“Il governo indiano deve immediatamente fermare la crescente repressione di manifestanti, leader del settore agricolo e giornalisti coinvolti nelle proteste in corso in tutta la nazione contro le tre nuove leggi sull’agricoltura”. Così Amnesty International in un comunicato, chiedendo il rilascio immediato e incondizionato “di tutte le persone arrestate esclusivamente per aver esercitato in maniera pacifica i propri diritti alla libertà di espressione e riunione pacifica”.
“Invece di svolgere indagini sulle notizie di violenze nei confronti dei manifestanti e di assicurare i sospetti colpevoli alla giustizia – denuncia l’Ong -, le autorità hanno provveduto a impedire l’accesso ai luoghi della protesta, bloccare Internet, censurare i social media e utilizzare leggi draconiane nei confronti di manifestanti che, ormai da mesi, esprimono pacificamente la loro opposizione alle nuove leggi”. “Abbiamo assistito a un’allarmante escalation in cui le autorità indiane prendono di mira chiunque osi criticare o protestare contro le leggi e le politiche repressive del governo. La repressione del dissenso nel paese lascia poco spazio alla possibilità di esercitare diritti umani quali il diritto alla libertà di espressione, associazione e riunione pacifica”, ha dichiarato Rajat Khosla, direttore della ricerca, dell’advocacy e delle politiche di Amnesty International.

http://www.controlacrisi.org/notizia/Politica/2021/2/10/53889-india-amnesty-international-contro-modi-basta-repressione/

Di L.M.

Appassionato sin da giovanissimo di geopolitica, è attivo nei movimenti studenteschi degli anni novanta. Militante del Prc, ha ricoperto cariche amministrative nel comune di Casteldelci e nella C.M. Alta Valmarecchia. Nel 2011 crea il blog Ancora fischia il vento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito utilizza cookie indispensabili per il suo funzionamento. Facendo clic su Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookie.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy