Dicembre 1, 2021

AFV

Libera la tua mente

LILIAN E MARIA CARMEN ASSASSINATE ERANO BAMBINE E LICHITA DEVE APPARIRE VIVA.

Anahi, sorella gemella di Lichita con una sua foto, Lilian e Maria Carmen.


Francesco Cecchini


PROLOGO.
Il Paraguay è sempre stato poco meno di una terra sconosciuta: unisola circondata da terra nel cuore del continente… El Paraguay come nazione e come popolo è uno dei paesi in America che ha sofferto un grande peso di peripezie e vicissitudini.”
Roa Bastos con questa metafora sintetizzò la realtà non solo geografica, ma anche sociale, politica ed economica del Paraguay. Un isola di terra rossa senza mare. Una metafora ancora valida, per certi versi, oggi. Questo paese soffre ancora peripezie e vicessitudini storiche. Basti pensare alla questione della terra. Le fertili terre agricole del Paraguay si concentrano in mano di pochi latifondisti che scacciano i campesinos per produrre soia e bovini, i principali prodotti di esportazione. Un 2.5% della popolazione del possiede l85% della terra, facendo del Paraguay uno dei paesi con più latifondi in America Latina e nel mondo intero. Per lo meno dai tempi del dittatore Alfredo Stroessner, è presente la correlazione tra politica e crimine alle spese del popolo. L assassinio delle due bambine Carmen e Lilian per mano di un reparto dell esercito e la sparizione di un altra bambina, Lichita, sono drammatici episodi di una realtà, il Paraguay, fatta di corruzione, distruzione delle risorse e repressione.
INTERVISTA, COLLOQUIO.
Intervista a Gustavo Franquet della Gremial de Abogados ( Unione Avvocati) fatta da Mario Hernández, pubblicata su La Haine dello scorso primo marzo e tradotta da Francesco Cecchini per Ancora Fischia il Vento.
Il link con l’ intervista originale è il seguente:
https://www.lahaine.org/mm_ss_mundo.php/eran-ninas-aparicion-con-vida
L’ intervista, colloquio è molto utile per capire cosa è accaduto, sta accadendo e accadrà.
Mario Hernández: Accompagnata da organizzazioni per i diritti umani, organizzazioni sociali e politiche, la campagna internazionale “Erano bambine. Apparizione di Lichita in vita, adesso!” ha organizzato giovedì 25 febbraio alle 17:00 in Plaza de Mayo una manifestazione per chiedere integrità e vita di Carmen Lichita Oviedo Villalba, che è stata rapita dalla Fuerzas de Tarea Conjunta ( FTC) dell’esercito paraguaiano il 30 novembre dello scorso anno. In precedenza, il 2 settembre, le sue cugine, Lilian e María Carmen Villalba, entrambe di 11 anni, sono state rapite, torturate, violentate e assassinate. E il delitto è stato celebrato dal presidente Mario Abdo Benítez che ha accusato le ragazze di essere “guerrigliere pericolose”, mentendo anche sulla loro età, poi corroborata da un controllo giudiziario. Carmen “Lichita” Villalba è nata in carcere, è figlia di prigionieri politici dell’ Ejército del Pueblo Paraguayo (EPP) e ha vissuto a Puerto Rico, Misiones, Argentina, come María Carmen e Lilian. Tra le molte vessazioni alla famiglia Villalba, venne messa in prigione anche Laura Villalba, madre della bambina assassinata, María Carmen. Laura, un’ operatrice sanitaria in Argentina, è stata falsamente accusata di essere un’ infermiera dell’ Ejército del Pueblo Paraguayo, EPP, e rimane isolata e incommunicata in una prigione militare. Tutte queste violazioni dei diritti umani sono tipiche del regime stronista. Gustavo Franquet: In Paraguay la realtà degli ultimi anni è la conseguenza di qualcosa di storico. È statisticamente comprovato. Il Paraguay ha uno degli indici di concentrazione della terra più alti al mondo. Ciò significa che il 90% delle proprietà agricole che coprono l’80% del territorio sono in mano al 5%. È un paese di latifondi, dove l’ economia, tra le altre cose, ruota attorno alla produzione di soia e carne. Come merce per i mercati internazionali, non per sfamare nessuno, ma come impresa per la nuova era del capitalismo. Questa concentrazione della terra non è venuta dal nulla, è un processo molto vivo, questa espropriazione della terra dai contadini. Negli ultimi 40 anni, infatti, il trend si è approfondito e la popolazione paraguaiana, prevalentemente contadina, si è ridotta al 40%. È stata spogliata della terra e del rapporto che storicamente i contadini del Paraguay avevano con la terra, la loro vita costruita intorno alla vita contadina. Ciò è stato fatto e continua ad essere fatto in modo molto violento e il regime della vita in campagna è molto dispotico e violento. Tutti i campi hanno la sicurezza privata, la stessa che vediamo alla porta dei nostri edifici, lì sono nei latifondi e armati molto pesantemente. E hanno l’ impunità di giustiziare i contadini che possono essere sorpresi a massacrare un animale o a compiere qualsiasi tipo di azione che infastidisca i proprietari terrieri. Inoltre, dalla caduta di Stroessner nel 1989 e dall’installazione di questa cosiddetta democrazia, circa 150 leader contadini sono stati giustiziati da sicari. Non parlo di morti durante mobilitazioni o repressioni, ma di esecuzioni. Il destino del contadino da reprimere in Paraguay è molto comune, due sicari di solito si avvicinano in motocicletta e lo giustiziano. È successo un sacco di volte, così come con i giornalisti. Le lotte contadine sono da molto prima della comparsa dell’ EPP e molto prima della creazione della Fuerzas de Tarea Conjunta ( FTC) La partecipazione delle forze militari alla repressione interna legalizzata risale a quasi 10 anni fa. L’ esercito stava già proteggendo apertamente dalle lotte contadine le grandi proprietà . L’ esercito che per la legge dell’epoca non poteva partecipare alla repressione interna tuttavia, proteggeva dalle lotte contadine apertamente i latifondi. Una delle prime azioni dell’ EPP, infatti, è consistita nel bruciare una postazione dell’ esercito che si trovava alle porte di un latifondo, lontano da confini patrii e lontano da ogni ipotesi di conflitto con lo straniero. Che cosa fa un distaccamento militare alla porta di un latifondo, viene da chiedersi, protegge un latifondo, il suo padrone e il suo modo di esercitare il suo potere nel latifondo, che, poi, tutto ciò diviene legge.
Mario Hernández: Gremial de Abogados ( Unione Avvocati) ha annunciato che il rifugio politico in Argentina è stato ottenuto per i parenti di Carmen Villalba, prigioniera politica in Paraguay, bambini e compagne, sorelle e madre. Gustavo Franquet: Come conseguenza di tutto ciò che ho detto prima, sono emerse diverse espressioni di organizzazioni contadine e della loro militanza più determinata, più radicalizzata e di sinistra, è emersa un’organizzazione chiamata “Patria Libre”distrutta dall’intervento statale. Da lei un gruppo molto giovane, perché la dirigenza era tutta imprigionata, esiliata e in alcuni casi morta, si rifugiò e assunse una vita clandestina in montagna e creò quello che oggi è conosciuto come EPP. Una parte di questi giovani appartiene alla famiglia Villalba. In questo momento Carmen Villalba, sorella di uno dei guerriglieri che si trovano nel nord del Paraguay, era già incarcerata perché apparteneva a Patria Libre e sta scontando una pena per un rapimento estorsivo. Da quel momento in poi, la famiglia composta dalle sue sorelle e dalla madre che si occupava dei loro figli, sia di Carmen che i loro, e in alcuni casi i figli di altri membri della famiglia imprigionati e alcuni di coloro che erano nati in clandestinità. iniziarono ad essere perseguitati, una lunga storia di molestie che li portò a rifugiarsi in Argentina molti anni fa, tra 10 e 12 anni fa. “Rifugio” in senso lato, perché non avevano asilo politico, sono venuti in Argentina, secondo la famiglia, un figlio di 14 anni di Carmen Villalba è stato assassinato nella città di Clorinda a Formosa. Lo hanno fumigato con una sostanza, lo stesso giorno si è decomposto ed è morto per quello che è stato descritto come shock anafilattico dai medici. Dopo essere andati e venuti, nascondendosi e cercando di trovare un luogo di tranquillità per i bambini, si sono finalmente stabiliti a Puerto Rico, Misiones e dal 2010 sono lì. Il problema è che nel 2019 alcune delle ragazze più grandi hanno deciso di incontrare i loro genitori che erano nei guerriglieri dell’ EPP avevano già conosciuto la loro identità e la militanza dei loro genitori. Dopo molte discussioni, la famiglia ha deciso di autorizzare questo viaggio, sono andate con una delle sorelle di Carmen e Laura Villalba in Paraguay. Era la fine del 2019. Quando dovettero tornare alla loro scuola, alla loro vita normale, anche Laura al suo lavoro di infermiera, si trovarono messi in quarantena da Covid e non poterono tornare in Argentina. Era marzo, come tutti sappiamo, e a settembre quando erano in un campo di parenti, non combattenti, con alcuni militanti che si prendevano cura di loro, furono attaccati dall’Esercito, María Carmen Villalba e Lilian Mariana Villalba , cugine di 11 anni, sono state catturate vive. Poi il governo ha detto che erano state uccise in uno scontro, che erano donne grandi, poi avevano tra i 17 ei 18 anni, fino alla fine, e a causa della pressione, perché l’Argentina ha riferito che avevano 11 anni, un nuovo studio è stato effettuato nell’obitorio di Asunción, i corpi che erano stati sepolti distruggendo le prove sono stati riesumati ed è stato accertato che avevano 11 anni. Il governo paraguaiano ha lanciato un’intera campagna di accusa ai genitori, dicendo che sono soldati, che l’ EPP usa bambini combattenti, che non ha basi. Questa situazione, il Covid, l’insicurezza e la persecuzione da parte dell’ Esercito fino a fine novembre le zie con due ragazze e una ragazza adolescente di 18 anni, che cercavano di trovare una via d’uscita, sono state nuovamente aggredite, accompagnate da tre militanti. dell’ EPP, che vengono giustiziati, secondo le dichiarazioni dello stesso Esercito, il quale afferma di essere stati sorpresi durante la notte e giustiziati con i fucili. Lì resta ferita Carmen Elisabeth, figlia di Carmen Villalba e della sorella gemella Tamara Anahí e Betania, che insieme alla zia si sono perse tra le montagne, nella zona del Cerro Guasú. Si perdono tra loro, perché non conoscono il posto, si muovono per prendere acqua e cibo; fino a quando le ragazze vengono lasciate da una parte e la zia e Lichita (Carmen Elisabeth) dall’altra. Nella cornice di quella zona militarizzata, dove vengono perseguitati e colpiti dalle pattuglie militari, Lichita è finalmente scomparsa. La zia la cerca disperatamente, alla fine va in una zona popolata perché non riesce a trovare la nipote e le altre due ragazze che non è riuscita a trovare neanche lei. Allo stesso tempo, le altre due ragazze, con l’aiuto della popolazione, arrivano in Argentina a fine novembre, inizio dicembre. In questo contesto di persecuzione della famiglia per molti anni, che è dimostrato, dove il governo paraguaiano ha anche ipotizzato di avere droni in Argentina sulla casa della famiglia che risiede qui, e che non hanno nulla a che fare con i guerriglieri. In altre parole, il governo paraguaiano ha introdotto i droni nel territorio argentino. Detto questo, il governo argentino offre rifugio politico in modo che la famiglia possa continuare a vivere nel paese senza rischi, per questo hanno dovuto trasferirsi.
Mario Hernández: Qual è l’obiettivo di questa manifestazione di giovedì alle 17:00 in Plaza de Mayo? Gustavo Franquet: La campagna ” Sono Bambine” è stata lanciata in Paraguay da un gruppo di colleghe femministe che sono state erano tra i poche a denunciare il crimine in quel paese. È stata fatta propria da diverse organizzazioni in Argentina e anche dall’Unione degli Avvocati di cui faccio parte; è stata promossa e sempre più organizzazioni si sono unite; c’è una risposta che è degna della nostra storia in termini di diritti umani, organizzazioni sociali e politiche nel nostro Paese, l’ Argentina. In questo contesto, le Organizzazioni per i Diritti Umani che si riuniscono in modo permanente e la Memoria, Verità e Giustizia, hanno deciso di convocare questo giovedì in Plaza de Mayo un atto incentrato sulla richiesta di chiarimenti e giustizia per il crimine commesso contro Lilian e María Carmen, le ragazze argentine di 11 anni. Che lo Stato paraguaiano fornisca le informazioni necessarie ed faccia comparire viva Lichita, che è tenuta prigioniera a seguito di un’operazione militare in Paraguay e ovviamente chiede la libertà di Laura Villalba, che è stata catturata in questo contesto. Era un’infermiera in Paraguay, quando è venuta a vivere in Argentina ha dovuto rifarsi la laurea e ha lavorato qui come tale. Dopo aver sentito queste informazioni, i media paraguaiani l’hanno definita una “infermiera dell’ EPP” senza alcun fondamento perché viveva e lavorava in Argentina e i suoi figli vivono e vanno a scuola qui. Questi sono i tre motivi, soprattutto la ricomparsa viva di Lichita. Ci sono colleghi che si sono recati in Paraguay per raccogliere informazioni su dove si trova.
Mario Hernández: C’è intervento da parte di organizzazioni internazionali? Gustavo Franquet: Sì. Rispettando tutta la metodologia utilizzata dalle organizzazioni internazionali, ovvero, una volta ricevuta la denuncia, ne confermano la veridicità, e poi si rivolgono al governo chiedendo informazioni. Una volta esaurito, perché il Paraguay ha risposto in modo assurdo e in altri casi non risponde, alla fine Michelle Bachelet, capo del comitato per i diritti umani delle Nazioni Unite, ha rilasciato una dichiarazione pubblica chiedendo che il governo paraguaiano si comporti in conformità con gli standard internazionali sui diritti umani. , vale a dire che ha consentito la partecipazione della famiglia e le condizioni per una seria inchiesta sull’omicidio delle due ragazze; che ancora non viene fatto dal governo, l’esecutivo e la magistratura rimangono ignari di tutto questo. E anche che si chiarisce la situazione di Lichita, che manca. Attraverso i canali diplomatici non c’è risposta dal governo paraguaiano. Infatti, aveva già risposto ad una precedente dichiarazione del funzionario regionale dell’Onu, attaccando questa persona, dicendo che era una persona non gradevole, che non l’avrebbe preso come interlocutore e ora ha anche respinto dicendo che Bachelet lo fa. Non ascolto le ragioni dello Stato paraguaiano che secondo loro sono molto convincenti. Inoltre, afferma di essere alla ricerca di Lichita, ma non dà una spiegazione di come lo stia facendo, e non c’è azione al riguardo, né c’è nulla in riferimento a chiarire il crimine delle altre due ragazze. Interviene anche l’ONG Human Rights Watch si è occupata del caso, ha chiesto spiegazioni al governo paraguaiano, ha consultato un gruppo di esperti forensi internazionali di alto livello che ha esaminato le prove disponibili e ha concluso che ciò che il governo paraguaiano sta facendo è nascondere le prove. Non consentono l’ autopsia perché la legge paraguaiana dice che un’ autopsia viene eseguita solo quando ci sono dubbi sul motivo della morte ed in questo caso è molto chiaro che le ragazze sono morte perché sono state colpite molte volte, quindi negano l’autopsia . Ciò significa che non è possibile conoscere la distanza degli spari e molte informazioni come se siano stati picchiat e torturate, se, come sospetta la famiglia, sono state violentate. Non è mai stata fatta un’autopsia, solo alcuni studi con l’ intenzione di incriminare la famiglia, è stato estratto il DNA per dimostrare che non sono le figlie di chi afferma di esserlo, come se ciò avesse qualcosa a che fare con il fatto che l’Esercito di un paese uccide due ragazze di 11 anni. Inoltre, la loro identità è chiara, sono ragazze argentine. Ciò che pensa il governo paraguaiano non ha fondamento. Stanno cercando scuse perché politicamente in Paraguay hanno avuto spazio l’ idea che se sono bambinenon devono essere lì perché sono soldati e perché in Argentina hanno anche una specie di rifugio dove vengono allevate come bambine piccole per poi essere guerrigliere e portarli sulla selva del Paraguay. Un’ illusione, si tratta di una società formata dalla dittatura di Stroessner e da un presidente figlio del segretario privato di Stroessner. Quando questi si preoccupa di come vengono allevati alcuni bambini e dice che i loro genitori li trasformano in sovversivi, dovremmo tutti pensare che è cresciuto tra genocidi, pedofili, torturatori, ecc. E mancandogli qualcosa nell’ addestramento, andò in una scuola militare negli Stati Uniti.
DIFFUSIONE DEL TRAGICO EVENTO. La diffusione della tragica vicenda per ottenere giustizia per le due bambine assassinate, , e la riapparizione con vita di Lichita sta andando bene in Argentina e in Paraguay, ma anche in tutta l’ America Latina. Per esempio recentemente l’ ex senatrice colombiana Piedad Córdoba ha inviato una lettera aperta al presidente del Paraguay, Mario Abdo Benítez. In Spagna La Haine scrive sulla tragedia, In Italia Ancora Fischia il Vento segue passo a passo gli avvenimenti. Claudia Fanti il 14 febbraio ha scritto un ottimo articolo su Il Manifesto dal titolo significtivo: Erano bambine non combattenti.
MANIFESTAZIONI. Recentemente sono state organizzate le seguenti manifestazioni. Il 25 febbraio a Plaza del Mayo, Buenos Aires. Lunedì primo marzo alle 10:00 ci davanti al consolato paraguaiano a La Plata. Martedì due marrzo davanti all’ ambasciata del Paraguay a Buenos Aires.

Manifestazione per chiedere giustizia per le due bambine assasinate, Lilian e Maria Carmen. e per la rapparizione con vita di Lichita.