Ci risiamo, di fronte ad una possibile vittoria elettorale legittima di un candidato presidenziale non gradito a Washington, il Parlamento Europeo si prepara a non riconoscerlo.
Il Parlamento Europeo, infatti, ha ieri annunciato che non esprimerà valutazioni sulle elezioni presidenziali in Ecuador, previste per domenica prossima, poiché non ha inviato alcun osservatore, pur invitato a farlo.
I sondaggi danno come possibile vincitore al primo turno il candidato delle sinistre Arauz.

“Il Parlamento Europeo non osserverà le elezioni e, pertanto, non commenterà il processo o i risultati”, hanno affermato ieri in una dichiarazione, David McAllister e Tomas Tobé, co-presidenti del Parlamento Europeo a sostegno della democrazia e Coordinamento elettorale del PE.

Secondo la nota, “nessun membro del Parlamento Europeo ha ricevuto l’ordine di osservare o commentare questo processo elettorale per conto del Parlamento stesso e, se un parlamentare europeo decide di parteciparvi, lo farà a titolo personale e la sua presenza o dichiarazione non dovrà essere associata in nessun caso con il Parlamento Europeo”.

McAllister e Tobé non hanno menzionato nel testo alcun membro del Parlamento Europeo in particolare, nonostante il fatto che l’eurodeputato Manu Pineda della Sinistra GUE/NGL, eletto in Spagna con Unidos Podemos, avesse recentemente indicato di aver chiesto alle autorità europee di essere accreditato come osservatore .

Il Parlamento ha voluto prendere le distanze dal processo di osservazione internazionale delle elezioni in Ecuador, nonostante il fatto che, secondo un documento dell’Organo Elettorale Ecuadoriano a cui ha avuto accesso l’agenzia di stampa spagnola EFE, almeno 260 osservatori internazionali supervisioneranno le elezioni generali del paese sudamericano, tra cui l’Unione Europea (UE), l’Organizzazione degli Stati Americani (OSA/OEA), l’Unione Interamericana degli Organi Elettorali (Uniore), l’Associazione Mondiale degli Organi Elettorali (A-WEB) e il Corpo Diplomatico.

Circa 13 milioni di ecuadoriani sono chiamati a recarsi alle urne il 7 febbraio per eleggere il presidente e il vicepresidente del Paese. Inoltre, insieme al primo turno elettorale presidenziale, si terranno le elezioni legislative, in cui saranno eletti rappresentanti del Parlamento Andino e membri dell’Assemblea per lo stesso periodo.

Secondo i sondaggi, il favorito per assumere la presidenza del Paese è il candidato delle sinistre Andrés Arauz, la cui formula elettorale è sostenuta dall’ex presidente dell’Ecuador Rafael Correa.

https://www.hispantv.com/noticias/ecuador/486880/eurocamara-elecciones-ecuatorianos

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy