Settembre 20, 2020

AFV

Libera la tua mente

Bolivia. Celano (CS): migliaia di persone marciano per le strade durante lo sciopero generale

Sharing is caring!

Riceviamo e pubblichiamo

‪    

Convergenza Socialista supporta lo sciopero generale in Bolivia e appoggia politicamente il MAS e i boliviani che chiedono elezioni immediate. Le proteste sono state numerose a El Alto e Cochabamba.

Convergenza Socialista denuncia la complicità dei politici e dei media europei e statunitensi per il loro sostegno ad uno dei regimi più cialtroneschi, razzisti, violenti e sanguinari dell’America Latina.

Migliaia di minatori, contadini e indigeni, legati all’ex presidente di sinistra Evo Morales, hanno marciato martedì 28 Luglio e hanno annunciato uno sciopero nazionale per chiedere nuove elezioni a settembre. La più grande protesta è iniziata con una passeggiata di circa 5-mila persone per diversi chilometri attraverso El Alto – il bastione elettorale di Morales (2006-2019) – seguito da un’assemblea popolare in cui hanno concordato di iniziare uno sciopero, in segno di rifiuto verso l’annuncio della Corte Suprema Elettorale (TSE) di rinviare le elezioni  dal 6 settembre al 18 ottobre, in attesa della riduzione dei contagi da COVID-19 nel Paese. Questa è la seconda proroga nel mezzo della pandemia, dal momento che il voto era previsto per il 3 maggio.

“Da oggi inizia lo sciopero generale a tempo indeterminato nei nove dipartimenti del Paese”, ha dichiarato alla folla il leader del Bolivian Central Obrera (COB), Carlos Huarachi. “Abbiamo intenzione di incaricare i nostri dirigenti nazionali e dipartimentali di organizzarsi per coordinare questo sciopero generale a tempo indeterminato”, ha aggiunto.

Nel frattempo, Cochabamba è stata anche teatro di una marcia con slogan del tipo “se non c’è pace per il popolo, non ci sarà pace per il governo de facto“. I sostenitori di Morales ritengono che le elezioni siano state rinviate perché il loro candidato, Luis Arce, è in testa per quanto riguarda i sondaggi.

“La data delle elezioni del 6 settembre deve essere rispettata”, ha detto alla stampa il leader minerario Lucio Padilla. “Non possiamo permettere la manipolazione della destra e il nostro obbligo è difendere la democrazia”. Da parte sua, Froilán Mamani, leader del sindacato contadino Tupac Katari, ha affermato che il TSE dovrebbe ritirare il rinvio delle elezioni, perché se non lo fa, “allora ci sarà uno sconvolgimento sociale”.

Da parte sua, il presidente dell’organo elettorale, Salvador Romero, ha affermato che il voto di ottobre non sarà anticipato: “Il 18 ottobre è la data finale delle elezioni in Bolivia, non solo perché abbiamo considerato le variabili scientifiche legate all’evoluzione della pandemia, ma anche perché esiste un mandato costituzionale”, ha affermato sulla stampa locale.

Tuttavia, il ministro della Presidenza, Yerko Núñez, ha sentenziato che le proteste non avrebbero rispettato le misure di quarantena come l’allontanamento sociale e l’uso di mascherine, per le quali ha messo in guardia contro i crimini e ha assicurato che dietro di loro vi fosse il Movimento verso il Socialismo (MAS) di Morales.  Secondo il funzionario, “coloro che promuovono questa marcia commettono un crimine, starebbero minando la salute pubblica, e questo è sanzionato nel codice penale all’articolo 216, che stabilisce che chi commette crimini contro la salute pubblica, incorre nella privazione della libertà da 1 fino a 10 anni”.

Le elezioni per eleggere il presidente, il vicepresidente, i deputati e i senatori sono pendenti in Bolivia da quando sono state annullate quelle dell’ottobre dello scorso anno, in cui Morales era stato dichiarato vincitore per il quarto mandato consecutivo, tra le false accuse di frode in suo favore e che l’ormai ex presidente ha sempre respinto. 

La crisi politica è stata causata dai golpisti e dai loro supporters: cioè i liberal-liberisti statunitensi ed europei. “Il sistema sanitario di Santa Cruz sta collassando, non ci sono più respiratori”: questo è stato uno dei post pubblicati, su Facebook, questo 18 giugno 2020, dal compagno Carlos Andres Villegas Leon (La Paz) del MAS. Carlos Andres Villegas Leon attualmente coordina le attività di supporto e sostegno per il suo popolo in Bolivia, qui dall’ Italia.La situazione boliviana sta esplodendo a causa dei numerosi morti trovati in strada, durante questi tre mesi, ed i trattamenti alternativi, imposti dal governo, non hanno funzionato. Inoltre, le morti faticano persino a trovare una degna sepoltura.Mentre gli ospedali e i cimiteri sono saturi, il Senato Boliviano ha approvato una legge che consente al COVID-19 di essere trattato con biossido di cloro.

Di fronte alla crescente minaccia del COVID-19, nelle ultime settimane, la polizia boliviana si è trovata di fronte al duro compito di raccogliere i cadaveri nelle strade e nelle case e certificare le morti per il nuovo coronavirus. Solo tra il 15 e il 20 luglio, gli agenti di sicurezza hanno raccolto più di 400 cadaveri in varie città del Paese sudamericano. In oltre l’80% dei casi, è stata diagnosticata un’infezione da SARS-CoV-2 come causa di morte. “Molti cimiteri non vogliono ricevere morti da COVID-19, e quelli che li ricevono sono saturi”, dice a DW Jan Souverein, direttore della Fondazione Friedrich Ebert in Bolivia , aggiungendo che lo stesso vale per i crematori. “Questo crea una situazione di paura, che si mescola a disinformazione e, in alcuni casi, ignoranza tra la popolazione, per la quale molte persone non vedono altra opzione che portare i morti in piazza”.

Sull’aumento di trattamenti alternativi, l’oncologo boliviano Fernando Patiño Sarcinello, esperto in materia di coronavirus nel Paese andino, sottolinea che molte persone con sospetto COVID-19 non hanno potuto ricevere cure mediche: “Sia gli ospedali pubblici che quelli privati sono saturi, non possono più ricevere nemmeno un paziente, così tante persone hanno preferito restare a casa ad aspettare che guarissero”.

In un’intervista a DW, spiega che la situazione è complicata perché in Bolivia sono diventati molto popolari i trattamenti alternativi “che non producono benefici, ma che sono diventati molto popolari, come il biossido di cloro. Le persone sono sottoposte a cure senza guida medica e quindi molte persone muoiono sole a casa”.

Un governo cialtrone e “inesperto” ma sostenuto da USA ed UE e da una stampa complice. Ad oggi, nel paese sudamericano, sono stati registrati oltre 60.000 infetti e oltre 2.200 morti con 11 milioni di abitanti. Dalla rimozione della quarantena rigida all’inizio di giugno, la curva di contagio sale rapidamente. La città di La Paz, dove il numero dei contagi è alle stelle, potrebbe diventare il nuovo epicentro della pandemia a livello nazionale, superando i casi di contagio a Santa Cruz, la città più colpita dal coronavirus.Lo stesso presidente golpista Jeanine Áñez e sette dei suoi otto ministri, compreso il ministro della Salute, sono stati diagnosticati con COVID-19. “La situazione nel Paese è molto grave”, dice Patiño Sarcinello, che critica “gravi carenze nella risposta” delle autorità, come gli scandali di corruzione e, in generale, la mancanza di esperienza nella gestione della crisi sanitaria.

Secondo Jan Souverein, manca un coordinamento a vari livelli: tra il governo nazionale e i governi dipartimentali e municipali, nonché con l’opposizione politica e altri settori sociali. “Questo crea molte inefficienze nella gestione della crisi”, afferma.

Il senato approva l’uso del biossido di cloro. Il direttore della Fondazione Friedrich Ebert in Bolivia sottolinea la pessima gestione della pandemia: spiega che la rivalità tra potere esecutivo e legislativo, che ha attivato la modalità campagna elettorale, è culminata, tra l’altro, nell’approvazione di un disegno di legge che autorizza la produzione, la vendita e l’utilizzo di biossido di cloro in pazienti con COVID-19.  

La saturazione del cimitero municipale ha permesso nella città boliviana di Santa Cruz, la più colpita dal COVID-19, di seppellire i defunti in un secondo cimitero e di prepararne un terzo.

In Bolivia mancano i farmaci di base oltre i servizi sociali fondamentali. “In preda al panico e alla disperazione, è difficile distinguere tra propaganda, fake news e studi scientifici”, ha scritto l’oncologo boliviano nella sua colonna sul quotidiano Página Siete L’esperto è particolarmente preoccupato per “l’impatto della propaganda e delle fake news sulla popolazione. Purtroppo, ci sono molte persone che seguono consigli o ricette su Facebook o YouTube”, dice.

L’aumento di trattamenti alternativi in Bolivia ha anche portato alla mancanza di farmaci nelle farmacie per curare altre malattie, osserva Patiño Sarcinello. “Le persone sono in uno stato di panico, hanno ansia, angoscia”. Di conseguenza, molti farmaci psicotropi e ansiolitici non sono più sul mercato. “Stiamo affrontando un problema di mancanza di farmaci di base che vengono consumati in modo esagerato”, si lamenta.

La morte in diretta. “No Lies” è il nome di un programma televisivo boliviano che pretende di mostrare la verità degli eventi, anche se è scomodo. Il 17 giugno, il programma è stato riportato in diretta da un ospedale della città di Santa Cruz. Gli spettatori hanno potuto seguire in diretta la lotta contro la morte di un paziente COVID-19, mentre i medici cercavano di salvargli la vita.

Non c’è stato un lieto fine, il paziente è morto e centinaia di migliaia di boliviani sono stati testimoni. Mentre molti hanno criticato lo spettacolo macabro, i produttori si sono difesi, sostenendo di voler lanciare un campanello d’allarme per svegliare le autorità, che, a loro avviso, avevano completamente fallito nella lotta contro la pandemia. 

Il sistema sanitario boliviano è crollato: nessun investimento e pessima amministrazione. Nel Paese sudamericano sono stati registrati più di 50.000 casi di infezione da coronavirus – si teme anche un numero enorme di sommersi – e quasi 2.000 morti. Con lo scoppio del virus, il sistema sanitario boliviano è stato completamente sopraffatto. “La situazione è allarmante perché ora abbiamo sempre più casi di COVID-19 negli altopiani”, afferma il dottor Fernando Patiño, di La Paz. Nelle ultime settimane, il virus si è diffuso dalle aree della giungla ad altre parti del Paese