Il lavoro, e più nello specifico i diritti sul luogo di lavoro sono stati i grandi assenti di questa campagna elettorale. Eppure i recentissimi fatti di cronaca, con la morte di due lavoratori a Livorno in seguito all’esplosione di un serbatoio di carburanti nell’area del porto, a cui si è aggiunto la notte successiva il decesso a Bologna di un operaio rimasto folgorato mentre lavorava alla manutenzione della linea ferroviaria, riportano anche solo per un attimo, all’onor delle cronache, il bilancio di una vera e propria strage silenziosa.

di Adriano Manna

 

Solo dal 1 gennaio 2018 i morti sul lavoro nel nostro paese sono stati 143, 1,6 al giorno. Una carneficina. Numeri impressionanti, che tuttavia rappresentano anche una parziale diminuzione se raffrontati a quelli del 2017, quando dopo anni di inversione di tendenza (dovuta probabilmente al forte calo degli occupati) i morti sul lavoro hanno sfiorato la media di 3 al giorno.

Se poi andiamo a vedere i dati delle denunce complessive arrivate all’Inail nel 2017, comprendenti non solo i casi di decesso ma anche gli infortuni di varia entità sul luogo di lavoro, le cifre raggiungono quelle di una vera e propria guerra interna: 589.495 casi certificati.

Numeri impressionanti, totalmente rimossi dal dibattito politico, che tuttavia hanno delle responsabilità ben precise: l’abbassamento generalizzato dei livelli di sicurezza, la sempre minore formazione professionale. La precarietà, lavorativa e anche psicologica dei lavoratori. In altre parole, la disarticolazione dei tradizionali rapporti di produzione, che ha inaugurato una fase che vede l’allargamento, in quantità e qualità, del conflitto di interessi fra Capitale e Lavoro, in una società dove l’egemonia culturale delle classi dominanti è riuscita ad affermare un senso comune che suggerisce addirittura la rimozione completa del conflitto principale.

L’innovazione tecnologica, con l’aumento della produttività del lavoro che ne consegue, è stata utilizzata dal Capitale non già per alleviare le fatiche del lavoratore, ma per ridurre i costi al produttore.

La stessa evoluzione dei mezzi di produzione ha permesso al Capitale di spostarsi là dove la forza lavoro costa meno, mentre è proprio l’avanzamento della tecnologia nel campo della comunicazione quella che permette di conoscere praticamente in tempo reale dove si trova la forza lavoro più a buon mercato.

L’indebolimento di qualsiasi controparte di massa, con la crisi del sindacato tradizionale e quella delle forze politiche espressione del lavoro organizzato non ha offerto alcun freno o contrappeso a questo processo.

Sarebbe forse il caso, per la sinistra italiana, di cogliere questi strazianti fatti di cronaca per riflettere sulle proprie responsabilità, sui propri errori, tradimenti e sulle proprie mancanze. E sarebbe forse anche opportuno lasciarsi alle spalle quell’atteggiamento snob, con cui si giudica il comportamento elettorale delle classi subalterne del nostro paese, che di fronte ad un disarmamento organizzativo e politico-culturale su cui la stessa sinistra ha pesantissime responsabilità, si rivolgono naturalmente a proposte politiche inneggianti alla guerra tra poveri, o al baratto degli ultimi rimasugli di Welfare diretto con forme assistenziali di supporto al reddito.

http://www.sinistraineuropa.it/approfondimenti/143-morti-sul-lavoro-da-gennaio-2018/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy