L’operazione mediatica che mette insieme tutti i maggiori quotidiani e le testate giornalistiche italiane nella beatificazione di Draghi spiega molte cose: a partire dal cattivo stato di salute della libertà di stampa nel nostro Paese.

Crediamo in una stampa libera, nel “quarto potere” che ha la funzione di controllo sull’operato di politici, magistrati e sulle istituzioni democratiche. Tuttavia la precarietà di collaboratori e giornalisti pubblicisti che riempiono le pagine dei giornali per pochi euro a pezzo, e soprattutto le scelte degli editori e degli inserzionisti pubblicitari rendono questo “potere” sempre meno democratico.

Nella classifica sulla libertà di stampa, l’Italia nel 2020 era al 41° posto: il fatto che su ogni media in questi giorni compaia Draghi come “il salvatore”, “l’uomo pio”, “il sapiente”, “il generoso” è quindi il sintomo di una malattia degenerativa grave che ha a che fare con la crisi della democrazia in questo Paese.

Potere al popolo

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy