Continuano le occupazioni e i blocchi ferroviari in tutto il Canada.

I popoli indigeni del Canada sono in rivolta

La battaglia dei popoli indigeni contro il gasdotto Costal Gas Link continua senza interruzione, mentre le destre, l’industria e il governo alzano il livello dello scontro. Quasi due dozzine di persone sono state arrestate nella provincia della Columbia Britannica dopo aver rifiutato di lasciare i blocchi, 14 sono stati arrestati a New Hazelton (tra cui alcuni capi ereditari) e 6 persone al porto di Vancouver. A Toronto oltre 500 persone del servizio regionale pubblico di trasporto GO transit, di loro 37 sono state arrestate nelle prime ore del mattino durante il tentativo di sgombero.

La lotta iniziata contro il gasdotto adesso si espande toccando molte altre vertenze territoriali in tutto il paese e fa riemergere le memorie dei conflitti passati. I Mohawk di Kahnawake hanno risposto a una ingiunzione della Corte Superiore del Quebec a favore della Canadian Pacific Rail e contro i blocchi ricordando che il territorio per la costruzione della ferrovia è stato espropriato illegalmente nel XIX secolo e che la stessa Canadian Pacific Rail è un vettore di colonialismo e oppressione. Dunque hanno rinforzato le barricate nell’evenienza di un’irruzione della polizia per interrompere il blocco.

88303395 3049624728402844 8583266436229627904 o

Allo stesso modo in Alberta i manifestanti stanno bloccando alcune “infrastrutture critiche” che la leadership conservatrice vorrebbe cartolarizzare quali il settore energetico e le industrie adiacenti come il traffico merci. In questo contesto i militanti di estrema destra hanno provato a costruire gruppi di vigilanti per sfondare i blocchi, come successo ad Edmonton, Saskatoon e Winnipeg con la compiacenza del governo. Il premier della provincia Jason Kenney ha annunciato che è in preparazione una legislazione straordinaria contro i “difensori della terra”.

Oltre ai blocchi ferroviari diverse sono le autostrade e gli uffici governativi che sono stati occupati. A Montreal e Winnipeg cortei di centinaia di persone hanno fermato il traffico cittadino.

I popoli indigeni e i solidali non sembrano voler mollare la lotta anche di fronte alla recrudescenza della repressione del governo canadese.

https://www.infoaut.org/conflitti-globali/i-popoli-indigeni-del-canada-sono-in-rivolta

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy