano ospedali, case di cura, personale, farmaci, attrezzature e formazione. Ma l’infiltrazione delle prerogative del mercato e la privatizzazione nei sistemi sanitari dei Paesi più ricchi minacciano ora gli obiettivi da tempo stabiliti di un’assistenza sanitaria accessibile a tutti.

In Europa, le campagne di austerità sotto l’egida neoliberale hanno portato a tagli nell’assistenza pubblica. La privatizzazione ha rallentato la risposta istituzionale alla pandemia di COVID-19 in Europa. I gruppi di investitori hanno puntato sui settori degli ospedali e delle case di cura come opportunità di profitto. Secondo la rivista medica Lancet, la privatizzazione all’interno del Servizio Sanitario Nazionale britannico ha contribuito a un aumento dei decessi evitabili per tutte le cause tra il 2013 e il 2020.

Gli Stati Uniti sono il manifesto della guerra in difesa del privilegio. Ci sono storie, a partire dall’assistenza sanitaria:

Nel 2020 lo stipendio e i benefit di William J. Caron, Jr., CEO di MaineHealth, un importante fornitore di cure nella località dell’autore, erano di 1.992.044 dollari; per Richard W. Petersen, CEO del Maine Medical Center, erano di 1.822.185 dollari. Un commentatore osserva che “gli amministratori delegati degli ospedali sono compensati principalmente per il volume di pazienti che passano attraverso le loro porte, le cosiddette “teste nei letti””. Il reddito medio annuo dei medici di base statunitensi era di 260.000 dollari nel 2021; quello degli specialisti di 368.000 dollari.

Secondo bain.com, “le aziende medtech sono tra le più redditizie del settore sanitario, con margini medi del 22%… i profitti cresceranno fino a 72 miliardi di dollari nel 2024”. E “le aziende di vendita al dettaglio di apparecchiature mediche domestiche (HME) hanno un margine di profitto lordo (GPM) medio del 45%”.

I ricercatori hanno scoperto che tra il 2000 e il 2018, il “margine di profitto lordo annuale mediano” (il profitto lordo è il ricavo meno i costi) di 35 aziende farmaceutiche è stato del 39,1% superiore a quello di 357 aziende non farmaceutiche. Gli amministratori delegati di tre grandi aziende farmaceutiche” hanno aumentato la loro ricchezza di “un totale di 90 milioni di dollari” nel 2018. Per quanto riguarda i produttori del vaccino COVID-19: “I margini di profitto netto di Moderna e BioNTech nel 2021 hanno raggiunto rispettivamente il 66% e il 54%”.

La questione della creazione di unità per stabilire il socialismo e organizzare il bene comune ha bisogno di pochi commenti. L’unità all’interno della società è quasi impossibile nel capitalismo, in quanto le divisioni sono insite in un mondo di avidità e individualismo. Nel frattempo, la Cina, optando per la vita, ha dato una magnifica dimostrazione di unità socialista mentre il suo popolo affrontava la pandemia.

Il governo ha imposto forti misure di prevenzione e ha accettato l’inevitabilità di perdite e disagi economici. Il tasso di mortalità per COVID-19 in Cina è di 1,07 morti ogni 100.000 persone. La controparte statunitense non sembra aver mai scelto e, in questo modo, ha protetto la crescita economica. Il tasso di mortalità COVID-19 degli Stati Uniti è di 319,59 morti per 100.000 persone.

È importante, infine, mettere a tacere qualsiasi idea che la ricchezza degli Stati Uniti e di altre nazioni capitaliste consenta automaticamente di offrire lunghe aspettative di vita. Il diritto individuale alla ricchezza è alla base del loro funzionamento, e questa è una contraddizione e un ostacolo.

Una società che intende perseguire iniziative sociali complete e rivolte a tutti i gruppi della popolazione in egual misura è una società che deve ridistribuire la ricchezza. La redistribuzione della ricchezza è il necessario complemento agli obiettivi già discussi. Il messaggio è che le misure di ispirazione capitalista non sono sufficienti e che i programmi socialisti, come a Cuba e in Cina, funzionano e offrono la promessa di vite dignitose e sicure a intere popolazioni

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy