Gennaio 24, 2021

AFV

Libera la tua mente

Washington potrebbe aumentare la pressione contro Damasco

Ex inviato Gran Bretagna in Siria. Con Blinken, Washington potrebbe aumentare la pressione contro Damasco

l’AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.Dona 1€ Dona 5€ Dona 15€ Importo
È probabile che l’amministrazione di Joe Biden coinvolgerà gli Stati Uniti in più conflitti in Medio Oriente sotto un Dipartimento di Stato guidato da Antony Blinken, che ha apertamente rimpianto il fallimento di Washington nel rovesciare il governo a Damasco, secondo l’ex ambasciatore del Regno Unito in Siria Peter Ford.

Martedì scorso, Biden ha annunciato la sua scelta di Blinken come segretario di stato e Jake Sullivan come consigliere per la sicurezza nazionale, insieme ad altri incarichi di governo.

Gli sviluppi arrivano quando la Russia ha espresso preoccupazione per i processi in corso nei territori siriani sotto il controllo degli Stati Uniti. Ieri, il rappresentante permanente russo presso le Nazioni Unite Vassily Nebenzia ha affermato che le tendenze separatiste provocate dall’occupazione esterna stanno bloccando i tentativi di ripristinare l’integrità territoriale della Siria.

“Blinken si sta profondamente rammaricando per il fatto che [l’ex presidente Barack] Obama abbia annullato i piani per gli Stati Uniti di entrare nel pantano siriano ancora più di quanto non abbiano già fatto, e condannando i degni ma deboli tentativi di Trump di ritirare le truppe statunitensi da Siria “, ha spiegato Ford all’agenzia Sputnik. “La scena è pronta per una belligeranza e interferenze statunitensi più controproducenti in Medio Oriente”.

Trump è stato preso di mira da entrambe le parti per aver tentato di ritirare rapidamente le truppe in Siria, sebbene avesse autorizzato alcune centinaia di membri del personale a rimanere indietro per sequestrare il petrolio del paese. Blinken, oltre a sostenere l’armamento degli estremisti in Siria, ha anche sostenuto l’intervento in Libia, la guerra in Iraq e la campagna saudita nello Yemen.

Ford ha anche ricordato come Blinken ritenga che il ritorno all’accordo sul nucleare iraniano metterà gli Stati Uniti in una posizione più forte per affrontare Teheran sul suo “comportamento destabilizzante”. “Se questa è la mentalità e l’obiettivo che porta al tavolo con l’Iran, la ricalibrazione dei rapporti con l’Iran è morta sul nascere”, ha predetto.

Contrariamente alle valutazioni di Blinken, ha aggiunto Ford, l’Iran ha costantemente svolto un ruolo costruttivo nel bloccare l’espansione degli elementi terroristici in Siria. Ford ha ribadito che il problema più grande è il comportamento “destabilizzante” degli Stati Uniti nella regione “che coinvolge manovre per il una serie di ‘regime change'”

Ford è anche preoccupato per le politiche che Sullivan, come ex consigliere di Hillary Clinton, si unisca a Blinken nell’attuazione di politiche disastrose.

“Nessuna di queste nomine è di buon auspicio per la pace in Medio Oriente, o probabilmente altrove. Entrambe le nomine sono prodotti classici del nastro trasportatore di Washington dei veri credenti nell'”eccezionalismo” americano e nella ‘leadership’ (cioè nel dominio)”, ha evidenziato.

“Nessuno dei due ha mai sostenuto una politica o un principio che all’epoca non fosse di moda nell’establishment di Washington”, ha concluso Ford

https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-ex_inviato_gran_bretagna_in_siria_con_blinken_washington_potrebbe_aumentare_la_pressione_contro_damasco/82_38402/

shares