Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha rivendicato il diritto dei siriani di combattere i terroristi a Idlib 


“Date le continue violazioni del cessate il fuoco nell’area di Idlib, l’esercito siriano ha pieno diritto di rispondere e combattere i terroristi”, ha ricordato oggi Lavrov durante una conferenza stampa dopo l’incontro con il suo omologo lussemburghese, Jean Asselborn.

Il ministro degli Esteri russo ha sottolineato che “non è possibile vietare all’esercito siriano di conformarsi alle risoluzioni dell’ONU sulla lotta al terrorismo”.
Inoltre, Lavrov ha affermato che la Russia rifiuta qualsiasi impegno nei confronti di gruppi terroristici in Medio Oriente.

Il ministro degli Esteri russo ha affermato che sia la Russia che il Lussemburgo mantengono nella loro agenda questioni relative alla politica mondiale, “compresa la situazione in Medio Oriente e Nord Africa, in particolare in Siria e Libia”.

“Sia in un caso che in un altro, come in qualsiasi conflitto regionale, (…) abbiamo votato per nessun compromesso con i terroristi, che hanno alzato la testa dopo la cosiddetta” Primavera araba “del 2011”, ha affermato.

Secondo Lavrov, la Russia spinge affinché in quei paesi “si instauri un dialogo inclusivo tra tutte le forze politiche” e perché “tutti gli attori esterni rispettino la sovranità e l’integrità territoriale dei rispettivi Stati”.

Il ministro degli Esteri russo ha anche chiesto sforzi per prevenire un’escalation di tensione in Siria.

“Vorrei sostenere ciò che Jean [Asselborn] ha affermato sulla necessità che tutti gli attori esterni uniscano le forze e cooperino per ridurre le tensioni, e ancora meglio, per evitare le crisi”, ha ribadito il capo della diplomazia russa.
Lavrov ha sottolineato che proprio questi sono gli obiettivi che la Russia persegue “nel dialogo con i suoi colleghi dell’UE, la NATO e gli Stati Uniti nel campo delle relazioni bilaterali”.

“Quella comprensione della necessità di cooperazione dovrebbe esistere in tutte le fasi, e non solo quando inizia la tempesta”, ha avvertito il ministro degli Esteri russo.

Il capo della diplomazia russa ha ricordato la necessità che i paesi occidentali siano governati “dagli interessi di tutte le parti coinvolte in un conflitto o da un altro, e non dai loro interessi geopolitici”.

Accordi russo-turchi su Idlib

Mosca è pienamente impegnata negli accordi raggiunti dai leader russi e turchi sulla zona di distensione siriana di Idlib , ha rimarcato Lavrov.

“Riaffermiamo il nostro pieno impegno per gli accordi raggiunti tra i presidenti di Russia e Turchia riguardo a ciò che deve essere fatto nella zona demilitarizzata di Idlib: separare la regolare opposizione dai terroristi, smilitarizzare la striscia interna in quest’area così che nessuno può bombardare le posizioni dell’esercito siriano e della base aerea russa da lì, garantire l’uso senza ostacoli delle strade che attraversano questa zona “, ha precisato.

Ha anche affermato che la Russia e la Turchia continueranno a collaborare su Idlib.
“Solo un’ora e mezza fa è stato riferito che i negoziatori russi e turchi, che hanno lavorato ieri e l’altro il [27 e 26 febbraio] ad Ankara, hanno accettato di continuare il loro lavoro oggi [28 febbraio]”, ha annunciato.

Secondo il ministro russo, è tempo di iniziare a soddisfare gli obiettivi stabiliti negli accordi “, ma poiché non è stato raggiunto nulla per un anno e mezzo, l’esercito siriano ha tutto il diritto di rispondere e reprimere i terroristi in risposta a continue violazioni del cessate il fuoco all’interno di questa zona di Idlib. “

“Non possiamo vietare all’esercito siriano di conformarsi ai requisiti delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su una lotta senza caserme o concessioni contro il terrorismo in tutte le sue forme e manifestazioni”, ha affermato il cancelliere.

Lavrov ha aggiunto che il problema non è che qualcuno ha un piano che contraddice l’accordo originale sulla zona di distensione di Idlib, ma come questi accordi vengono rispettati sul campo.

“Esistono accordi tra i nostri militari, se questi accordi fossero pienamente attuati, incluso il trasferimento delle coordinate esatte della posizione dell’esercito turco, simili tragedie avrebbero potuto essere evitate”, ha spiegato Lavrov in riferimento alle recenti vittime nelle truppe turche.

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-lavrov_difende_il_diritto_della_siria_di_combattere_i_terroristi_a_idlib/82_33323/?fbclid=IwAR3l4YfYX_UR1qHjb4OpvM5AfveNcRTfuMqL84yc2pf794Ar9qYHyReO0Fo

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy