Novembre 29, 2020

AFV

Libera la tua mente

Fine del ciclo (breve) in Ecuador. Il neoliberismo è incapace di fornire stabilità politica, sociale ed economica

Sharing is caring!

di Alfredo Serrano Mancilla – Celag

L’Ecuador è un altro esempio dell’incapacità del neoliberismo di fornire stabilità politica, sociale ed economica. L’FMI può diventare “un’arma di distruzione di massa” in tempi record. E ancora di più se il paese è stato precedentemente trasformato con politiche progressiste in base ai principi di sovranità. Come spesso ci affrettiamo a credere, i cittadini non dimenticano così in fretta. Il ciclo progressista ecuadoriano, sotto l’impronta del correismo, non era terminato, nonostante la svolta a 360 gradi che Lenin Moreno ha cercato di imporre – a tal proposito, vale la pena ricordare che non è stato eletto per questo. 

Precisamente, questo è uno dei punti nodali in cui risiede buona parte del dilemma ecuadoriano. Il presidente non ha vinto l’appuntamento elettorale con un programma neoliberista, né ha proposto l’uscita dall’Unasur e si è unito al gruppo di Lima, e tanto meno dichiarato che avrebbe fatto accordi con tutta la vecchia politica. Ha ottenuto l’approvazione nelle urne con una proposta che ha tradito dal primo minuto di gioco. Ed è proprio questo il fatto politico che lo ha condizionato fin dall’inizio.

Pertanto, la figura presidenziale si è indebolita velocemente perché tutti i cittadini sapevano che non era il presidente a governare, ma che questa responsabilità apparteneva ad altri. Nell’ultimo sondaggio realizzato da Celag, nel marzo di quest’anno, questa percezione diffusa è stata verificata: quando è stato chiesto chi governa in Ecuador, il 46% ha affermato che sono i grandi gruppi economici, il 27% gli Stati Uniti e il 26% il vecchio politico socialcristiano Jaime Nebot.

Un presidente che non governa finisce per essere un ostaggio di altri e, di conseguenza, inizia a prendere decisioni basate sull’attrazione degli interessi degli attori che lo supportano. E questo ha una controparte immediata: la figura presidenziale diventa un’autorità fittizia che si traduce in una fragile istituzionalità. E, per finire, l’unico tentativo di ottenere legittimità si basa su una critica ricorrente della “pesante eredità”, mentre le persone per strada pensano principalmente al presente.

In questo modo, era inevitabile che Lenín Moreno diventasse un presidente da usare e poi gettare, e la cui scadenza dipende da due fattori: uno, del sostegno che alcuni poteri (internazionali, media, giudiziari, militari ed economici) gli vogliono dare; e due, dal momento in cui la fatica e la stanchezza delle persone esplodono con una determinata misura.

E questo è stato il caso: tagliare i “sussidi” della benzina, garantendo “incentivi” ai grandi imprenditori. Piuttosto, e senza eufemismi: l’aiuto alle persone che ne hanno bisogno viene eliminato mentre sovvenziona le grandi società corporative attraverso esenzioni fiscali.

Quindi, quando si decide deliberatamente di andare contro il benessere dei cittadini, tutte le scintille latenti saltano in aria; La gente protesta e tutto vacilla. Il clima mesi fa, misurato anche da Celag a marzo, era il seguente: 6 ecuadoriani su 10 avevano sentimenti negativi sulla situazione nazionale (rabbia, incertezza, paura, rassegnazione e senso di caos). Con questo sommovimento di fondo e con la debolezza del presidente, insieme a una misura non necessaria promossa dall’FMI, il risultato è stato come previsto. Un paese ai margini del precipizio con un governo non abituato a governare, la cui mancanza di pratica è troppo evidente, e l’unica cosa che fa è abusare della forza contro le proteste. Stato di eccezione, coprifuoco, fuga a Guayaquil dal presidente, carcere per gli oppositori e limite alla libertà di stampa sono state alcune delle armi usate per cercare di “stabilizzare” il paese, cioè per fermare la protesta e scoraggiare i manifestanti, pur consentendo a coloro che non sono stati eletti per tale necessità di governare.

D’ora in poi è impossibile sapere cosa accadrà. Ma ci sono due fatti inequivocabili. Uno, l’Ecuador è in un’emergenza democratica e l’unico modo per risolvere questo tipo di situazione in politica è chiedere ai cittadini di votare, soprattutto quando ciò è permesso costituzionalmente attraverso il meccanismo della morte incrociata (tutto è sciolto: esecutivo e legislativo e vengono convocate le elezioni). E due, Lenin può superare temporaneamente questo momento grazie al supporto dei suoi sponsor, ma non si può tornare indietro: il mistero è solo la data in cui il suo mandato scadrà. E quando sarà il momento di dire “good bye Lenín”, sia adesso o alla fine del suo mandato, la competizione elettorale avrà solo due alternative: correísmo o un paese instabile.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-fine_del_ciclo_breve_in_ecuador_il_neoliberismo__incapace_di_fornire_stabilit_politica_sociale_ed_economica/5694_31085/