“La mobilitazione dei metalmeccanici continuerà finché non verranno fornite dal governo le misure necessarie alla protezione della salute”, dice la leader della Fiom, Francesca Re DavidCondividi su facebookCondividi su twitterCondividi su whatsappCondividi su emailCondividi su print

ROMA – “Dopo l’incontro di sabato tra governo, imprese e sindacati era stato fatto un elenco di produzioni non essenziali. Ieri nel decreto emanato dal governo l’elenco è stato più che raddoppiato. Non è necessario produrre a ciclo continuo e riempire i magazzini di prodotti che non vengono venduti. Non sono indispensabili le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa”. Così la leader della Fiom, Francesca Re David a Omnibus. 

Intanto, in Lombardia Fiom, Fim e Uilm hanno deciso di indire uno sciopero di 8 ore per tutti i metalmeccanici delle aziende della Lombardia mercoledì 25 marzo.

La sindacalista Re David sottolinea che è “impossibile pensare di sconfiggere il virus se non si chiudono le attività produttive non essenziali. Sono in corso già oggi iniziative di sciopero su tutto il territorio nazionale, la mobilitazione dei metalmeccanici continuerà finché non verranno fornite dal governo le i misure necessarie alla protezione della salute e della sicurezza dei lavoratori dell’industria”.

I sindacati “non hanno il potere di chiudere le fabbriche, è il governo che deve intervenire in questo senso. La Fiom sta facendo accordi con le imprese per le fermate e le riduzioni delle attività produttive con l’utilizzo della cassa integrazione. Chiediamo- conclude Re David- al governo che venga messa al centro la salute dei lavoratori. Se i lavoratori si ammalano, si ammalano i cittadini”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Sileri: “I tamponi devono essere estesi anche a chi ha pochi sintomi”

ORLANDO: TROPPE FABBRICHE APERTE? SE SERVE CORREGGERE DL

“I servizi essenziali hanno agganci in settori che essenziali non sono, come la filiera alimentare che è assolutamente essenziale ma ci sono filiere connesse come gli imballaggi”. Cosi’ il vice segretario del Pd, Andrea Orlando, a Rai News24, che osserva che il governo può avere allargato le aperture “per questi motivi. Se ci si è allargati oltre- conclude- si può correggere il decreto, non possiamo che muoverci per approssimazioni”.

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy