Antonio Rei 

Meloni vince e sarà la prima presidente del Consiglio donna nella storia della Repubblica. Salvini e Letta sono i grandi sconfitti e dovranno pagarne le conseguenze all’interno dei rispettivi partiti. Conte tiene in piedi il Movimento 5 Stelle molto meglio di quanto molti ipotizzavano fino a qualche mese fa. Berlusconi resiste, con Forza Italia che tallona la Lega ed è comunque decisiva per la maggioranza del centrodestra. Il Terzo Polo, infine, conferma di avere un ego più grande del proprio elettorato e, a dispetto del nome, arriva quarto: anzi, addirittura sesto se invece delle alleanze contiamo i partiti.

Questa la fotografia delle prime elezioni autunnali dal 1919 (l’ultima volta c’era il Re e il suffragio universale maschile era conquista recente), caratterizzate in partenza da due novità legate alla riforma costituzionale dell’anno scorso: il numero di seggi parlamentari ridotto di un terzo e l’estensione del voto al Senato a tutti i maggiorenni (prima bisognava avere almeno 25 anni).

A livello elettorale, gli elementi su cui riflettere sono due.

Il primo è la scarsa partecipazione dell’elettorato, con punte di astensionismo drammatiche al Sud. L’affluenza non è arrivata al 64%, rimanendo quasi 10 punti sotto il dato del 2018, che già era il record negativo dalla nascita della Repubblica. Il secondo è la volatilità degli elettori italiani: i pochi che ancora si recano alle urne cambiano cavallo da una legislatura all’altra con una disinvoltura sconosciuta nei decenni precedenti. E così Fratelli d’Italia passa dal 4,3% del 2018 al 26,4%, la Lega dal 17,4 al 9, Forza Italia dal 14 all’8, il Movimento 5 Stelle dal 33 al 15. L’unico stabile è il Pd, che nella sua mediocrità addirittura sale leggermente, dal 18 al 19%.

In termini politici, invece, non c’è dubbio che l’unica vincitrice di queste elezioni sia Meloni. Questo non significa però che avrà vita facile: eredita un Paese che viaggia verso una congiuntura economica negativa – fra il quarto trimestre 2022 e il primo del 2023 è probabile un ritorno in recessione tecnica – e dovrà gestire un inverno difficilissimo, in cui il razionamento del gas è una prospettiva più che concreta. Il tutto mentre l’Europa pretenderà il rispetto del Pnrr minacciando di chiudere i rubinetti degli aiuti europei (la famosa “pacchia” rischia di finire per noi, non per Bruxelles). Tradotto, significa che lo spazio di bilancio per mantenere le promesse elettorali non esiste, a meno di rinunciare ai 150 miliardi che ancora devono piovere sul nostro Paese dal Nex Generation Eu. E in questo scenario così complesso, c’è da scommettere che gli alleati di Meloni faranno poco per aiutarla. Anzi, potrebbero crearle più di qualche problema nei rapporti internazionali, a cominciare da quelli con gli Stati Uniti, che già faticano a perdonare il passato trumpista della nuova premier italiana.

Proprio per evitare sbandate filorusse, Meloni trama da tempo con i governatori leghisti del nord e con Giancarlo Giorgetti. L’obiettivo è orchestrare la defenestrazione di Salvini, che in effetti, visto il disastro elettorale, ha dato ai suoi avversari tutti i motivi per cacciarlo. È probabile però che questo processo non si risolverà in breve. Nel frattempo, essendo imputato nel processo Open Arms, il leader leghista può scordarsi di coronare il sogno di un ritorno al Viminale.

Se le dinamiche nel Carroccio sono ancora incerte, non altrettanto si può dire di quelle interne al Pd, dove un ribaltone appare ormai inevitabile. Enrico Letta ha confermato di essere il peggior segretario nella storia del partito (che pure di debacle ne aveva già conosciute più d’una).

Le ha veramente sbagliate tutte: non ha nemmeno provato a cambiare una leggere elettorale evidentemente mortifera per il suo schieramento; ha rinnegato l’unica alleanza che lo avrebbe reso competitivo, quella con il Movimento 5 Stelle, nel nome della cosiddetta “Agenda Draghi”, che nessuno nel Paese sa bene cosa sia e di cui a nessuno importa nulla; infine, ciliegina sulla torta, si è fatto sfilare voti perfino da Calenda, uno che è riuscito ad arrivare terzo nel suo collegio uninominale al centro di Roma (forse era a questo che si riferiva il nome “Terzo polo”). Insomma, Letta non solo non ha fatto nulla per vincere: ha fatto di tutto per perdere. Ora dovrebbe trarne le conseguenze e tornare a SciencePo per insegnare ai francesi tutti i modi più sbagliati di fare politica

https://www.altrenotizie.org/primo-piano/9762-meloni-salvini-letta-e-adesso.html

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy