Gennaio 27, 2021

AFV

Libera la tua mente

India, al via il più grande sciopero al mondo: hanno aderito in 200 milioni

Giovedì scorso oltre 200 milioni di lavoratori hanno tenuto uno sciopero generale di un giorno in India. Sono stati raggiunti da agricoltori in azioni di massa in tutto il paese contro il governo di destra di Narendra Modi.

di Maria Aurelio – Left Voice

Giovedì, circa 200 milioni di lavoratori hanno tenuto uno sciopero generale di un giorno in India. Questa massiccia giornata di azione è stata indetta da 10 sindacati e oltre 250 organizzazioni di agricoltori ed è stata accompagnata da massicce proteste e da una chiusura quasi totale di alcuni stati indiani. Secondo l’appello lanciato dai sindacati, lo sciopero generale è stato organizzato contro “le politiche antipopolari, anti-operaie, antinazionali e distruttive del governo Bjp guidato dal primo ministro Narendra Modi”.

Le loro richieste includevano:

  • Il ritiro di tutte le “leggi anti-agricoltore e codici del lavoro anti-operaio”
  • Il pagamento di 7.500 rupie nei conti di ciascuna famiglia non pagante
  • Fornitura mensile di 10 kg di cibo alle famiglie bisognose
  • L’espansione del MGNREGS (Mahatma Gandhi National Rural Employment Guarantee Act del 2005) per includere 200 giorni lavorativi ogni anno, salari più alti e l’estensione della legge alle industrie urbane
  • Fermare la “privatizzazione del settore pubblico, compreso il settore finanziario, e fermare la corporativizzazione di enti di produzione e servizi gestiti dal governo come ferrovie, fabbriche di artiglieria, porti, ecc.”
  • Il ritiro del “draconiano pensionamento prematuro forzato dei dipendenti del governo e del PSU (settore pubblico)”
  • Pensioni per tutti, la demolizione del Sistema Pensionistico Nazionale e il ripristino del precedente piano pensionistico con modifiche

I lavoratori di quasi tutte le principali industrie indiane – inclusi acciaio, carbone, telecomunicazioni, ingegneria, trasporti, porti e banche – si sono uniti allo sciopero. Anche studenti, collaboratori domestici, tassisti e altri settori hanno partecipato alla giornata di azione a livello nazionale.

Oltre alle richieste dello sciopero nazionale, alcuni settori hanno avanzato richieste specifiche per il settore per combattere gli attacchi del governo alle loro industrie che colpiscono l’intera classe lavoratrice in India. Ad esempio, i dipendenti delle banche stanno combattendo contro la privatizzazione delle banche, l’outsourcing, la riduzione dei costi di servizio e l’azione contro le grandi insolvenze aziendali.

Altre industrie hanno inquadrato le loro richieste nel contesto della spaventosa risposta del governo alla crisi pandemica ed economica che ha colpito l’India. Come affermato dalla dichiarazione della Bombay University and College Teachers ‘Union:

“Questo sciopero è contro la devastante crisi sanitaria ed economica scatenata dal COVID-19 e il blocco dei lavoratori del paese. Ciò è stato ulteriormente aggravato da una serie di legislazioni antipopolari sull’agricoltura e dal codice del lavoro emanate dal governo centrale. Insieme a queste misure, la politica educativa nazionale (NEP) imposta alla nazione durante la pandemia causerà ulteriori danni irreparabili all’equità e all’accesso all’istruzione.”

Lo sciopero generale è avvenuto nel contesto della devastazione provocata dalla pandemia di coronavirus in India. L’India ha più di 9,2 milioni di persone infettate da Covid-19, il secondo conteggio più alto al mondo. Dall’inizio della pandemia, secondo i dati ufficiali, quasi 135.000 indiani sono morti. È probabile che i numeri siano molto più alti. A questo si aggiungono milioni di persone che hanno perso un reddito e che ora affrontano un aumento della povertà e della fame, in un Paese in cui anche prima della pandemia il 50 per cento dei bambini soffriva di malnutrizione.

La pandemia si è diffusa dalle principali città come Delhi, Mumbai e altri centri urbani alle aree rurali dove l’assistenza sanitaria pubblica è scarsa o inesistente. Il governo di Modi ha gestito la pandemia dando la priorità ai profitti delle grandi imprese e proteggendo le fortune dei miliardari rispetto alla protezione delle vite e dei mezzi di sussistenza dei lavoratori.

Per resistere a questi attacchi – molti dei quali sono iniziati anche prima della pandemia – agricoltori e lavoratori rurali protestano da diversi mesi. Si sono uniti allo sciopero nazionale questa settimana, organizzando azioni in tutto il paese. I piccoli agricoltori dei tre principali stati dell’India basati sull’agricoltura hanno marciato fino a Delhi per protestare contro le leggi approvate dal governo di Modi che avrebbero consentito una maggiore libertà aziendale e un’agricoltura industriale. Entrando a Delhi, sono stati accolti con gas lacrimogeni ed una brutale repressione da parte della polizia.

Il governo nazionalista e di destra ha usato la pandemia per intensificare la persecuzione dei musulmani e dei lavoratori migranti. A Nuova Delhi in aprile, i lavoratori migranti che tornavano a casa dopo essere rimasti bloccati dalla chiusura a livello nazionale sono stati brutalmente lavati con la candeggina usata per disinfettare gli autobus.

Modi ha anche intensificato la sua retorica nazionalista, soprattutto contro la Cina, nel tentativo di capitalizzare la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e approfondire la sua cooperazione strategica e militare con gli Stati Uniti.

shares